29 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/01/2014, 00.00

    VATICANO

    Papa: gli scandali "vergogna della Chiesa", sono sorti là dove mancava "un legame con Dio"



    "La Parola di Dio in quegli scandali era rara; in quegli uomini e in quelle donne la Parola di Dio era rara! Non avevano un legame con Dio! Avevano una posizione nella Chiesa, una posizione di potere, anche di comodità. Ma la Parola di Dio, no!".

    Città del Vaticano (AsiaNews) - Gli scandali "vergogna della Chiesa", "sconfitte di preti, di vescovi, di laici", sono sorti là dove la Parola di Dio era "rara", dove mancava "un legame con Dio". L'ha detto oggi papa Francesco durante la messa celebrata questa mattina a Casa santa Marta.

    Il Papa, riferisce la Radio Vaticana, ha commentato il passo biblico che racconta una dura sconfitta degli ebrei da parte dei filistei, osservando che il popolo di Dio in quell'epoca aveva abbandonato il Signore. Si diceva che la Parola di Dio era "rara" in quel tempo. Il vecchio sacerdote Eli era un "tiepido" e i suoi figli "corrotti, spaventavano il popolo e lo bastonavano". Gli israeliti per combattere contro i filistei utilizzano l'arca dell'alleanza, ma come una cosa "magica", "una cosa esterna". E vengono sconfitti: l'arca è presa dai nemici. Non c'è fede vera in Dio, nella sua presenza reale nella vita.

    "Questo brano della Scrittura ci fa pensare come è il nostro rapporto con Dio, con la Parola di Dio: è un rapporto formale? È un rapporto lontano? La Parola di Dio entra nel nostro cuore, cambia il nostro cuore, ha questo potere o no, è un rapporto formale, tutto bene? Ma il cuore è chiuso a quella Parola! E ci porta a pensare a tante sconfitte della Chiesa, a tante sconfitte del popolo di Dio semplicemente perché non sente il Signore, non cerca il Signore, non si lascia cercare dal Signore! E poi dopo la tragedia, la preghiera, questa: 'Ma, Signore, che è successo? Hai fatto di noi il disprezzo dei nostri vicini. Lo scherno e la derisione di chi ci sta intorno. Ci hai reso la favola delle genti! Su di noi i popoli scuotono il capo'".

    Il Papa pensa poi agli scandali della Chiesa: "Ma ci vergogniamo? Tanti scandali che io non voglio menzionare singolarmente, ma tutti ne sappiamo... Sappiamo dove sono! Scandali, alcuni che hanno fatto pagare tanti soldi: sta bene! Si deve fare così.... La vergogna della Chiesa! Ma ci siamo vergognati di quegli scandali, di quelle sconfitte di preti, di vescovi, di laici? La Parola di Dio in quegli scandali era rara; in quegli uomini e in quelle donne la Parola di Dio era rara! Non avevano un legame con Dio! Avevano una posizione nella Chiesa, una posizione di potere, anche di comodità. Ma la Parola di Dio, no! 'Ma, io porto una medaglia'; 'Io porto la Croce'... Sì, come questi portavano l'arca! Senza il rapporto vivo con Dio e con la Parola di Dio! Mi viene in mente quella Parola di Gesù per quelli per i quali vengono gli scandali... E qui lo scandalo è venuto: tutta una decadenza del popolo di Dio, fino alla debolezza, alla corruzione dei sacerdoti".

    E il popolo di Dio "povera gente! Povera gente! Non diamo da mangiare il pane della vita; non diamo da mangiare - in quei casi - la verità! E persino diamo da mangiare pasto avvelenato, tante volte! 'Svegliati, perché dormi Signore!'. Questa sia la nostra preghiera! 'Destati! Non respingerci per sempre! Perché nascondi il tuo volto? Perché dimentichi la nostra miseria ed oppressione?'. Chiediamo al Signore di non dimenticare mai la Parola di Dio, che è viva, che entri nel nostro cuore e non dimenticare mai il santo popolo fedele di Dio, che ci chiede pasto forte!".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/05/2016 10:50:00 VATICANO
    Papa: l’amore per il potere e il denaro “tentazione mondana” della Chiesa

    “Nella strada che Gesù ci indica per andare avanti, il servizio è la regola. Il più grande è quello che più serve, quello che più è al servizio degli altri, non quello che si vanta, che cerca il potere, i soldi… la vanità, l’orgoglio… No, questi non sono i grandi”.



    02/06/2013 VATICANO
    Papa: per un'ora il mondo cattolico si è riunito nell'adorazione eucaristica
    Papa Francesco nella basilica di san Pietro e contemporaneamente in tutte le cattedrali, nelle parrocchie e nei conventi. Stamattina durante la messa, Francesco ha definito la guerra "suicidio dell'umanità". Nella storia, "tante volte, abbiamo visto che i problemi locali, i problemi economici, le crisi economiche", "i grandi della terra vogliono risolverli con una guerra". "Perché? Perché i soldi sono più importanti delle persone per loro! E la guerra è proprio questo: è un atto di fede ai soldi, agli idoli, agli idoli dell'odio, all'idolo che ti porta ad uccidere il fratello, che porta ad uccidere l'amore".

    11/01/2017 11:04:00 VATICANO
    Papa: sperare in Dio, che non delude mai, e non in idoli come potere e ricchezza

    E’ importante che la speranza “sia riposta in ciò che veramente può aiutare a vivere e a dare senso alla nostra esistenza”. “Se si ripone la speranza negli idoli, si diventa come loro: immagini vuote con mani che non toccano, piedi che non camminano, bocche che non possono parlare”, “e anche noi, uomini di Chiesa, corriamo questo rischio quando ci ‘mondanizziamo’. Bisogna rimanere nel mondo ma difendersi dalle illusioni del mondo”.

     



    14/01/2014 VATICANO
    Papa: essere cristiani come Gesù, che ama la gente, e non "legalisti", "ipocriti" o "corrotti"
    Il Papa parla dei "modelli" di credenti: gli scribi , "insegnavano, predicavano ma legavano la gente con tante cose pesanti sulle spalle", il sacerdote Eli, che disprezza la fede semplice, i suoi figli, che "andavano dietro al potere, dietro ai soldi" e Gesù che "con sé porta la Parola di Dio, il messaggio di Dio, cioè l'amore di Dio a ognuno di noi".

    20/05/2014 VATICANO
    Papa: la pace donata da Gesù accompagna per tutta la vita, quella data dalle "cose" è "superficiale, temporale"
    La pace data da denaro, potere o vanità è sempre a rischio di sparire. Quella di Gesù "è una Persona", è lo Spirito Santo: "è una pace definitiva", che si riceve in dono e per sempre.



    In evidenza

    EGITTO – VATICANO
    Papa in Egitto: l’Egitto chiamato a condannare violenza e povertà in Medio Oriente



    Nel discorso alle autorità Francesco sottolinea ruolo e responsabilità del Cairo nel futuro della regione. “Di fronte a uno scenario mondiale delicato e complesso, che fa pensare a quella che ho chiamato una ‘guerra mondiale a pezzi’, occorre affermare che non si può costruire la civiltà senza ripudiare ogni ideologia del male, della violenza e ogni interpretazione estremista che pretende di annullare l’altro e di annientare le diversità manipolando e oltraggiando il Sacro Nome di Dio”.


    ISLAM-VATICANO-EGITTO
    Un musulmano scrive al papa : Caro papa Francesco,..

    Kamel Abderrahmani

    L’ammirazione per la carità mostrata dal pontefice verso i rifugiati musulmani siriani, per il suo spingere all’amore e nel denunciare l’odio. “I nostri ulema non sono così” e non denunciano l’odio di Daesh e non fanno nulla per i cristiani. La richiesta perché nel viaggio in Egitto, spinga il presidente al Sisi e Al Azhar alla riforma dell’islam. Senza di questo Al Azhar rischia di essere l’accademia del fondamentalismo mondiale. Dal nostro amico e collaboratore Kamel Abderrahmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®