05/08/2020, 10.32
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: cattolici affrontino questioni sociali evidenziate dalla pandemia. Appello per il Libano

“Preghiamo per le vittime” delle esplosioni a Beirut e “preghiamo per il Libano, perché, con l’impegno di tutte le sue componenti sociali, politiche e religiose, possa affrontare questo momento così tragico e doloroso e, con l’aiuto della comunità internazionale, superare la grave crisi che sta attraversando”.

Città del Vaticano (AsiaNews) – Un invito a pregare per il Libano, ferito dalle esplosioni di ieri e colpito da una grave crisi da superare “con l’impegno di tutte le sue componenti sociali, politiche e religiose” e l’annuncio di una serie di catechesi dedicate alla pandemia e in particolare alle “questioni pressanti che la pandemia ha messo in rilievo, soprattutto le malattie sociali” hanno segnato la odierna ripresa delle udienze generali del Papa, dopo la pausa del mese di luglio, le udienza generali. Ancora, a causa della pandemia, nella biblioteca del Palazzo apostolico.

Nel suo discorso, prendendo spunto dall’episodio evangelico della guarigione del paralitico a Cafarnao (cfr Mc 2,1-12), Francesco ha detto che “la pandemia sta continuando a causare ferite profonde, smascherando le nostre vulnerabilità. Molti sono i defunti, moltissimi i malati, in tutti i continenti. Tante persone e tante famiglie vivono un tempo di incertezza, a causa dei problemi socio-economici, che colpiscono specialmente i più poveri. Per questo dobbiamo tenere ben fermo il nostro sguardo su Gesù (cfr Eb 12,2) e con questa fede abbracciare la speranza del Regno di Dio che Gesù stesso ci porta (cfr Mc 1,5; Mt 4,17; CCC, 2816). Un Regno di guarigione e di salvezza che è già presente in mezzo a noi (cfr Lc 10,11). Un Regno di giustizia e di pace che si manifesta con opere di carità, che a loro volta accrescono la speranza e rafforzano la fede (cfr 1 Cor 13,13)”.

“Nella tradizione cristiana – ha detto ancora - fede, speranza e carità sono molto più che sentimenti o atteggiamenti. Sono virtù infuse in noi dalla grazia dello Spirito Santo (cfr CCC, 1812-1813): doni che ci guariscono e che ci rendono guaritori, doni che ci aprono a orizzonti nuovi, anche mentre navighiamo nelle difficili acque del nostro tempo. Un nuovo incontro col Vangelo della fede, della speranza e dell’amore ci invita ad assumere uno spirito creativo e rinnovato. In questo modo, saremo in grado di trasformare le radici delle nostre infermità fisiche, spirituali e sociali. Potremo guarire in profondità le strutture ingiuste e le pratiche distruttive che ci separano gli uni dagli altri, minacciando la famiglia umana e il nostro pianeta”.

“E allora ci chiediamo: in che modo possiamo aiutare a guarire il nostro mondo, oggi? Come discepoli del Signore Gesù, medico delle anime e dei corpi, siamo chiamati a continuare «la sua opera di guarigione e di salvezza» (CCC, 1421) in senso fisico, sociale e spirituale. La Chiesa, benché amministri la grazia risanante di Cristo mediante i Sacramenti, e benché provveda servizi sanitari negli angoli più remoti del pianeta, non è esperta nella prevenzione o nella cura della pandemia. Dà aiuto agli ammalati, ma non è esperta. E nemmeno dà indicazioni socio-politiche specifiche (cfr S. PAOLO VI, Lett. ap. Octogesima adveniens, 14 maggio 1971, 4). Questo è compito dei dirigenti politici e sociali. Tuttavia, nel corso dei secoli, e alla luce del Vangelo, la Chiesa ha sviluppato alcuni principi sociali fondamentali (cfr Compendio della Dottrina Sociale della Chiesa, 160-208), principi che possono aiutarci ad andare avanti, per preparare il futuro di cui abbiamo bisogno. Cito i principali, tra loro strettamente connessi: principio della dignità della persona, il bene comune, l’opzione preferenziale per i poveri, la destinazione universale dei beni, la solidarietà, la sussidiarietà, la cura per la nostra casa comune. Tutti questi principi aiutano i dirigenti della nostra società e nel caso della pandemia a guarire. Nelle prossime settimane, vi invito ad affrontare insieme le questioni pressanti che la pandemia ha messo in rilievo, soprattutto le malattie sociali. E lo faremo alla luce del Vangelo, delle virtù teologali e dei principi della dottrina sociale della Chiesa. Esploreremo insieme come la nostra tradizione sociale cattolica può aiutare la famiglia umana a guarire questo mondo che soffre di gravi malattie. È mio desiderio riflettere e lavorare tutti insieme, come seguaci di Gesù che guarisce, per costruire un mondo migliore, pieno di speranza per le future generazioni (cfr Esort. ap. Evangelii gaudium, 24 novembre 2013, 183)”.

E’ al termine dell’udienza che Francesco ha ricordato che “ieri a Beirut, nella zona del porto, delle fortissime esplosioni hanno causato decine di morti e migliaia di feriti, e molte gravi distruzioni. Preghiamo per le vittime e per i loro familiari; e preghiamo per il Libano, perché, con l’impegno di tutte le sue componenti sociali, politiche e religiose, possa affrontare questo momento così tragico e doloroso e, con l’aiuto della comunità internazionale, superare la grave crisi che sta attraversando”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa al Forum delle associazioni familiari: Aiuta tanto la pazienza. Sostenere la natalità
16/06/2018 13:30
Libano, oltre 800mila profughi siriani vivono in baracche o all'aperto
27/11/2013
La pace in un Medio oriente che vive momenti difficili nelle omelie di Sfeir e Ignazio IV
03/01/2006
In 5mila al "Pellegrinaggio delle asiatiche" alla Madonna del Libano
26/05/2006
Nunzio a Damasco: Benedetto XVI un faro per tutto il Medio Oriente
14/09/2012