20 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 22/10/2017, 12.29

    VATICANO

    Papa: Nell’ottobre 2019, un Mese Missionario Straordinario per l’evangelizzazione ad gentes



    All’Angelus papa Francesco ricorda la Giornata missionaria mondiale e affida a san Giovanni Paolo II “la missione della Chiesa nel mondo”. Diffusa una Lettera del pontefice per il 100mo anniversario della “Maximum Illud” di Benedetto XV. “Contrapporre Dio e Cesare sarebbe fondamentalismo”. La canonizzazione di oltre 100 claretiani, martiri della guerra civile spagnola” a sostegno di tutti “i cristiani che anche ai nostri giorni, in diverse parti del mondo, subiscono discriminazioni e persecuzioni”. La preghiera per la pace nel mondo e per il Kenya.

    Città del Vaticano (AsiaNews) - Nell’ottobre 2019 papa Francesco vuole promuovere un Mese Missionario Straordinario “al fine di alimentare l’ardore dell’attività evangelizzatrice della Chiesa ad gentes”. Lo ha ribadito lo stesso pontefice oggi dopo la preghiera dell’Angelus, ricordando che nella domenica odierna (la penultima di ottobre) si celebra la Giornata missionaria mondiale.

    L’idea di un Mese Missionario speciale dedicata all’evangelizzazione ad gentes era stata espressa da Francesco alcuni mesi fa, ricevendo in udienza i membri della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli e delle Pontifice opere missionarie. L’ottobre 2019 è stato scelto per essere il centenario della promulgazione della Lettera apostolica di Benedetto XV, la “Maximum Illud”, che tratta appunto dell’attività dei missionari nel mondo.

    In contemporanea, la Sala stampa vaticana ha diffuso una Lettera di papa Francesco indirizzata al card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda fide, “in occasione del centenario della promulgazione della Lettera apostolica ‘Maximum illud’ sull’attività svolta dai missionari nel mondo”, che analizziamo in un altro articolo.

    Il pontefice ha ricordato il tema della presente Giornata, la 91ma, “La missione al cuore della Chiesa”, che egli ha commentato in un Messaggio pubblicato mesi fa. E ha aggiunto. “Esorto tutti a vivere la gioia della missione testimoniando il Vangelo negli ambienti in cui ciascuno vive e opera. Al tempo stesso, siamo chiamati a sostenere con l’affetto, l’aiuto concreto e la preghiera i missionari partiti per annunciare Cristo a quanti ancora non lo conoscono… Nel giorno in cui ricorre la memoria liturgica di San Giovanni Paolo II, Papa missionario, affidiamo alla sua intercessione la missione della Chiesa nel mondo”.

    In precedenza il papa aveva commentato la lettura del Vangelo della messa di oggi (29ma domenica per anno, A, Matteo 22,15-21), sulla famosa questione se «È lecito, o no, pagare il tributo a Cesare?» (v. 17). Come si sa, Gesù risponde: «Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio» (cfr vv. 19-21).

    “Da una parte - spiega Francesco - intimando di restituire all’imperatore ciò che gli appartiene, Gesù dichiara che pagare la tassa non è un atto di idolatria, ma un atto dovuto all’autorità terrena; dall’altra – ed è qui che Gesù dà il ‘colpo d’ala’ – richiamando il primato di Dio, chiede di rendergli quello che gli spetta in quanto Signore della vita dell’uomo e della storia”.

    “Il riferimento all’immagine di Cesare, incisa nella moneta, dice che è giusto sentirsi a pieno titolo – con diritti e doveri – cittadini dello Stato; ma simbolicamente fa pensare all’altra immagine che è impressa in ogni uomo: l’immagine di Dio. Egli è il Signore di tutto, e noi, che siamo stati creati “a sua immagine” apparteniamo anzitutto a Lui. Gesù ricava, dalla domanda postagli dai farisei, un interrogativo più radicale e vitale per ognuno di noi: a chi appartengo? Alla famiglia, alla città, agli amici, alla scuola, al lavoro, alla politica, allo Stato? Sì, certo. Ma prima di tutto – ci ricorda Gesù – tu appartieni a Dio. È Lui che ti ha dato tutto quello che sei e che hai”.

    “Il cristiano è chiamato a impegnarsi concretamente nelle realtà umane e sociali senza contrapporre ‘Dio’ e ‘Cesare’, ma illuminando le realtà terrene con la luce che viene da Dio. Contrapporre Dio e Cesare sarebbe fondamentalismo. L’affidamento prioritario a Dio e la speranza in Lui non comportano una fuga dalla realtà, ma anzi un rendere operosamente a Dio quello che gli appartiene. È per questo che il credente guarda alla realtà futura, quella di Dio, per vivere la vita terrena in pienezza, e rispondere con coraggio alle sue sfide”.

    Dopo la preghiera mariana, Francesco ha ricordato che ieri, a Barcellona “sono stati beatificati Matteo Casals, Teofilo Casajús, Fernando Saperas e 106 compagni martiri, appartenenti alla Congregazione religiosa dei Claretiani e uccisi in odio alla fede durante la guerra civile spagnola”.  “Il loro eroico esempio - ha aggiunto - e la loro intercessione sostengano i cristiani che anche ai nostri giorni, in diverse parti del mondo, subiscono discriminazioni e persecuzioni”.

    Prima di salutare i presenti - almeno 20mila persone - il pontefice ha chiesto una preghiera comune “per la pace nel mondo” e in particolare per il Kenya, dove il 26 ottobre si terranno le elezioni presidenziali, dopo quelle annullate lo scorso 8 agosto dalla Corte suprema. Alla vigilia delle elezioni vi sono molte violenze, apparentemente suscitate dall’opposizione, guidata da Raila Odinga, che ha pure ritirato la sua candidatura allo scrutinio.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/10/2017 13:39:00 VATICANO
    Papa: Lettera per i 100 anni della Maximum Illud sull’attività svolta dai missionari nel mondo

    Per l’ottobre 2019, papa Francesco lancia un Mese Missionario Straordinario per risvegliare l’impegno della missione ad gentes e per trasformare in modo missionario la pastorale ordinaria, sfuggendo alla stanchezza, al formalismo e all’autopreservazione. Il “compito imprescindibile della missione ad gentes da Benedetto XV al Concilio Vaticano II, a papa Giovanni Paolo II, fino all’Evangelii Gaudium.



    21/10/2017 12:35:00 VATICANO
    Card. Filoni: Giornata missionaria mondiale, una ‘questione’ non solo di sacerdoti e religiosi

    “La fede cristiana nasce proprio perché, come ci ricorda San Matteo nel Capitolo 28, Gesù dà l’ultimo comandamento, l’ultimo mandato ai suoi discepoli: ‘Andate dunque, battezzate, ammaestrate’. Nel mondo aumentano i cattolici, ma diminuisce la loro percentuale. Aumentano i vescovi, diminuiscono sacerdoti e religiosi, ma aumentano i diaconi permanenti.



    03/06/2017 11:35:00 VATICANO
    Papa: L’ottobre 2019, tempo straordinario dedicato alla missione ad gentes

    La proposta, suggerita da Propaganda Fide, cade nell’occasione dei 100 anni dalla Maximum Illud di Benedetto XV sull’attività missionaria universale della Chiesa. Il papa suggerisce anche di utilizzare la Evangelii nuntiandi di Paolo VI, “magna carta dell’impegno missionario post-conciliare”. Preoccupazione che le Pontificie opere missionarie non siano soltanto “un’organizzazione che raccoglie e distribuisce, a nome del Papa, aiuti economici per le Chiese più bisognose”.



    07/06/2016 07:13:00 VATICANO
    La missione non è clericale e si gioca nel rapporto Chiesa-mondo. Tutto il resto è inutile

    Il Segretario generale della Pontificia Unione Missionaria commenta il discorso pronunciato da papa Francesco in occasione del centenario dalla fondazione. È necessario pensare seriamente a come rinnovare e riformare le strutture missionarie della Chiesa, e per farlo bisogna tornare al Concilio Vaticano II e soprattutto applicarlo. La missione non solo è l’identità della Chiesa, ma è la modalità ordinaria con cui la Chiesa sta nel mondo. Ovunque questo mondo si incontri.



    29/05/2007 VATICANO
    Messaggio del Papa per la Giornata Missionaria Mondiale 2007
    Il tema di quest’anno è “Tutte le Chiese per tutto il mondo”. Ricordando l’enciclica Fidei Donum, Benedetto XVI spinge alla missione ad gentes chiese antiche e provate dalla mancanza di clero, e chiese giovani segnate dalla povertà di mezzi. L’impegno missionario è il “primo servizio” per trasformare l’umanità di oggi.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®