19 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/04/2016, 13.24

    VATICANO

    Papa: La persecuzione, pane quotidiano della Chiesa



    Evidente come quella del giorno di Pasqua nei confronti dei cristiani pakistani o “educata” come quella rivolta non contro chi confessa il nome di Cristo, ma contro chi vuole e manifesta i valori del Figlio di Dio. “È una persecuzione contro Dio Creatore nella persona dei suoi figli!”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – La persecuzione “è il pane quotidiano della Chiesa. Gesù lo ha detto. Noi, quando facciamo un po’ di turismo per Roma e andiamo al Colosseo, pensiamo che i martiri erano quelli uccisi con i leoni. Ma i martiri non sono stati solo quelli lì o quegli altri. Sono uomini e donne di tutti i giorni: oggi, il giorno di Pasqua, appena tre settimane fa… Quei cristiani che festeggiavano la Pasqua nel Pakistan sono stati martirizzati proprio perché festeggiavano il Cristo Risorto. E così la storia della Chiesa va avanti con i suoi martiri”. Lo ha detto questa mattina papa Francesco durante la quotidiana messa in casa Santa Marta.

    Il pontefice, riporta la Radio Vaticana, racconta il brano del martirio di Stefano secondo gli Atti degli Apostoli: “Questo innescò una crudele persecuzione anticristiana a Gerusalemme analoga a quelle subite da chi non è libero oggi di professare la sua fede in Gesù. Ma c’è un’altra persecuzione della quale non si parla tanto, una persecuzione travestita di cultura, travestita di modernità, travestita di progresso”.

    Una persecuzione, dice Francesco, “che io definirei un po’ ironicamente – ‘educata’. È quando viene perseguitato l’uomo non per confessare il nome di Cristo, ma per voler avere e manifestare i valori di Figlio di Dio. È una persecuzione contro Dio Creatore nella persona dei suoi figli! E così vediamo tutti i giorni che le potenze fanno leggi che obbligano ad andare su questa strada e una nazione che non segue queste leggi moderne, colte, o almeno che non vuole averle nella sua legislazione, viene accusata, viene perseguitata educatamente. È la persecuzione che toglie all’uomo la libertà, anche della obiezione di coscienza!”.

    “Questa è la persecuzione del mondo” che “toglie la libertà”, mentre “Dio – afferma il Papa – ci ha fatti liberi” di dare testimonianza “del Padre che ci ha creato e di Cristo che ci ha salvato”. E questa persecuzione, soggiunge, “ha anche un capo. Il capo della persecuzione ‘educata’, Gesù lo ha nominato: il principe di questo mondo. E quando le potenze vogliono imporre atteggiamenti, leggi contro la dignità del Figlio di Dio, perseguitano questi e vanno contro il Dio Creatore. È la grande apostasia. Così la vita dei cristiani va avanti con queste due persecuzioni. Anche il Signore ci ha promesso di non allontanarsi da noi. ‘State attenti, state attenti! Non cadere nello spirito del mondo. State attenti! Ma andate avanti, Io sarò con voi’”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/04/2016 13:17:00 VATICANO
    Papa: Tutti abbiamo durezze nel cuore, ma Dio dà sempre la grazia di rialzarsi

    Francesco parla della conversione di san Paolo: “Saulo il forte, il sicuro era a terra” dopo la chiamata di una voce. Ma è in quel momento che “capisce la sua verità, di non essere un uomo come voleva Dio, perché Dio ha creato tutti noi per stare in piedi, con la testa alta. La voce dal cielo non dice solo ‘Perché mi perseguiti?’, ma invita Paolo a rialzarsi: ‘Alzati e ti sarà detto’”.



    11/04/2016 12:32:00 VATICANO
    Papa: I dottori della lettera “hanno il cuore chiuso davanti alla vita”

    Nella consueta omelia mattutina in casa Santa Marta, Francesco sottolinea l’importanza di aprire il cuore alla profezia lasciando da parte gli schemi fatti di leggi e parole: “La storia ci parla di tanta gente che venne uccisa, giudicata, seppur era innocente: giudicata con la Parola di Dio, contro la Parola di Dio”.



    19/12/2013 VATICANO
    Papa: Solo Dio può rendere feconda la nostra aridità sterile
    Francesco commenta il vangelo su Elisabetta che da sterile diviene la madre del Battista. Il deserto e la sterilità vengono fecondati dalla Sua potenza. In questi giorni prima di Natale, avere l'umiltà di riconoscere la propria miseria e pregare per ricevere la grazia di portare frutti.

    31/10/2014 VATICANO
    Papa: Chi cura la legge e tralascia l'amore non è un modello, ma un ipocrita
    Nell'omelia di questa mattina, Francesco commenta il Vangelo che contrappone Gesù ai farisei che non guariscono di sabato, che negavano aiuto ai genitori perché "avevano dato tutto al Tempio. Ma chi è più importante? Il Quarto comandamento o il Tempio? Serve il cammino inverso: dall'amore verso la legge".

    30/04/2015 VATICANO
    Papa: i due tratti dell’identità del cristiano; è in una storia di peccato e di grazia; serve, non si serve degli altri
    “Il cristiano è uomo e donna di storia, perché non appartiene a se stesso, è inserito in un popolo, un popolo che cammina. Non si può pensare in un egoismo cristiano, no, questo non va”.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®