25 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/05/2015, 00.00

    VATICANO

    Papa: nuova evangelizzazione, affrontare le “grandi sfide” del nostro tempo con un linguaggio “rinnovato” e testimoniando la fede



    La sfida della nuova evangelizzazione e della catechesi si gioca su un punto fondamentale: “come incontrare Cristo, qual è il luogo più coerente per trovarlo e per seguirlo”. “La domanda su come stiamo educando alla fede, pertanto, non è retorica, ma essenziale. La risposta richiede coraggio, creatività e decisione di intraprendere strade a volte ancora inesplorate”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – La nuova evangelizzazione è “prendere coscienza dell’amore misericordioso del Padre per diventare noi pure strumenti di salvezza per i nostri fratelli”, affrontando quindi senza paura le “grandi sfide” del nostro tempo con un linguaggio “rinnovato” e offrendo la testimonianza della fede, che rende solidali con tutti, in particolare con i più soli ed emarginati. L’ha evidenziato oggi il Papa nell’incontro con i partecipanti alla Plenaria del Pontificio consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione, al quale, ha detto, è stato affidato il Giubileo della Misericordia, “perché appaia in maniera più evidente che il dono della misericordia è l’annuncio che la Chiesa è chiamata a trasmettere nella sua opera di evangelizzazione in questo tempo di grandi cambiamenti”.

    “Proprio questi cambiamenti – ha proseguito - sono una felice provocazione a cogliere i segni dei tempi che il Signore offre alla Chiesa perché sia capace – come ha saputo fare nel corso di duemila anni – di portare Gesù Cristo agli uomini del nostro tempo. La missione è sempre identica, ma il linguaggio con cui annunciare il Vangelo chiede di essere rinnovato, con saggezza pastorale. Questo è essenziale sia per essere compresi dai nostri contemporanei, sia perché la Tradizione cattolica possa parlare alle culture del mondo di oggi e aiutarle ad aprirsi alla perenne fecondità del messaggio di Cristo. I tempi sono di grandi sfide, che non dobbiamo aver paura di fare nostre. Infatti, solo nella misura in cui ce ne faremo carico saremo capaci di offrire risposte coerenti perché elaborate alla luce del Vangelo. È questo ciò che gli uomini attendono oggi dalla Chiesa: che sappia camminare con loro offrendo la compagnia della testimonianza della fede, che rende solidali con tutti, in particolare con i più soli ed emarginati. Quanti poveri attendono il Vangelo che libera! Quanti uomini e donne, nelle periferie esistenziali generate dalla società consumista, attendono la nostra vicinanza e la nostra solidarietà! Il Vangelo è l’annuncio dell’amore di Dio che, in Gesù Cristo, ci chiama a partecipare della sua vita. La nuova evangelizzazione dunque è questo: prendere coscienza dell’amore misericordioso del Padre per diventare noi pure strumenti di salvezza per i nostri fratelli”.

    “Questa consapevolezza, che è seminata nel cuore di ogni cristiano fin dal giorno del suo Battesimo – ha detto ancora Francesco - chiede di crescere, insieme alla vita di grazia, per portare molto frutto. È qui che si inserisce il grande tema della catechesi come lo spazio all’interno del quale la vita dei cristiani matura perché fa esperienza della misericordia di Dio. Non un’idea astratta di misericordia, ma un’esperienza concreta con la quale comprendiamo la nostra debolezza e la forza che viene dall’alto. «È bello che la preghiera quotidiana della Chiesa inizi con queste parole: ‘O Dio, vieni a salvarmi, Signore, vieni presto in mio aiuto’ (Sal 70,2). L’aiuto che invochiamo è già il primo passo della misericordia di Dio verso di noi. Egli viene a salvarci dalla condizione di debolezza in cui viviamo. E il suo aiuto consiste nel farci cogliere la sua presenza e la sua vicinanza. Giorno per giorno, toccati dalla sua compassione, possiamo anche noi diventare compassionevoli verso tutti» (Misericordiae Vultus, 14)”.

    “Lo Spirito Santo, che è il protagonista dell’evangelizzazione, è anche l’artefice della crescita della Chiesa nel comprendere la verità di Cristo. È Lui che apre il cuore dei credenti e lo trasforma perché il perdono ricevuto possa diventare esperienza di amore per i fratelli. È sempre lo Spirito che apre la mente dei discepoli di Cristo a comprendere più a fondo l’impegno richiesto e le forme con le quali dare spessore e credibilità alla testimonianza. La domanda su come stiamo educando alla fede, pertanto, non è retorica, ma essenziale. La risposta richiede coraggio, creatività e decisione di intraprendere strade a volte ancora inesplorate. La catechesi, come componente del processo di evangelizzazione, ha bisogno di andare oltre la semplice sfera scolastica, per educare i credenti, fin da bambini, ad incontrare Cristo, vivo e operante nella sua Chiesa. È l’incontro con Lui che suscita il desiderio di conoscerlo meglio e quindi di seguirlo per diventare suoi discepoli. La sfida della nuova evangelizzazione e della catechesi, pertanto – ha concluso - si gioca proprio su questo punto fondamentale: come incontrare Cristo, qual è il luogo più coerente per trovarlo e per seguirlo”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/05/2017 22:34:00 PORTOGALLO-VATICANO
    Papa a Fatima: Con Maria, diventare segno e sacramento della misericordia di Dio, che perdona tutto e sempre

    Papa Francesco benedice le candele sulla spianata riempita da centinaia di migliaia di pellegrini e sottolinea che “se vogliamo essere cristiani, dobbiamo essere mariani”. Non la “Signora irraggiungibile”, ma la “Maestra di vita spirituale, la prima che ha seguito Cristo lungo la ‘via stretta’ della croce”. La messa celebrata dal card. Pietro Parolin, Segretario di Stato vaticano.



    12/05/2017 19:31:00 PORTOGALLO- VATICANO
    Papa a Fatima: implora dalla Vergine concordia tra i popoli

    Francesco al santuario mariano, accolto da decine di migliaia di persone. Nella preghiera anche  l’annuncio del Vangelo, abbattendo tutti i muri e superando ogni frontiera, “uscendo verso tutte le periferie, manifestando la giustizia e la pace di Dio”.



    07/02/2015 VATICANO
    Papa: testimoniando il Vangelo, i laici cristiani debbono mostrare che "Dio non ha abbandonato le città"
    Nel contesto urbano, spesso luogo di disumanizzazione e di infelicità, "c'è spesso un terreno di apostolato molto più fertile di quello che tanti immaginano". Andare incontro agli altri, nelle attività quotidiane, nel lavoro, come singoli o come famiglie, per "infrangere il muro di anonimato e di indifferenza che spesso regna sovrano nelle città".

    29/01/2013 VATICANO
    La Giornata del malato, riscoprire e vivere lo spirito di "farsi prossimo"
    Illustrati in Vaticano contenuti e programma della prossima Giornata, che quest'anno sarà celebrata al santuario mariano di Altötting, in Germania. In questo Anno della fede, essa è "una occasione propizia perché riscopriamo e viviamo lo spirito e il farsi prossimo a imitazione del Buon Samaritano", nel suo saper "vedere con compassione" e amore chi ha bisogno di aiuto e di cura.

    09/09/2016 11:03:00 VATICANO
    Papa: evangelizzare è prima di tutto testimonianza, è vivere la fede

    Annunciare il Vangelo non è proselitismo, non va ridotto al “funzionalismo” né tanto meno ad una semplice “passeggiata”. E’ “farsi tutto a tutti, è “andare e condividere la vita degli altri, accompagnare; accompagnare nel cammino della fede, far crescere nel cammino della fede”.





    In evidenza

    ISRAELE-PALESTINA
    Nuovo vicario di Gerusalemme: giovani e scuola, futuro di pace e speranza



    Mons. Giacinto-Boulos Marcuzzo sottolinea l’importanza dell’istruzione per garantire l’avvenire delle nuove generazioni. La Chiesa segno di “unità” in un contesto “segnato dalle divisioni” e ponte nel dialogo fra le fedi. Dall’euforia per la pace alla rassegnazione per un conflitto permanente. Un appello ai cristiani d’Occidente: venite pellegrini in Terra Santa.


    NEPAL
    Al via la mattanza di animali per la festa di Dashain. Protestano buddisti e animalisti

    Christopher Sharma

    La festività dura 15 giorni ed è la più importante del Nepal. Gli amanti degli animali presidiano i templi e tentano di sensibilizzare gli indù. La puzza delle carcasse in decomposizione avvolge le case intorno ai luoghi di culto. La polizia schierata per evitare scontri.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®