24 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/01/2018, 12.08

    VATICANO

    Papa: come Gesù, il vero pastore ‘si butta in mezzo al popolo’ con tenerezza



    Il pastore che, come Gesù, “finisce la sua giornata stanco”, stanco di “fare il bene” farà sentire al popolo la presenza di Dio. “Il pastore va unto con l’olio, il giorno della sua ordinazione: sacerdotale e episcopale. Ma il vero olio, quello interiore, è l’olio della vicinanza e della tenerezza”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Gesù col suo comportamento mostra quali sono gli atteggiamenti che deve avere un vero pastore: vicinanza al popolo e tenerezza. L’ha detto papa Francesco nell’omelia della messa che ha celebrato stamattina a Casa santa Marta, commentando il brano del Vangelo di Marco (5,21-43)  che racconta due episodi di guarigione e che, ha detto Francesco, mostrano  “come era una giornata della vita di Gesù”.

    L’Apostolo descrive Gesù ancora una volta circondato da una “grande folla, la folla della gente che lo seguiva” o lungo la strada o lungo la riva del mare e di cui Gesù si preoccupava: è così che Dio aveva promesso di accompagnare il Suo popolo, ha sottolineato il Papa, stando in mezzo ad esso. Gesù non apre un ufficio di consulenze spirituali con un cartello “‘Il profeta riceve lunedì, mercoledì, venerdì dalle 3 alle 6. L’entrata costa tanto o, se volete, potete dare un’offerta’. No, non fa così, Gesù. Neppure Gesù aprì uno studio medico con il cartello ‘Gli ammalati vengono tal giorno, tal giorno, tal giorno e saranno guariti’. Gesù si butta in mezzo al popolo”.

    E “questa è la figura di pastore che Gesù ci dà”, ha evidenziato Francesco, che  raccontato di un "sacerdote santo che accompagnava così il suo popolo” e che la sera per questo motivo, era “stanco”, ma di una “stanchezza reale non ideale”, “di chi lavora” e sta in mezzo alla gente.

    Ma il Vangelo odierno insegna anche che tra la folla Gesù viene “stretto” tutt’intorno e “toccato”. Ben cinque volte ricorre questo verbo nella pagina di Marco, ha fatto notare il Papa, sottolineando che così oggi fa il popolo anche durante le visite pastorali, lo fa per “prendere grazia” e questo il pastore lo sente. E mai Gesù si tira indietro anzi, “paga”, anche con la “vergogna” e la “beffa”, “per fare il bene”. Sono queste le “tracce del modo di agire di Gesù” e quindi gli “atteggiamenti del vero pastore”. “Il pastore va unto con l’olio, il giorno della sua ordinazione: sacerdotale e episcopale. Ma il vero olio, quello interiore, è l’olio della vicinanza e della tenerezza. Il pastore che non sa farsi vicino, gli manca qualcosa: forse è un padrone del campo, ma non è un pastore. Un pastore al quale manca tenerezza sarà un rigido, che bastona le pecore. Vicinanza e tenerezza: lo vediamo qui. Così era Gesù”.

    Anche il pastore, come Gesù, ha detto ancora Francesco, “finisce la sua giornata stanco”, stanco di “fare il bene” e se il suo atteggiamento sarà questo il popolo sentirà la presenza di Dio viva.    “Oggi – ha concluso - potremo pregare nella Messa per i nostri pastori, perché il Signore dia loro questa grazia di camminare con il popolo, essere presenti al popolo con tanta tenerezza, con tanta vicinanza. E quando il popolo trova il suo pastore, sente quella cosa speciale che soltanto si sente alla presenza di Dio – e così finisce il passo del Vangelo – ‘Essi furono presi da grande stupore’. Lo stupore di sentire la vicinanza e la tenerezza di Dio nel pastore”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/06/2014 VATICANO
    Papa: per comunicare il suo amore Dio "ha bisogno della nostra piccolezza" e dello stupore nel trovarlo ad aspettarci
    "Dio cerca con l'uomo è un "rapporto di papà-bambino", lo "accarezza", gli dice: "Io sono con te". "Questa è la tenerezza del Signore, nel suo amore; questo è quello che Lui ci comunica e ci dà la forza alla nostra tenerezza. Ma se noi ci sentiamo forti, mai avremo l'esperienza della carezza del Signore, le carezze del Signore, tanto belle...".

    11/12/2014 VATICANO
    Papa: Dio ci ama con la "tenerezza di una mamma", "ma noi, tante volte vogliamo controllare la grazia"
    La grazia di Dio "è vicinanza, è tenerezza. Questa regola serve sempre. Se tu nel tuo rapporto con il Signore non senti che Lui ti ama con tenerezza, ancora ti manca qualcosa, ancora non hai capito cos'è la grazia, ancora non hai ricevuto la grazia che è questa vicinanza". "Se noi avessimo il coraggio di aprire il nostro cuore a questa tenerezza di Dio, quanta libertà spirituale avremmo!".

    26/04/2017 11:45:00 VATICANO
    Papa: in un mondo dominato dal denaro, rimettere al centro la persona

    Videomessaggio di Francesco al TED 2017. Il progresso scientifico e tecnologico non deve accrescere il divario tra nazioni e popoli. La “rivoluzione della tenerezza”, che è “usare gli occhi per vedere l’altro, usare le orecchie per sentire l’altro, per ascoltare il grido dei piccoli, dei poveri, di chi teme il futuro”. “Anch’io sono nato in una famiglia di migranti” e “anch’io avrei potuto essere tra gli ‘scartati’ di oggi”. Perciò nel mio cuore rimane sempre quella domanda: “Perché loro e non io?”



    06/12/2016 11:18:00 VATICANO
    Papa: Giuda, la “perfetta pecora smarrita” che non capisce la tenerezza di Dio

    “Che il Signore ci dia questa grazia, di aspettare il Natale con le nostre ferite, con i nostri peccati, sinceramente riconosciuti, di aspettare la potenza di questo Dio che viene a consolarci, che viene con potere ma il suo potere è la tenerezza, le carezze che sono nate dal suo cuore, il suo cuore tanto buono che ha dato la vita per noi”.



    13/09/2016 10:52:00 VATICANO
    Papa: vincere la cultura dell’indifferenza e costruire una vera cultura dell’incontro

    “Non solo vedere: guardare. Non solo sentire: ascoltare. Non solo incrociarsi: fermarsi. Non solo dire ‘peccato, povera gente’, ma lasciarsi prendere dalla compassione. E poi avvicinarsi, toccare e dire nella lingua che ad ognuno viene in quel momento, la lingua del cuore: ‘Non piangere’, e dare almeno una goccia di vita”.





    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®