1 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 30/05/2012
VATICANO
Papa: "illazioni gratuite" sulla vicenda dei documenti rubati, "rinnovo fiducia ai miei più stretti collaboratori"
Intervento di Benedetto XVI al termine dell'udienza generale: offerta un'immagine della Santa Sede che non risponde alla realtà. Nonostante le difficoltà, il Signore non abbandona la sua Chiesa. Nella catechesi per l'incontro, la preghiera nella II Lettera di san Paolo ai Corinzi. Il "dialogo" tra il "sì fedele" di Dio e l'amen dei credenti.

Città del Vaticano (AsiaNews) - Il Papa è rattristato per i fatti di questi giorni riguardanti i documenti rubati in Vaticano, sui quali si sono fatte illazioni "del tutto gratuite", offrendo un'immagine del Vaticano che non risponde alla realtà. E' lo stesso Benedetto XVI a dirlo, oggi, con un intervento nel quale ha rinnovato la sua fiducia ai suoi "più stretti collaboratori". Gli eventi di questi giorni, ha detto al termine dell'udienza generale, "hanno recato tristezza nel mio cuore, ma non si è mai offuscata la ferma certezza che nonostante le prove, le difficoltà e debolezze il Signore non abbandona la sua Chiesa". "Si sono moltiplicate tuttavia illazioni, amplificate da alcuni mezzi di comunicazione, del tutto gratuite e che sono andate ben oltre i fatti offrendo un'immagine della Santa Sede che non risponde alla realtà. Voglio per questo rinnovare la mia fiducia, il mio incoraggiamento ai miei più stretti collaboratori e a tutti coloro che quotidianamente con fedeltà, spirito di sacrificio e nel silenzio mi aiutano nell'adempimento del mio ministero''.

In precedenza, continuando a illustrare alle 30mila persone presenti in piazza san Pietro per l'udienza generale, la preghiera nelle Lettere di san Paolo, Benedetto XVI si era soffermato nella "dinamica" tra il "sì" di Dio e l'amen dei fedeli espresso nella II Lettera ai Corinzi: "una Chiesa che più volte ha messo in discussione il suo apostolato e nella quale mostra la sua assoluta fedeltà a Gesù". Il Papa ha ricordato come san Paolo "vive in grande tribolazione, e sono molte le difficoltà e le afflizioni che ha dovuto subire, ma non ha mai ceduto allo scoraggiamento, sorretto dalla grazia di nostro Signore Gesù Cristo". "Per annunziare Cristo ha subito anche persecuzioni, fino ad essere rinchiuso in carcere, ma si è sentito sempre interiormente libero, animato dalla presenza di Cristo e desideroso solamente di annunciare la parola di speranza del Vangelo. Dal carcere così scrive a Timoteo, suo fedele collaboratore: «la Parola di Dio non è incatenata! Perciò io sopporto ogni cosa per quelli che Dio ha scelto, affinché anch'essi raggiungano la salvezza che è in Cristo Gesù, insieme alla gloria eterna".

 "Nella preghiera di benedizione che introduce la Seconda Lettera ai Corinzi domina quindi, accanto al tema delle afflizioni, il tema della consolazione, da non intendersi solo come semplice conforto, ma soprattutto come incoraggiamento ed esortazione a non lasciarsi vincere dalla tribolazione e dalle difficoltà. L'invito è a vivere ogni situazione uniti a Cristo, che carica su di sé tutta la sofferenza e il peccato del mondo per portare luce, speranza e redenzione. E così Gesù ci rende capaci di consolare a nostra volta quelli che si trovano in ogni genere di afflizione. La profonda unione con Cristo nella preghiera, la fiducia nella sua presenza, conducono alla disponibilità a condividere le sofferenze e le afflizioni dei fratelli".

La preghiera insomma è l'incontro tra il "sì, fedele e incrollabile" di Dio e l'"amen" personale e comunitario dei fedeli, che esprime adesione e lode, è "l'incontro con una persona viva", che "ci dà la sua consolazione in mezzo alle tempeste della vita". Perché "nel nostro cammino si incontrano difficoltà, incomprensioni, sofferenze, ma nel rapporto fedele con il Signore, nella preghiera costante quotidiana, possiamo anche noi sentire la consolazione che viene da Dio e questo rafforza a nostra fede perché ci fa sperimentare in modo concreto il 'sì' di Dio all'uomo in Cristo, la fedeltà del suo amore, che giunge fino al dono del suo Figlio sulla croce".

"Il modo di agire di Dio - ben diverso dal nostro - ci dà consolazione, forza e speranza, perché Dio non ritira il suo sì. Di fronte ai contrasti nelle relazioni umane, spesso anche familiari, noi siamo portati a non perseverare nell'amore gratuito, che costa impegno e sacrificio. Invece, Dio non si stanca con noi, non si stanca mai di avere pazienza con noi e con la sua immensa misericordia ci precede sempre, ci viene incontro per primo". "Non c'è persona - ka conclusione del Papa - che non sia raggiunta e interpellata da questo amore fedele, capace di attendere anche quanti continuano a rispondere con il «no» del rifiuto o dell'indurimento del cuore. Dio ci aspetta, ci cerca sempre, vuole accoglierci nella comunione con Sé per donare ad ognuno di noi pienezza di vita, di speranza e di pace".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
11/06/2012 VATICANO
Papa: la fedeltà verso il Vicario di Cristo, dovere di ogni cattolico, grave responsabilità per chi lavora nella Curia romana e nelle nunziature
30/05/2012 VATICANO
"Corvi" che dicono di amare il Papa, illazioni e fiducia
di Franco Pisano
07/09/2011 VATICANO
Papa: Dio è sempre vicino, anche nei giorni del dolore risponde a chi prega
19/12/2012 VATICANO
Papa: fiducia in Dio anche nelle "situazioni oscure", quando sembra assente
31/03/2009 VATICANO
Papa: il sacerdozio, “intreccio d’amore” tra iniziativa divina e libera risposta umana

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate