30/01/2017, 15.21
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: forte condanna per l’attentato a Quebec City

Due persone hanno sparato contro i fedeli riuniti  in una sala di preghiera del Centro culturale islamico. Ci sono  sei morti e otto feriti, alcuni dei quali gravi. “Il Santo Padre condanna con forza ancora una volta la violenza che genera tante sofferenze e implora da Dio il dono del rispetto reciproco e della pace”.

Città del Vaticano (AsiaNews) – Forte condanna dell’attentato alla moschea a Quebec City e di ogni forma di violenza sono stati espressi dal Papa in un telegramma al cardinale Gérald Cyprien Lacroix, arcivescovo di Quebec City, col quale Francesco si è intrattenuto questa mattina (nella foto), assicurando le sue preghiere per le vittime dell’attacco alla moschea. Il Papa ha sottolineato l'importanza di restare in questi momenti tutti uniti nella preghiera, cristiani e musulmani. Il Cardinale, in visita a Roma è subito ripartito per il Canada.

“Informato – si legge nel documento a firma del cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin - dell’attentato perpetrato in Quebec in una sala di preghiera del Centro culturale islamico, che ha provocato numerose vittime, Sua Santità papa Francesco affida alla misericordia di Dio le persone che hanno perduto la vita e si unisce nella preghiera al dolore dei loro parenti. Esprime la propria profonda solidarietà ai feriti e alle loro famiglie, e a tutti coloro che hanno contribuito ai soccorsi, chiedendo al Signore di portare loro conforto e consolazione nella prova. Il Santo Padre condanna con forza ancora una volta la violenza che genera tante sofferenze e implorando da Dio il dono del rispetto reciproco e della pace, invoca sulle famiglie provate e sulle persone toccate da questo dramma, così come su tutti i quebecchesi il beneficio delle benedizioni divine”.

Condanna per l’attentato è stata espressa anche dal Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso che in un comunicato esprime “profonda tristezza e indignazione” per un gesto “perpetrato contro fedeli musulmani raccolti in preghiera a Quebec City in un loro luogo di culto. Con questo gesto insensato – prosegue la nota - sono stati violati la sacralità della vita umana, e rispetto dovuto a una comunità in preghiera e al luogo di culto che l’accoglieva. Il Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso condanna fermamente quest’atto di inaudita violenza e desidera far pervenire la sua piena solidarietà ai musulmani del Canada, assicurando la sua fervida preghiera per le vittime e le loro famiglie”.

L’attentato è stato compiuto al momento della preghiere serale nel Centro culturale islamico di Quebec City intorno alle 20 ora locale, nella sezione maschile della moschea, mentre una cinquantina di persone era raccolta nel luogo di culto. Ci sono sei morti e otto feriti, alcuni dei quali gravi. Le vittime  erano tutti uomini, tra i 35 e i 70 anni. Sono state arrestate due persone e la polizia esclude che ci sarebbe ancora un attentatore in fuga, come sostenuto da voci diffusesi. Un testimone ha riferito a Radio Canada di aver visto due uomini coperti da maschera nera e che uno aveva un "marcato accento del Quebec".

Foto: credit L'Osservatore Romano.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Attentato alla moschea di Quebec. Accusato uno studente universitario
31/01/2017 08:35
Benedetto XVI condanna "l'orribile attentato" di Kusadasi
18/07/2005
Card. Gracias: Chiesa in Asia addolorata per le vittime di Quebec City
31/01/2017 09:06
Rawalpindi, attentato suicida contro Musharraf: 7 morti
30/10/2007
Attentato al centro di Istanbul, almeno 10 vittime straniere
12/01/2016