27 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/12/2016, 16.15

    VATICANO

    Papa: Giovanni il Battista, la verità e il primo passo



    Durante la messa alla casa Santa Marta papa Francesco che si è concentrato sulla figura di Giovanni Battista. La forza della predicazione dell’ultimo dei profeti e i suoi “momenti bui”. Un grande santo che si poteva “permettere il dubbio” quando è arrivato un Messia che non si aspettava.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – “Chiediamo a Giovanni la grazia del coraggio apostolico di dire sempre le cose con verità, dell’amore pastorale, di ricevere la gente col poco che può dare, il primo passo. Dio farà l’altro”. È sulla figura di Giovanni Battista che si è concentrata l’omelia pronunciata questa mattina da papa Francesco durante la messa a Santa Marta.

    Tutti andavano a trovare “l’ultimo dei profeti”, ha detto il papa, anche i farisei e i dottori della legge. Essi andavano “con distacco”, per giudicarlo e non per farsi battezzare.

    “Predicava forte – ha aggiunto il pontefice – diceva delle cose brutte ai farisei, ai dottori della legge, ai sacerdoti, non diceva loro: ‘Ma cari, comportatevi bene’. No. Semplicemente diceva loro: ‘Razza di vipere’, così semplicemente. Non andava con sfumature. Perché si avvicinavano per controllare e per vedere ma mai col cuore aperto: ‘Razza di vipere’. Rischiava la vita, sì, ma lui era fedele. Poi a Erode, in faccia, gli diceva: ‘Adultero, non ti è lecito questo vivere così, adultero!’. In faccia! Ma è sicuro che se un parroco oggi nell’omelia domenicale dicesse: ‘Fra voi ci sono alcuni che sono razza di vipere e ci sono tanti adulteri’, di sicuro il vescovo riceverebbe lettere di sconcerto: ‘Ma mandate via questo parroco che ci insulta’. E questo insultava. Perché? Perché fedele alla sua vocazione e alla verità”.

    Giovanni sapeva anche essere giusto. Ai pubblicani, peccatori pubblici perché sfruttavano il popolo, diceva: “Non chiedete più del giusto”. “Incominciava da poco. Poi vedremo. E li battezzava”. Ai soldati, ai poliziotti, chiedeva di non minacciare né denunciare nessuno e di contentarsi del loro stipendio: “Questo vuol dire non entrare nel mondo delle tangenti”. “Quando un poliziotto ti ferma, ti fa la prova dell’alcol, c’è un po’ di più: ‘Eh, no, ma… Quanto? Dai!’. No, questo no”. Giovanni battezzava tutti questi peccatori, “ma con questo minimo passo avanti perché sapeva che con questo passo poi il Signore faceva il resto”. E si convertivano. “È un pastore – ha detto Francesco – che capiva la situazione della gente e l’aiutava ad andare avanti col Signore”.

    Il papa si è poi soffermato sui “momenti bui” vissuti da Giovanni Battista. Egli in carcere comincia a dubitare, anche se aveva battezzato Gesù, “perché era un Salvatore non come lui lo aveva immaginato”. E quindi invia due dei suoi discepoli a chiedergli se fosse proprio Lui il Messia. E Gesù corregge la visione di Giovanni con una risposta chiara. Dice infatti di riferire a Giovanni che “i ciechi riacquistano la vista”, “i sordi odono”, “i morti risuscitano”.

    “I grandi – ha detto il papa – si possono permettere il dubbio e questo è bello. Sono sicuri della vocazione ma ogni volta che il Signore fa vedere loro una nuova strada del cammino entrano nel dubbio. ‘Ma questo non è ortodosso, questo è eretico, questo non è il Messia che io aspettavo’. Il diavolo fa questo lavoro e qualche amico anche aiuta, no? Questa è la grandezza di Giovanni, un grande, l’ultimo di quella schiera di credenti che è incominciata con Abramo, quello che predica la conversione, quello che non usa mezze parole per condannare i superbi, quello che alla fine della vita si permette di dubitare. E questo è un bel programma di vita cristiana”.

    Prendendo esempio dal santo, il papa ha invitato a “chiedere la grazia di dire sempre le cose con verità, dell’amore pastorale, di ricevere la gente col poco che può dare, il primo passo. Dio farà l’altro. E anche la grazia di dubitare. Tante volte, forse alla fine della vita, si può uno chiedere: ‘Ma è vero tutto quello che io ho creduto o sono fantasie?’, la tentazione contro la fede, contro il Signore. Che il grande Giovanni, che è il più piccolo nel regno dei Cieli, per questo è grande, ci aiuti su questa strada sulle tracce del Signore”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/06/2007 VATICANO
    Papa: Giovanni Battista, primo “testimone” di Gesù e della verità senza compromessi
    Il grazie di Benedetto XVI per la Giornata della carità del papa, la raccolta di fondi a sostegno della sua missione.

    14/10/2016 12:15:00 VATICANO
    Papa: Il lievito buono della verità e quello cattivo dell’ipocrisia

    Alla messa in Santa Marta, papa Francesco indica i bambini come modello di “lievito buono”: nella confessione dicono “con verità” e dicono cose concrete”. “L’ipocrita è un simulatore”: “Si dice una cosa e si fa un’altra”. “L’ipocrita è un nominalista, crede che con il dire si faccia tutto”.



    29/08/2012 VATICANO
    Papa: la verità è verità e non ammette compromessi
    Parlando all'udienza generale del martirio di san Giovanni Battista, Benedetto XVI dice che anche oggi, la vita cristiana "esige per così dire il martirio della fedeltà quotidiana al Vangelo, il coraggio cioè di lasciare che Cristo cresca in noi e sia Lui a orientare il nostro pensiero e le nostre azioni". ll festoso incontro con 2.500 chierichetti francesi.

    03/09/2015 VATICANO
    Papa: Lo stupore dell’incontro con Gesù apre il cuore, i calcoli lo chiudono
    Alla messa in Santa Marta Francesco commenta il Vangelo della pesca miracolosa e invita a riconoscersi peccatori “non in teoria, nella pratica” e a riconoscere il Salvatore. Il Signore “perdona anche chi lo rinnega, se si ha la grazia di questa doppia confessione: Tu sei Dio, io sono un peccatore”.

    16/06/2015 VATICANO
    Papa: La povertà è al centro del Vangelo, non è un’ideologia
    Alla messa in casa santa Marta, papa Francesco parla della “teologia della povertà”, che non è essere “comunisti”. Povertà cristiana è dare al povero del necessario perché “lui mi arricchisce”. Al centro vi è il “mistero” di Gesù che "si è abbassato, si è umiliato, si è impoverito per arricchirci”.



    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®