20 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/03/2014, 00.00

    VATICANO

    Papa: Leggete ogni giorno un piccolo passo del Vangelo e offritelo agli altri



    All'Angelus, papa Francesco suggerisce un modo pratico di vivere la Trasfigurazione: leggere ogni giorno un passo del vangelo, portando con sé "in tasca" un "piccolo libretto". "Ascoltare Gesù" è "l'invito del Padre", "non lo dice il papa". Una preghiera per i passeggeri del volo della Malaysia Airlines e per i loro familiari. I saluti alla Comunità Giovanni XXIII e alla scuola cattolica di Erbil, nel Kurdistan irakeno.

    Città del Vaticano (AsiaNews) - Leggere ogni giorno un "piccolo passo del vangelo" per poi "offrirlo" a chi incontriamo durante la giornata: è la proposta che papa Francesco ha fatto oggi prima della preghiera dell'Angelus davanti a decine di migliaia di pellegrini radunati in piazza san Pietro.

    Commentando il vangelo della messa di oggi, della seconda domenica di Quaresima, che presenta la Trasfigurazione (Matteo 17,1-9), il pontefice si è soffermato sulle parole che il Padre dice agli apostoli presenti sul monte dove avviene il miracolo: "Ascoltatelo!" (v. 5).

    "È molto importante - ha aggiunto - questo invito del Padre. E' importante questa parola che dice Dio: Ascoltatelo. Ascoltate Gesù. E questo non lo dice il papa, lo dice Dio Padre. Noi, discepoli di Gesù, siamo chiamati ad essere persone che ascoltano la sua voce e prendono sul serio le sue parole".

    E distaccandosi dal testo distribuito ai giornalisti, ha proseguito: "Ascoltiamo Gesù anche nella parola scritta. Vi faccio una domanda. Voi leggete tutti i giorni un passo del vangelo?".  E  dopo aver osservato le reazioni della folla, ha commentato: "Alcuni sì alcuni no, metà e metà. Ma è importante. E' cosa buona avere un piccolo vangelo e portarlo con noi in tasca e leggerne un piccolo passo in qualsiasi momento della giornata. E lì è Gesù che ci parla. Pensate questo, non è neppure necessario che siano i quattro [vangeli], ne basta uno".

    "Da questo episodio della Trasfigurazione  - ha continuato - vorrei cogliere due elementi significativi, che sintetizzo in due parole: salita e discesa. Noi abbiamo bisogno di andare in disparte, di salire sulla montagna in uno spazio di silenzio, per ritrovare noi stessi e percepire meglio la voce del Signore. Ma non possiamo rimanere lì! L'incontro con Dio nella preghiera ci spinge nuovamente a "scendere dalla montagna" e ritornare in basso, nella pianura, dove incontriamo tanti fratelli appesantiti da fatiche, ingiustizie, ignoranza, povertà materiale e spirituale. A questi nostri fratelli che sono in difficoltà, siamo chiamati a portare i frutti dell'esperienza che abbiamo fatto con Dio, condividendo con loro i tesori di grazia ricevuti".

    E ancora a braccio, ha aggiunto: "Quando noi ascoltiamo la parola di Gesù e l'abbiamo nel cuore, la parola di Gesù cresce in noi... E quando cresce? Quando noi la proclamiamo, la diamo agli altri. Questa è la missione della Chiesa: ascoltare Gesù e offrirlo all'altro". E quasi dialogando con la folla: "Farete quello [del vangelo]?  Domenica prossima mi direte se lo fate: leggere un piccolo passo del Vangelo tutti i giorni".

    Dopo la preghiera mariana, papa Francesco ha salutato diversi gruppi presenti nella piazza. Fra questi, ha ricordato "la Comunità Papa Giovanni XXIII, fondata da Don Oreste Benzi, che venerdì prossimo, alla sera, guiderà per le strade del centro di Roma una speciale 'Via Crucis' per le donne vittime della tratta.
Sono bravi questi, eh!".

    Un altro speciale saluto è stato verso "le numerose scuole di tante parti d'Italia e di altri Paesi". "Non posso nominarle tutte!", ha detto, ma ha voluto ricordare in particolare "la scuola cattolica 'Mar Qardakh' di Erbil, nel Kurdistan, e quella della diocesi di London in Ontario - Canada".

    Fra i saluti, preceduto e seguito da un attimo di silenzio, Francesco ha invitato tutti "a ricordare nella preghiera i passeggeri e i loro familiari dell'aereo della Malaysia [scomparso o dirottato]. Siamo vicini a loro in questo momento".

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/10/2014 VATICANO
    Papa: una bibbia per ogni famiglia, per leggerla spesso, ogni giorno
    All'Angelus, papa Francesco invita alla lettura del libro sacro, "sia individualmente che insieme, marito e moglie, genitori e figli, magari la sera, specialmente la domenica". Le copie della bibbia sono state distribuite dai paolini, per celebrare il centenario della loro fondazione. Pregare per i lavori del Sinodo, "invocando la materna intercessione della Vergine Maria".

    01/03/2015 VATICANO
    Papa: Non dimentichiamo coloro che soffrono in Siria, Iraq e Venezuela. Preghiamo per loro
    Francesco commenta il brano evangelico della Trasfigurazione di Cristo: "Gesù si rivela come l'icona perfetta del Padre, l'irradiazione della sua gloria. È il compimento della rivelazione. La sua strada porta sempre alla felicità, l'amore trasfigura tutto". Il compito che lascia agli apostoli e a noi fedeli è semplice: "Ascoltate e seguite il Salvatore". Dopo la preghiera mariana, un appello per i popoli del Medio Oriente: "Preghiamo insistentemente perché al più presto si ponga fine all'intollerabile brutalità di cui sono vittime".

    12/03/2006 vaticano
    Papa: Nei momenti oscuri della vita, ascoltare Cristo, come Maria

    Benedetto XVI invita i fedeli a dedicare tempo all'ascolto della Parola di Dio e ad ascoltarlo "nei piccoli e nei poveri".



    07/09/2014 VATICANO
    Papa: Le parole possono uccidere, insultare o sparlare non è cristiano!
    All'Angelus, Francesco spiega il Vangelo e il tema della correzione fraterna nella comunità dei credenti: "Tutti siamo peccatori e tutti abbiamo bisogno del perdono di Dio. Tenendo questo sempre in mente, possiamo accostarci a chi sbaglia e spiegargli il suo errore. Ma correggere il fratello è un servizio, ed è possibile ed efficace solo se ciascuno si riconosce peccatore". Dopo la preghiera mariana un appello per la pace in Ucraina: "Passi in avanti significativi, sempre privilegiare il dialogo" e la benedizione per coloro che "sono attivi concretamente per i nostri fratelli in Iraq".

    27/07/2014 VATICANO
    Il Papa su Medio Oriente, Iraq, Ucraina: "Fermatevi, ve lo chiedo con tutto il cuore! Fermatevi!"
    Il ricordo dei bambini, vittime delle guerre, "ai quali si toglie la speranza di una vita degna". Affrontare "ogni diatriba con la tenacia del dialogo e del negoziato e con la forza della riconciliazione". Domani, i 100 anni dallo scoppio della Prima guerra mondiale, "un giorno di lutto". Imparare le lezioni della storia. Il Vangelo ti fa conoscere Gesù vero, vivo; ti parla al cuore e ti cambia la vita, come per san Francesco di Assisi. "La gioia di avere trovato il tesoro del Regno di Dio traspare, si vede. Il cristiano non può tenere nascosta la sua fede".



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®