17 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/12/2017, 16.15

    VATICANO

    Papa: ‘non voglio lavoro in nero e precariato in Vaticano’



    Ai dipendenti vaticano incontrati per gli auguri di Natale, Francesco ha proposto quattro “parole”: lavoro, famiglia, chiacchiere e perdono.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – “Non voglio lavoro in nero e precariato in Vaticano”. L’ha detto oggi papa Francesco incontrando i dipendenti vaticani per gli auguri natalizi. A uomini donne (e bambini) riuniti nell’aula Paolo VI, Francesco ha proposto in un  discorso a braccio “quattro parole”.

     “Lavoro – ha detto - è la prima parola che vi dico, non per dirvi, lavorate di più ma per dirvi grazie”, e, ha aggiunto, “non voglio lavoro in nero in Vaticano. Vi chiedo scusa, così come ho detto che non si deve lasciare nessuno senza lavoro”. “E’ un problema di coscienza per me, non possiamo predicare la Dottrina della Chiesa. Per me è così. Voi aiutatemi, aiutate a risolvere questa situazione”. Il lavoro, ha proseguito, è “strada di santificazione e felicità”. “La maledizione è non avere lavoro, perché il lavoro ci dà dignità, la sicurezza del lavoro ci dà la dignità”. “Questo è un problema mondiale che dipende da tanti fattori e conservare il lavoro è avere dignità, portare il pane e portarlo non dalla Caritas ma perché lavoro, e farlo bene, è dignità”.

    “La seconda parola che mi viene in mente di dirvi - ha continuato il Papa - è famiglia. Quando io so che una famiglia vostra è in crisi e ci sono i bambini che si angosciano perché la famiglia è in crisi, io soffro. Lasciatevi aiutare. Per favore, fatevi aiutare, chiedete aiuto in tempo. Custodire le famiglie. Io so che tra voi ci sono alcuni separati e soffro con voi”, “quando i genitori litigano i bambini soffrono. Vi dò un consiglio: mai litigare davanti ai bambini. Custodire la famiglia. La famiglia! La famiglia, questo è il gioiello grande perché Dio ha creato la famiglia. Fecondi, andate avanti.

    La terza parola proposta da Francesco, è stata “chiacchiere”, “una parola ricorrente”, come l’ha definita, e che è causa di molte sofferenze. Il paragone scelto dal Papa ha davvero reso l’idea del danno che si può fare quando si mormora. “Un chiacchierone - ha spiegato - è come un terrorista: tira la bomba che esplode e danneggia tanti altri. Non fare il terrorismo delle chiacchiere, per favore!  Come possiamo fare per non chiacchierare? Ma morditi la lingua!

    “Perdono e scusa la quarta parola, perché  noi non sempre diamo buon esempio: parlo della fauna clericale”, ha proseguito Papa Francesco. “Ci sono sbagli nella vita che facciamo noi chierici, peccati, ingiustizie, trattiamo un po’ male la gente, a volte siamo nevrotici. Per questo chiedo perdono”. Il Papa ha concluso invitando a non aver paura di chiedere perdono, e di cercare un buon confessore, perché “ci sono tanti preti misericordiosi”, e perché  “il Natale è buona occasione per fare pace in noi stessi”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/07/2014 VATICANO - ITALIA
    Papa in Molise: superare la "cultura del provvisorio" per essere veramente liberi
    A giovani e detenuti Francesco ripete che "Dio non si stanca di perdonare". Una statua di San Giovanni Evangelista che la diocesi ha donato per la riapertura della cattedrale di Smirne. A Isernia, dove nacque san Celestino V, ha aperto l'Anno giubilare celestiniano.

    22/11/2017 12:26:00 VATICANO
    Papa: quando andiamo a messa è come se andassimo al Calvario

    La celebrazione è “entrare” nella passione, morte, risurrezione, ascensione di Gesù. Non è il momento di chiacchierare, prendere fotografie, commentare. “Ogni celebrazione dell’Eucaristia è un raggio di quel sole senza tramonto che è Gesù Cristo risorto. Partecipare alla Messa, in particolare alla domenica, significa entrare nella vittoria del Risorto, essere illuminati dalla sua luce, riscaldati dal suo calore”.



    26/03/2017 12:27:00 VATICANO
    Papa: abbandonare le luci false del pregiudizio contro gli altri e dell’interesse personale

    Il Battesimo ci spinge a seguire Gesù, quindi a giudicare uomini e cose secondo una nuova scala di valori che viene da Dio, a camminare nella luce, cioè ad “abbandonare le luci false”. Il grazie di Francesco a Milano e i milanesi per la calda accoglienza che gli hanno tributato ieri. E’ vero che “A Milan si riceve col core in man”.



    09/09/2016 12:32:00 VATICANO
    Papa: divisioni e soldi sono le armi che il diavolo ha per distruggere la Chiesa

    Ricevendo i vescovi partecipanti al seminario di aggiornamento promosso dalla Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli, Francesco raccomanda di vigilare perché tutto ciò che si mette in atto per l’evangelizzazione e le diverse attività pastorali “non venga danneggiato o vanificato da divisioni già presenti o che si possono creare”. “Il diavolo entra per le tasche e distrugge con la lingua, con le chiacchiere che dividono e l’abitudine a chiacchierare è un’abitudine di terrorismo”.

     



    12/05/2016 10:59:00 VATICANO
    Papa: Gesù ha pregato per l’unità dei cristiani, ma nella Chiesa c’è chi sparlando semina divisione

    In Argentina “queste persone si chiamano ‘zizzaniere’: seminano zizzania, dividono. E lì le divisioni incominciano con la lingua. Per invidia, gelosia e anche chiusura!”. “Preghiamo il Signore che ci dia la grazia, perché è tanta, tanta la forza del diavolo, del peccato che ci spinge a fare le disunità. Sempre! Che ci dia la grazia, che ci dia il dono: e qual è il dono che fa l’unità? Lo Spirito Santo!”.

     





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®