25 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 02/06/2012
VATICANO - ITALIA
Papa: L'amore a Cristo nel celibato, fonte di comunione e missione per le famiglie
di Bernardo Cervellera
Benedetto XVI, in visita pastorale a Milano, incontra in Duomo sacerdoti, diaconi e personale consacrato, all'interno del VII Incontro mondiale delle famiglie. Fra i santi che "hanno speso le loro energie al servizio del Vangelo" cita due missionari del PIME. L'amore personale a Gesù Cristo, coltivato anche con la preghiera liturgica, è la fonte dello "zelo" e dell'unità della vita del sacerdote.

Milano (AsiaNews) - "La testimonianza delle persone consacrate" mostra "al mondo la bellezza della donazione a Cristo e alla Chiesa" e rinnova "le famiglie cristiane secondo il disegno di Dio, perché siano luoghi di grazia e di santità, terreno fertile per le vocazioni al sacerdozio e alla vita consacrata". Così Benedetto XVI nella sua meditazione per la celebrazione dell'Ora media nel Duomo di Milano con sacerdoti, diaconi, religiosi e religiose dell'arcidiocesi milanese, celebrata quest'oggi alle 10.

Dopo i primi tre giorni dell'Incontro mondiale delle famiglie, in cui si è studiata e valorizzata la famiglia "normale", composta da marito, moglie e figli, il papa dedica un discorso alla vocazione consacrata, sottolineando parole come  "celibato", "celibe", "verginità", "vergine", "donazione totale", ripetute per decine di volte in un breve discorso.

Il pontefice ricorda le personalità della Chiesa universale, sorte nella diocesi ambrosiana "come sant'Ambrogio e san Carlo, e alcuni Pontefici di non comune statura", quali Pio XI e Paolo VI. E cita una schiera di "sacerdoti ambrosiani, di religiosi e religiose che hanno speso le loro energie al servizio del Vangelo, giungendo talvolta fino al supremo sacrificio della vita". Fra essi egli elenca

i beati sacerdoti Luigi Talamoni, Luigi Biraghi, Carlo Gnocchi, Serafino Morazzone; Luigi Monti e le religiose Maria Anna Sala ed Enrichetta Alfieri. Egli cita anche  i beati Giovanni Mazzucconi, e Clemente Vismara, due sacerdoti del Pime (Pontificio Istituto Missioni Estere), il primo martire in Papua Nuova Guinea, l'altro missionario in Birmania (l'attuale Myanmar).

"Per la loro comune intercessione - aggiunge il papa - chiediamo fiduciosi al Datore di ogni dono di rendere sempre fecondo il ministero dei sacerdoti, di rafforzare la testimonianza delle persone consacrate, per mostrare al mondo la bellezza della donazione a Cristo e alla Chiesa, e di rinnovare le famiglie cristiane secondo il disegno di Dio, perché siano luoghi di grazia e di santità, terreno fertile per le vocazioni al sacerdozio e alla vita consacrata".

Il pontefice sembra quasi suggerire che per sostenere la missione delle famiglie è necessaria la presenza e la missione di persone consacrate. Ma a Benedetto XVI sta a cuore soprattutto mettere in luce l'origine dello "zelo apostolico" e dell'impegno pastorale e prende l'esempio di sant'Ambrogio: "Il Signore Gesù è stato la sua grande attrattiva, l'argomento principale della sua riflessione e predicazione, e soprattutto il termine di un amore vivo e confidente. Senza dubbio, l'amore per Gesù vale per tutti i cristiani, ma acquista un significato singolare per il sacerdote celibe e per chi ha risposto alla vocazione alla vita consacrata: solo e sempre in Cristo si trova la sorgente e il modello per ripetere quotidianamente il «sì» alla volontà di Dio".

E ancora: "Se Cristo, per edificare la sua Chiesa, si consegna nelle mani del sacerdote, questi a sua volta si deve affidare a Lui senza riserve: l'amore per il Signore Gesù è l'anima e la ragione del ministero sacerdotale, come fu la premessa perché Egli assegnasse a Pietro la missione di pascere il proprio gregge: «Simone ..., mi ami più di costoro? ... Pasci i miei agnelli (Gv 21,15)». Il Concilio Vaticano II ha ricordato che Cristo «rimane sempre il principio e la fonte della unità di vita dei presbiteri. Per raggiungerla, essi dovranno perciò unirsi a Lui nella scoperta della volontà del Padre e nel dono di sé per il gregge loro affidato. Così, rappresentando il Buon Pastore, nell'esercizio stesso della carità pastorale troveranno il vincolo della perfezione sacerdotale che realizzerà l'unità nella loro vita e attività» (Decr. Presbyterorum Ordinis, 14)".

Nell'amore personale a Gesù Cristo vi è il vero equilibrio: "Non c'è opposizione tra il bene della persona del sacerdote e la sua missione; anzi, la carità pastorale è elemento unificante di vita che parte da un rapporto sempre più intimo con Cristo nella preghiera per vivere il dono totale di se stessi per il gregge, in modo che il popolo di Dio cresca nella comunione con Dio e sia manifestazione della comunione della Santissima Trinità. Ogni nostra azione, infatti, ha come scopo condurre i fedeli all'unione con il Signore e a fare crescere la comunione ecclesiale per la salvezza del mondo".

Per coltivare l'amore a Cristo, il papa suggerisce anche la preghiera liturgica, in cui "le nostre labbra, i nostri cuori e le nostre menti... si fanno interpreti delle necessità e degli aneliti dell'intera umanità".

"La preghiera quotidiana della Liturgia delle Ore - aggiunge -  costituisce un compito essenziale del ministero ordinato nella Chiesa. Anche attraverso l'Ufficio divino, che prolunga nella giornata il mistero centrale dell'Eucaristia, i presbiteri sono in modo particolare uniti al Signore Gesù, vivo e operante nel tempo".

Dopo una breve sosta davanti alla tomba di san Carlo Borromeo, custodita nello "Scurolo" del Duomo (cripta), Benedetto XVI si è recato allo stadio di san Siro per un incontro con i ragazzi e  le ragazze che quest'anno in diocesi hanno ricevuto il sacramento della cresima.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
06/06/2012 VATICANO
Papa: non c'è futuro per l'umanità senza la famiglia, "causa stessa dell'uomo e della civiltà"
03/06/2012 VATICANO - ITALIA
Il papa alla Festa delle Famiglie al Parco Nord di Bresso
di Bernardo Cervellera
01/06/2012 VATICANO - ITALIA
Il papa saluta Milano, "crocevia di popoli e culture"
di Bernardo Cervellera
30/08/2009 VATICANO
Papa: Nelle famiglie il “fertile terreno” per le vocazioni al sacerdozio
13/03/2007 VATICANO
Lettera del Papa dopo il sinodo sull’Eucaristia
di Franco Pisano

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate