13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/08/2017, 12.09

    VATICANO

    Papa: Sicuri sulla barca della Chiesa, non sui ‘battelli ammalianti’ di ideologie e mode, oroscopi e cartomanti



    All’Angelus, papa Francesco paragona la vita personale e della Chiesa a una barca, che deve affrontare difficoltà e prove. “La fede ci dà la sicurezza di una Presenza che ci spinge a superare le bufere esistenziali, la certezza di una mano che ci afferra per aiutarci ad affrontare le difficoltà, indicandoci la strada anche quando è buio”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) - Sulla “barca” della Chiesa “siamo al sicuro, nonostante le nostre miserie e debolezze”; “la garanzia contro il naufragio è la fede in Cristo e nella sua parola”, molto più solida di “oroscopi e cartomanti” e dei “battelli ammalianti ma insicuri delle ideologie, delle mode e degli slogan”. Sono alcune delle conclusioni che papa Francesco ha espresso oggi ai fedeli radunati in piazza san Pietro per l’Angelus, commentando il vangelo di oggi (19ma domenica per anno A, Matteo 14,22-33).

    Il vangelo narra di Gesù che cammina sulle acque e calma la tempesta; permette a Pietro di camminare sulle acque, e lo salva quando per la poca fede egli sta annegando.

    “Questo racconto - ha spiegato Francesco -  contiene un ricco simbolismo e ci fa riflettere sulla nostra fede, sia come singoli, sia come comunità ecclesiale. La barca è la vita di ognuno di noi ma è anche la vita della Chiesa; il vento contrario rappresenta le difficoltà e le prove. L’invocazione di Pietro: «Signore, comandami di venire verso di te!» e il suo grido: «Signore, salvami!» assomigliano tanto al nostro desiderio di sentire la vicinanza del Signore, ma anche la paura e l’angoscia che accompagnano i momenti più duri della vita nostra e delle nostre comunità, segnata da fragilità interne e da difficoltà esterne”.

    “A Pietro, in quel momento, non è bastata la parola sicura di Gesù, che era come la corda tesa a cui aggrapparsi per affrontare le acque ostili e turbolente. È quanto può capitare anche a noi. Quando non ci si aggrappa alla parola del Signore, ma si consultano oroscopi e cartomanti, si comincia ad andare a fondo. Il Vangelo di oggi ci ricorda che la fede nel Signore e nella sua parola non ci apre un cammino dove tutto è facile e tranquillo; non ci sottrae alle tempeste della vita. La fede ci dà la sicurezza di una Presenza che ci spinge a superare le bufere esistenziali, la certezza di una mano che ci afferra per aiutarci ad affrontare le difficoltà, indicandoci la strada anche quando è buio. La fede, insomma, non è una scappatoia dai problemi della vita, ma sostiene nel cammino e gli dà un senso”.

    “Questo episodio è un’immagine stupenda della realtà della Chiesa di tutti i tempi: una barca che, lungo l’attraversata, deve scontrare anche venti contrari e tempeste, che minacciano di travolgerla. Ciò che la salva non sono il coraggio e le qualità dei suoi uomini: la garanzia contro il naufragio è la fede in Cristo e nella sua parola. Su questa barca siamo al sicuro, nonostante le nostre miserie e debolezze, soprattutto quando ci mettiamo in ginocchio e adoriamo il Signore, come i discepoli che, alla fine, «si prostrarono davanti a lui, dicendo: “Davvero tu sei il Figlio di Dio!”» (v. 33)”.

    Il papa ha chiesto ai fedeli di ripetere diverse volte: “Davvero tu sei il Figlio di Dio!”.

    “La Vergine Maria - ha concluso prima della preghiera mariana - ci aiuti a perdurare ben saldi nella fede per resistere alle bufere della vita, a rimanere sulla barca della Chiesa rifuggendo la tentazione di salire sui battelli ammalianti ma insicuri delle ideologie, delle mode e degli slogan”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/08/2014 VATICANO
    Papa: Increduli e sgomenti per le notizie dall'Iraq. No alla guerra in nome di Dio
    All'Angelus, papa Francesco denuncia le "violenze di ogni tipo" subite dalle popolazioni di Mosul e Qaraqosh, che offendono "gravemente Dio e l'umanità". Un grazie a chi sta "portando soccorso a questi fratelli e sorelle". L'invio del card. Filoni in Iraq. Un minuto di silenzio e la preghiera per la pace, ricordando anche la guerra di Gaza. "Lontani da Gesù ci sentiamo impauriti e inadeguati, tanto da pensare di non potercela fare. Manca la fede. Ma Gesù è con noi, pronto a sostenerci". Il viaggio apostolico in Corea dal 13 al 18 agosto: "Accompagnatemi con la preghiera! Ne ho bisogno!".

    27/09/2014 VATICANO
    Papa: Anche la barca di Pietro oggi può essere sballottata, i gesuiti siano bravi rematori
    Francesco presenzia alla solenne liturgia di ringraziamento in occasione del 200mo anniversario della ricostituzione della Compagnia di Gesù: “Nei tempi difficili e di crisi vengono tante tentazioni: fermarsi a discutere di idee, lasciarsi trasportare dalla desolazione, concentrarsi sul fatto di essere perseguitati e non vedere altro. Non facciamoci imbrigliare da queste tentazioni”.

    29/05/2017 12:03:00 VATICANO
    Papa: impariamo ad ascoltare quello che lo Spirito Santo dice a noi, alla nostra comunità, alla Chiesa

    Una persona che non si lascia “inquietare” dello Spirito “è una persona che ha una fede fredda, una fede ideologica. La sua fede è un’ideologia, tutto qui”. “Chiedo che mi dia la grazia di distinguere il buono dal meno buono? Perché il buono dal male subito si distingue. Ma c’è quel male nascosto che è il meno buono, ma ha nascosto il male”.



    17/10/2013 VATICANO
    Papa: il cristiano che non prega perde la fede e cade nell'ideologia e nel moralismo
    Quando un cristiano non prega si ha l'atteggiamento della "chiave in tasca e porta chiusa". Quando una chiesa è chiusa "la gente che passa davanti non può entrare". E, ancora peggio, "il Signore che è dentro non può uscire".

    23/11/2017 11:39:00 VATICANO
    Papa: le donne difendono dalle colonizzazioni ideologiche che indottrinano i giovani

    Le dittature vecchie e nuove tolgono la libertà e anche la memoria per imporre un sistema educativo. Sono loro, le mamme e le donne, le custodi della memoria, del dialetto, "capaci di difendere la storia di un popolo" e di "trasmettere la fede" che poi "i teologi spiegheranno".





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®