24 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/02/2018, 11.00

    VATICANO

    Papa: imparare la preghiera di adorazione, quello che faremo in Cielo



    Davanti alla gloria di Dio, le parole spariscono, non si sa cosa dire, ha aggiunto Francesco. Come si narra nella liturgia di domani, Salomone, infatti, riesce solo a dire due parole: “ascolta e perdona”. E la conclusione è “adorare in silenzio con tutta la storia addosso e chiedere: “Ascolta e perdona”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Imparare a prendere un po’ di tempo per la preghiera di adorazione, per fare  già ora ciò che faremo in Cielo. E’ l’invito rivolto da papa Francesco nell’omelia della messa che ha celebrato stamattina a Casa santa Marta, commentando la Prima lettura (1Re 8,1-7.9-13) nella quale si narra di quando re Salomone convocò il popolo per salire verso il Tempio, per far salire l’arca dell’alleanza del Signore.

    Un cammino in salita per portare l’alleanza, durante il quale il popolo aveva addosso la propria storia, “la memoria della elezione”. Portava due tavole di pietra, nuda, così come era stata data da Dio, “non come questo popolo l’aveva imparato dagli scribi”, che l’avevano “barocchizzata”, resa barocca “con tante prescrizioni”. “L’alleanza nuda: io ti amo, tu mi ami”: il primo comandamento, amare Dio e, secondo, amare il prossimo. Nell’arca, infatti, non c’era nulla se non due tavole di pietra.

    Quindi introdussero l’arca nel santuario e appena i sacerdoti furono usciti, la nube, la gloria del Signore,  riempì il Tempio. Allora il popolo entrò in adorazione: “dai sacrifici che faceva nel cammino in salita al silenzio, all’umiliazione dell’adorazione”. “Tante volte penso – ha commentato il Papa – che noi non insegniamo al nostro popolo ad adorare”. “Sì, gli insegniamo a pregare, a cantare, a lodare Dio, ma ad adorare… La preghiera di adorazione, questa che ci annienta senza annientarci: nell’annientamento dell’adorazione ci dà nobiltà e grandezza”.

    L’esortazione del Papa è quindi quella di imparare fin da adesso ciò che faremo in Cielo: la preghiera di adorazione. “Ma, soltanto, possiamo arrivare lì con la memoria di essere stati eletti, di avere dentro al cuore una promessa che ci spinge ad andare e con l’alleanza in mano e nel cuore. E sempre in cammino: cammino difficile, cammino in salita, ma in cammino verso l’adorazione”.

    Davanti alla gloria di Dio, le parole spariscono, non si sa cosa dire, ha aggiunto Francesco. Come si narra nella liturgia di domani, Salomone, infatti, riesce solo a dire due parole: “ascolta e perdona”. E l’invito conclusivo del Papa è ad “adorare in silenzio con tutta la storia addosso e chiedere: “Ascolta e perdona”. “Ci farà bene, oggi, prendere un po’ di tempo di preghiera, con la memoria del nostro cammino, la memoria delle grazie ricevute, la memoria dell’elezione, della promessa, dell’alleanza e cercare di andare su, verso l’adorazione, e in mezzo all’adorazione con tanta umiltà dire soltanto questa piccola preghiera: Ascolta e perdona”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/10/2017 10:37:00 VATICANO
    Papa: il paradiso non è un giardino incantato, ma l’eterno abbraccio con Dio

    E’ “la meta della nostra esistenza”, quella dove “entriamo grazie a Gesù”, che “ci vuole portare là con quel poco o tanto di bene che c’è stato nella nostra vita, perché nulla vada perduto di ciò che Lui aveva già redento. E nella casa del Padre porterà anche tutto ciò che in noi ha ancora bisogno di riscatto: le mancanze e gli sbagli di un’intera vita”. L’ invito alla recita del Rosario.



    22/11/2013 VATICANO
    Papa: "noi cristiani forse abbiamo perso un po' il senso della adorazione" di Dio
    Francesco durante la messa parla del "tempio" materiale in cui si deve andare prima di tutto per l'adorazione e del "tempio spirituale", l'essere umano che in quanto "tempio dello Spirito Santo" è chiamato ad ascoltare dentro di sé Dio, a chiedergli perdono e a seguirlo. Ma "i nostri templi sono luoghi di adorazione, favoriscono l'adorazione? Le nostre celebrazioni favoriscono l'adorazione?". "In questi due templi il nostro atteggiamento deve essere la pietà che adora e ascolta, che prega e chiede perdono, che loda il Signore".

    30/10/2013 VATICANO
    Papa: la comunione dei santi, legame indissolubile tra noi e chi è in Purgatorio o in Paradiso
    "Tutti, anche io, abbiamo sperimentato insicurezze, smarrimenti e perfino dubbi nel cammino della fede". Dopo l'udienza generale l'incontro con una delegazione di sovraintendenze irachene, con rappresentanti dei diversi gruppi religiosi, "che costituiscono la ricchezza del Paese",

    26/11/2014 VATICANO
    Papa: il Paradiso, "più che un luogo" è uno "stato" in cui le nostre attese più profonde saranno compiute
    "Non dunque un annientamento del cosmo e di tutto ciò che ci circonda, ma un portare ogni cosa alla sua pienezza di essere, di verità, di bellezza". "Da venerdì prossimo a domenica mi recherò in Turchia in Viaggio Apostolico. Invito tutti a pregare perché questa visita di Pietro al fratello Andrea porti frutti di pace, sincero dialogo tra le religioni e concordia nella nazione turca".

    23/10/2014 VATICANO
    Papa: senza la forza dello Spirito Santo "non si può andare avanti" e "non si può essere cristiani"
    "Ci fa bene lodare Dio, entrare in questo mondo di ampiezza, di grandiosità, di generosità e di amore. Ci fa bene, perché così possiamo andare avanti nel grande comandamento - l'unico comandamento, che è alla base di tutti gli altri -: l'amore; amare Dio e amare il prossimo".



    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®