15/04/2008, 00.00
VATICANO-USA
Invia ad un amico

Papa: cominciato il viaggio che lo porta negli Usa e davanti all’Onu

Benedetto XVI arriva stasera a Washington, dove sarà accolto dal presidente Bush. La visita, che proseguirà fino al 20, vede tra gli appuntamenti più attesi, il discorso che il Papa rivolgerà all’assemblea dell’Onu il 18 aprile e la preghiera che egli pronuncerà a Ground Zero, il 20.
Città del Vaticano (AsiaNews) – Nel segno di una “speranza di pace, di giustizia, di libertà”, che non può realizzarsi “senza obbedire alla legge di Dio”, è cominciato oggi l’ottavo viaggio internazionale di Benedetto XVI, che lo porta negli Stati Uniti d’America e alla sede dell’Organizzazione delle Nazioni Unite.
 
L’aereo con a bordo il Papa è decollato dall’aeroporto di Fiumicino (Roma) alle 12 ed arriverà a Washington alle 16 locali (le 22 ora di Roma). All’arrivo all’aeroporto internazionale della Andrews Air Force Base di Washington, Benedetto XVI sarà accolto dal presidente Georges W. Bush con la First Lady. Un gesto non previsto dal protocollo americano e che indica l’importanza che la Casa Bianca attribuisce alla visita papale, alla quale, peraltro, i media americani attribuiscono grande rilievo.
 
Il viaggio, che proseguirà fino al 20, vede tra gli appuntamenti più attesi, il discorso che il Papa rivolgerà all’assemblea dell’Onu il 18 aprile e la preghiera che egli pronuncerà a Ground Zero, il 20. Ci si aspetta che ai rappresentanti del mondo Benedetto XVI parli di temi che gli sono cari, come la pace, il rispetto dei diritti umani, a partire da quello alla vita, ed anche della necessità di modificare lo stile di vita dei Paesi ricchi per combattere gli effetti negativi della globalizzazione e dedicare fondi allo sviluppo ed alla lotta alle malattie.
 
La preghiera per le vittime dell’attentato dell’11 settembre, poi, dovrebbe comprendere un appello alla conversione dei cuori rivolto ai terroristi.
 
Tra gli altri appuntamenti di rilievo, la messa del 17 nel Nationals Stadium di Washington ed il successivo incontro con il mondo universitario cattolico nella Catholic University of America. A New York la riflessione sul difficile momento della Chiesa cattolica negli Usa, che emergerà dagli incontri del 19 con sacerdoti, religiosi e religiose nella cattedrale di St. Patrick e con i giovani e con i seminaristi nel seminario di St. Joseph. Il Papa, ha rivelato il cardinale segretario di Stato Tarcisio Bertone, intervistato dalla televisione Rome-Reports, parlerà dello scandalo degli abusi sessuali dei sacerdoti “invitando a costruire insieme una cultura di integrità morale, anche di perfezione etica e persino di santità” e “solleciterà soprattutto i religiosi e le persone consacrate a essere di esempio per gli altri”. Domenica 20, infine, la messa nello Yankee Stadium.
 
Ma questi giorni avranno per il Papa anche un carattere “personale”: domani, 16 aprile, festeggerà il suo ottantunesimo compleanno, e il 19 aprile il terzo anniversario dell'elezione al pontificato.
 
La visita di Benedetto XVI negli Usa potrà essere seguita anche sul web. La Conferenza episcopale degli Usa ha infatti creato il sito http://www.uspapalvisit.org/ che mostrerà tutti gli appuntamenti del viaggio.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: cresca nei cristiani la coscienza di essere tutti missionari
05/05/2007
Papa: in Turchia un viaggio "pastorale, non politico"
28/11/2006
Papa: all’Onu e negli Usa per “condividere” la speranza cristiana
08/04/2008
Benedetto XVI: gli auguri di Pasqua alla comunità ebraica di New York
19/04/2008
Papa: un “ordine morale basato sulla signoria di Dio", fonda libertà e diritti dell’uomo
16/04/2008