03/11/2012, 00.00
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: la vita eterna non è "un doppione" del presente, ma essere in piena comunione con Dio

Benedetto XVI celebra la messa di suffragio per i cardinali e i vescovi morti durante l'anno. "La morte, paradossalmente, conserva ciò che la vita non può trattenere" e le visite ai cimiteri "inducono a riannodare un dialogo che la morte ha messo in crisi. Così, i luoghi della sepoltura costituiscono come una sorta di assemblea, nella quale i vivi incontrano i propri defunti e con loro rinsaldano i vincoli di una comunione che la morte non ha potuto interrompere".

Città del Vaticano (AsiaNews) - La morte per il cristiano non è la fine di tutto, ma "apre alla vita, a quella eterna, che non è un infinito doppione del tempo presente, ma qualcosa di completamente nuovo. La fede ci dice che la vera immortalità alla quale aspiriamo non è un'idea, un concetto, ma una relazione di comunione piena con il Dio vivente: è lo stare nelle sue mani, nel suo amore, e diventare in Lui una cosa sola con tutti i fratelli e le sorelle che Egli ha creato e redento, con l'intera creazione".

La "speranza che non delude" della fede è stata evocata oggi da Benedetto XVI nella messa celebrata, come ogni anno, in suffragio dei cardinali e dei vescovi morti durante l'anno. Un rito che, in una affollata basilica di san Pietro, il Papa ha legato a quelli dei giorni scorsi, al "clima della comunione dei santi e della commemorazione dei defunti". E' così che le visite ai cimiteri "inducono a riannodare un dialogo che la morte ha messo in crisi. Così, i luoghi della sepoltura costituiscono come una sorta di assemblea, nella quale i vivi incontrano i propri defunti e con loro rinsaldano i vincoli di una comunione che la morte non ha potuto interrompere". "La morte, paradossalmente, conserva ciò che la vita non può trattenere. Come i nostri defunti hanno vissuto, che cosa hanno amato, temuto e sperato, che cosa hanno rifiutato, lo scopriamo, infatti, in modo singolare proprio dalle tombe, che sono rimaste quasi come uno specchio della loro esistenza, del loro mondo: esse ci interpellano e ci inducono a riannodare un dialogo che la morte ha messo in crisi".

"Così, i luoghi della sepoltura costituiscono come una sorta di assemblea, nella quale i vivi incontrano i propri defunti e con loro rinsaldano i vincoli di una comunione che la morte non ha potuto interrompere. E qui a Roma, in quei cimiteri peculiari che sono le catacombe, avvertiamo, come in nessun altro luogo, i legami profondi con la cristianità antica, che sentiamo così vicina. Quando ci inoltriamo nei corridoi delle catacombe romane - come pure in quelli dei cimiteri delle nostre città e dei nostri paesi -, è come se noi varcassimo una soglia immateriale ed entrassimo in comunicazione con coloro che lì custodiscono il loro passato, fatto di gioie e di dolori, di sconfitte e di speranze. Ciò avviene, perché la morte riguarda l'uomo di oggi esattamente come quello di allora; e anche se tante cose dei tempi passati ci sono diventate estranee, la morte è rimasta la stessa".

"Di fronte a questa realtà, l'essere umano di ogni epoca cerca uno spiraglio di luce che faccia sperare, che parli ancora di vita, e anche la visita alle tombe esprime questo desiderio".

Alla "questione della morte" il cristiano risponde con la fede, con la "solida speranza che si fonda sulla Morte e Risurrezione di Gesù Cristo". Quella che hanno avuto i cardinali e i vescovi che hanno lasciato quest'anno la vita terrena. Sono "amici del Signore che, fidandosi della sua promessa, nelle difficoltà e anche nelle persecuzioni hanno conservato la gioia della fede, ed ora abitano per sempre la casa del Padre e godono della ricompensa celeste, ricolmi di felicità e di grazia. I Pastori che oggi ricordiamo hanno, infatti, servito la Chiesa con fedeltà e amore, affrontando talvolta prove onerose, pur di assicurare al gregge loro affidato attenzione e cura. Nella varietà delle rispettive doti e mansioni, hanno dato esempio di solerte vigilanza, di saggia e zelante dedizione al Regno di Dio, offrendo un prezioso contributo alla stagione post-conciliare, tempo di rinnovamento in tutta la Chiesa".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: "vita eterna", non mito, ma destino che dà senso alle situazioni quotidiane
01/11/2006
Papa: fa bene pensare ogni giorno al momento nel quale ‘il Signore mi chiamerà’
17/11/2017 10:45
Papa: anche di fronte alla morte il cristiano resta “uomo di speranza”
03/11/2017 12:23
Papa: la morte “per chi crede è una porta che si spalanca”; per chi dubita è uno spiraglio di luce”
18/10/2017 10:58
Papa: cresca nei cristiani la coscienza di essere tutti missionari
05/05/2007