16 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/12/2017, 12.29

    VATICANO

    Papa: Dio è “padre e madre” ed è anche “papà”



    ““È il Dio grande che si fa piccolo e nella sua piccolezza non smette di essere grande. E in questa dialettica grande è piccolo: c’è la tenerezza di Dio”. Che si manifesta nelle piaghe. “Le mie piaghe, le tue piaghe, quando si incontra la mia piaga con la sua piaga. Nelle loro piaghe siamo stati guariti”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Dio è “padre e madre” ed è anche “papà”, è “tenerezza” che si manifesta soprattutto davanti alle nostre “piaghe”. L’ha detto papa Francesco nell’omelia della messa che ha celebrato stamattina a Casa santa Marta, prendendo spunto dalla prima Lettura presa dal Libro del profeta Isaia e dal salmo dove di Dio si dice: “… la sua tenerezza si espande su tutte le creature”. L’immagine presentata da Isaia è quella di un Dio che parla come un papà col bambino, rimpicciolendo la voce per renderla il più possibile simile alla sua. E prima di tutto lo rassicura accarezzandolo: ”Non temere, Io ti vengo in aiuto”.

    “Sembra che il nostro Dio voglia cantarci la ninna nanna. Il nostro Dio è capace di questo. La sua tenerezza è così: è padre e madre. Tante volte ha detto: ‘Ma se una mamma si dimentica del figlio, Io non ti dimenticherò’. Nelle proprie viscere ci porta. È il Dio che con questo dialogo si fa piccolo per farci capire, per fare che noi abbiamo fiducia in Lui e possiamo dirgli con il coraggio di Paolo che cambia la parola e dice: ‘Papà, Abbà’. Papà … È la tenerezza di Dio”.

    E’ vero, a volte Dio ci bastona, Lui è il grande, ma con la sua tenerezza si avvicina a noi e ci salva. E questo è un mistero e una delle cose più belle. “È il Dio grande che si fa piccolo e nella sua piccolezza non smette di essere grande. E in questa dialettica grande è piccolo: c’è la tenerezza di Dio. Il grande che si fa piccolo e il piccolo che è grande. Il Natale ci aiuta a capire questo: in quella mangiatoia … il Dio piccolo. Mi viene in mente una frase di San Tommaso, nella prima parte della Somma. Volendo spiegare questo: ‘Cosa è divino? Cosa è la cosa più divina?’, dice: ‘Non coerceri a maximo  contineri tamen a minimo divinum est’, cioè non spaventarsi delle cose grandi, ma tenere conto delle cose piccole. Questo è divino, tutti e due insieme”.

    Dio non solo ci aiuta, ma ci fa anche delle promesse di gioia, di un grande raccolto, per aiutarci ad andare avanti. Dio che, ha ripetuto Francesco, non solo è padre ma è papà: “Io sono capace di parlare con il Signore così o ho paura? Ognuno risponda. Ma qualcuno può dire, può domandare: ‘Ma qual è il luogo teologico della tenerezza di Dio? Dove si può trovare bene la  tenerezza di Dio? Qual è il posto dove si manifesta meglio la tenerezza di Dio?’. ‘La piaga”. Le mie piaghe, le tue piaghe, quando si incontra la mia piaga con la sua piaga. Nelle loro piaghe siamo stati guariti”.

    Come nella parabola del Buon Samaritano: lì qualcuno si è chinato sull’uomo incappato nei briganti e lo ha soccorso pulendo le sue ferite e pagando per la sua guarigione. Ecco “il luogo teologico della tenerezza di Dio: le nostre piaghe”. E il Papa ha concluso esortando a pensare durante la giornata all’invito del Signore: “Dai, dai: fammi vedere le tue piaghe. Io voglio guarirle”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/04/2017 11:45:00 VATICANO
    Papa: in un mondo dominato dal denaro, rimettere al centro la persona

    Videomessaggio di Francesco al TED 2017. Il progresso scientifico e tecnologico non deve accrescere il divario tra nazioni e popoli. La “rivoluzione della tenerezza”, che è “usare gli occhi per vedere l’altro, usare le orecchie per sentire l’altro, per ascoltare il grido dei piccoli, dei poveri, di chi teme il futuro”. “Anch’io sono nato in una famiglia di migranti” e “anch’io avrei potuto essere tra gli ‘scartati’ di oggi”. Perciò nel mio cuore rimane sempre quella domanda: “Perché loro e non io?”



    01/06/2014 VATICANO
    Papa: Ascensione, Gesù parte al Cielo; i discepoli partono verso il mondo
    Al Regina Caeli papa Francesco sottolinea che Gesù, asceso al Padre, rimane accanto a noi "anche qui in piazza": Il suo "regalo" al Padre sono le sue piaghe, "il prezzo del perdono" che il Padre è costretto a dare sempre. La Chiesa è una comunità "in uscita"; anche le comunità di clausura; anche gli anziani e i malati. Il ricordo delle vittime della violenza in Ucraina e nella Repubblica centrafricana e la preghiera a Maria, Regina della pace. La Giornata mondiale delle comunicazioni sociali e la beatificazione di Madre Speranza di Colvalenza.

    11/05/2013 VATICANO
    Papa: la vera preghiera è quella in nome di Gesù, ci fa uscire da noi stessi e ci apre al Padre e ai fratelli più bisognosi
    Celebrando la messa di oggi, Francesco osserva che tante volte ci annoiamo nella preghiera, che non è chiedere questo o quello, ma è "l'intercessione di Gesù, che davanti al Padre gli fa vedere le sue piaghe". "Se noi non riusciamo ad uscire da noi stessi verso il fratello bisognoso, verso il malato, l'ignorante, il povero, lo sfruttato, se noi non riusciamo a fare questa uscita da noi stessi verso quelle piaghe, non impareremo mai la libertà che ci porta nell'altra uscita da noi stessi, verso le piaghe di Gesù.

    03/06/2014 VATICANO
    Papa: Gesù è il nostro avvocato, ci difende, anche se siamo colpevoli e abbiamo commesso tanti peccati
    "E oggi come prega Gesù? Io credo che non parli troppo con il Padre". "Non parla: ama. Ma c'è una cosa che Gesù fa, oggi, sono sicuro che la faccia. Gli fa vedere al Padre le sue piaghe e Gesù, con le sue piaghe, prega per noi come se dicesse al Padre: 'Ma, Padre, questo è il prezzo di questi! Aiutali, proteggili. Sono i tuoi figli che io ho salvato, con questo'".

    12/11/2013 VATICANO
    Papa: affidarsi "alle mani di Dio", un padre che "anche quando deve rimproverarci lo fa con una carezza", mai con "uno schiaffo"
    Anche di fronte alla morte, "una cosa è passare per questa esperienza con una appartenenza al diavolo e un'altra cosa è passare per questa esperienza dalla mano di Dio". ". La Bibbia ci spiega la Creazione, usando una immagine bella: Dio che, con le sue mani ci fa dal fango, dalla terra a Sua immagine e somiglianza. Sono state le mani di Dio che ci hanno creato: il Dio artigiano, eh! Come un artigiano ci ha fatto. Queste mani del Signore... Le mani di Dio, che non ci hanno abbandonato".



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®