18 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/12/2017, 16.27

    VATICANO

    Papa: Maria ci aiuti a respingere l’indifferenza, la paura del diversi, lo sfruttamento



    L’omaggio e la preghiera all’Immacolata di Francesco in piazza di Spagna. La visita a Santa Maria Maggiore per sostare in preghiera davanti all’immagine della “Salus Populi Romani” e a Sant’Andrea delle Fratte per un omaggio alla Madonna della Medaglia Miracolosa.

    Roma (AsiaNews) – Aiutaci a respingere i “virus” dell’indifferenza, della paura del diverso e dello straniero, il conformismo, la rassegnazione al degrado, lo sfruttamento di tenti uomini e donne. L’ha chiesto papa Francesco nella sua preghiera all’Immacolata, alla quale ha reso omaggio a piazza di Spagna.

    Prima di recarsi nella piazza, il Papa ha voluto andare alla basilica di Santa Maria Maggiore per sostare in preghiera davanti all’immagine della “Salus Populi Romani”. Dopo la preghiera si è lungamente fermato a salutare i malati e prima di rientrare in Vaticano, ha visitato la basilica di Sant’Andrea delle Fratte per un omaggio alla Madonna della Medaglia Miracolosa.

    Questa la preghiera di Francesco:

    “Madre Immacolata, / per la quinta volta vengo ai tuoi piedi come Vescovo di Roma, / a renderti omaggio a nome di tutti gli abitanti di questa città. / Vogliamo ringraziarti per la costante premura / con cui accompagni il nostro cammino, / il cammino delle famiglie, delle parrocchie, delle comunità religiose; / il cammino di quanti ogni giorno, a volte con fatica, / attraversano Roma per andare al lavoro; / dei malati, degli anziani, di tutti i poveri, / di tante persone immigrate qui da terre di guerra e di fame. / Grazie perché, appena rivolgiamo a te un pensiero / o uno sguardo o un’Ave Maria fugace, / sempre sentiamo la tua presenza materna, tenera e forte.

    O Madre, aiuta questa città a sviluppare gli ‘anticorpi’ / contro alcuni virus dei nostri tempi: / l’indifferenza, che dice: ‘Non mi riguarda’; / la maleducazione civica che disprezza il bene comune; / la paura del diverso e dello straniero; / il conformismo travestito da trasgressione; / l’ipocrisia di accusare gli altri, mentre si fanno le stesse cose; / la rassegnazione al degrado ambientale ed etico; / lo sfruttamento di tanti uomini e donne.

    Aiutaci a respingere questi e altri virus / con gli anticorpi che vengono del Vangelo. / Fa’ che prendiamo la buona abitudine / di leggere ogni giorno un passo del Vangelo / e, sul tuo esempio, di custodire nel cuore la Parola, / perché, come un buon seme, porti frutto nella nostra vita.

    Vergine Immacolata, / 175 anni fa, a poca distanza da qui, / nella chiesa di Sant’Andrea delle Fratte, / hai toccato il cuore di Alfonso Ratisbonne, che in quel momento / da ateo e nemico della Chiesa divenne cristiano. / A lui ti mostrasti come Madre di grazia e di misericordia. / Concedi anche a noi, specialmente nella prova e nella tentazione, / di fissare lo sguardo sulle tue mani aperte, / che lasciano scendere sulla terra le grazie del Signore, / e di spogliarci di ogni orgogliosa arroganza, / per riconoscerci come veramente siamo: / piccoli e poveri peccatori, ma sempre tuoi figli. / E così di mettere la mano nella tua / per lasciarci ricondurre a Gesù, nostro fratello e salvatore, / e al Padre celeste, che non si stanca mai di aspettarci / e di perdonarci quando ritorniamo a Lui.

    Grazie, o Madre, perché sempre ci ascolti! / Benedici la Chiesa che è a Roma, benedici questa Città e il mondo intero. Amen”.

    Alfonso Ratisbonne, del quale ha parlato Francesco, apparteneva ad una famiglia ebrea di banchieri molto facoltosa. Il 20 gennaio 1842 accompagna un amico nella Chiesa di S. Andrea delle Fratte e lì, raccontò poi, vede “grande, fulgida, piena di maestà e di dolcezza, la Vergine Maria, così come è nella Medaglia Miracolosa”. Il 31 gennaio venne battezzato nella Chiesa del Gesù e successivamente divenne gesuita.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/09/2015 VATICANO - USA
    Papa negli Usa: al Congresso, solidarietà è la risposta a un mondo violento ed egoista
    Francesco ha citato Abraham Lincoln, Martin Luther King, Dorothy Day e Thomas Merton e ricordato i nativi. No al fondamentalismo, ma rispetto per la libertà religiosa. Collaborazione per il bene comune di fronte alla “inquietante l’odierna situazione sociale e politica del mondo”. La famiglia minacciata “forse come mai in precedenza”.Abolire la pena di morte. Traffico delle armi bagnato di sangue.

    01/01/2016 VATICANO
    Papa: Gesù ci spinge a vincere l’indifferenza che ferisce l’umanità
    Il fiume di ingiustizia e di violenza “non può nulla contro l’oceano di misericordia che inonda il nostro mondo”. “La pace, che Dio Padre desidera seminare nel mondo, deve essere coltivata da noi. Non solo, deve essere anche ‘conquistata’. Ciò comporta una vera e propria lotta, un combattimento spirituale che ha luogo nel nostro cuore. Perché nemica della pace non è solo la guerra, ma anche l’indifferenza”.

    14/10/2013 VATICANO
    Papa: l'annuncio del Vangelo ha bisogno di testimoni della fede e della carità
    Primato della testimonianza; urgenza di andare incontro; progetto pastorale centrato sull'essenziale sono i tre punti indicati da Francesco per il cammino della nuova evangelizzazione. Tante persone si sono allontanate dalla Chiesa. "Ci sono responsabilità nella storia della Chiesa e dei suoi uomini, ce ne sono in certe ideologie e anche nelle singole persone".

    19/11/2017 11:06:00 VATICANO
    Papa: è ‘dovere evangelico’ prenderci cura dei poveri

    Francesco celebrando la prima Giornata mondiale dei poveri ha ricordato che per Dio “non vale ciò che si ha, ma ciò che si dà”. “Il grande peccato nei confronti dei poveri” è “l’indifferenza”, il “girarsi dall’altra parte quando il fratello è nel bisogno”, è “sdegnarsi di fronte al male senza far nulla”. Ma Dio” non ci chiederà se avremo avuto giusto sdegno, ma se avremo fatto del bene”.



    06/07/2014 VATICANO
    Papa: Gesù dà ristoro alle persone "stanche e sfinite", quelle nei Paesi più poveri, ma anche nelle periferie dei Paesi più ricchi
    All'Angelus papa Francesco ricorda che l'invito di Gesù di donare "ristoro" a chi è "stanco e oppresso" vale anche nei nostri giorni. Ai bisognosi fa male "l'indifferenza umana", e "soprattutto l'indifferenza dei cristiani". Un saluto "particolare e affettuoso" alla gente del Molise, dove il pontefice si è recato ieri in visita pastorale. Per favore, non dimenticate di pregare per me. Anch'io lo faccio per voi".



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®