26 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 17/06/2012, 00.00

    VATICANO

    Papa: rispetto per i diritti di chi è costretto ad abbandonare la propria patria



    All'Angelus Benedetto XVI ricorda la Giornata mondiale del rifugiato, promossa dalle Nazioni Unite. Le parabole del seme che cresce da solo e quella del granello di senape richiamano il mistero della creazione e della redenzione, dell'opera feconda di Dio nella storia. "Ogni cristiano, allora, sa bene di dover fare tutto quello che può, ma che il risultato finale dipende da Dio: questa consapevolezza lo sostiene nella fatica di ogni giorno, specialmente nelle situazioni difficili".

    Città del Vaticano (AsiaNews) -Il Papa è vicino a quanti sono costretti ad abbandonare la propria patria e auspica che "i loro diritti siano sempre rispettati e che possano presto ricongiungersi con i propri cari". La Giornata mondiale del rifugiato, promossa dalle Nazioni Unite e che sarà celebrata il prossimo 20 giugno, è stata ricordata così da Benedetto XVI alle 10mila persone presenti in piazza san Pietro per la recita dell'Angelus. La Giornata, ha sottolineato il Papa, "vuole attirare l'attenzione della comunità internazionale sulle condizioni di tante persone, specialmente famiglie, costrette a fuggire dalle proprie terre, perché minacciate dai conflitti armati e da gravi forme di violenza. Per questi fratelli e sorelle così provati - ha concluso - assicuro la preghiera e la costante sollecitudine della Santa Sede, mentre auspico che i loro diritti siano sempre rispettati e che possano presto ricongiungersi con i propri cari".

    Prima della recita della preghiera mariana, commentando come di consueto la liturgia di oggi, Benedetto XVI ha parlato di due parabole, quella del seme che cresce da solo e quella del granello di senape. "Attraverso immagini tratte dal mondo dell'agricoltura, il Signore presenta il mistero della Parola e del Regno di Dio, e indica le ragioni della nostra speranza e del nostro impegno".

    Nella prima parabola l'attenzione è posta sul dinamismo della semina: il seme che viene gettato nella terra, sia che il contadino dorma sia che vegli, germoglia e cresce da solo. L'uomo semina con la fiducia che il suo lavoro non sarà infecondo. Ciò che sostiene l'agricoltore nelle sue quotidiane fatiche è proprio la fiducia nella forza del seme e nella bontà del terreno. Questa parabola richiama il mistero della creazione e della redenzione, dell'opera feconda di Dio nella storia. E' Lui il Signore del Regno, l'uomo è suo umile collaboratore, che contempla e gioisce dell'azione creatrice divina e ne attende con pazienza i frutti. Il raccolto finale ci fa pensare all'intervento conclusivo di Dio alla fine dei tempi, quando Egli realizzerà pienamente il suo Regno. Il tempo presente è tempo di semina, e la crescita del seme è assicurata dal Signore. Ogni cristiano, allora, sa bene di dover fare tutto quello che può, ma che il risultato finale dipende da Dio: questa consapevolezza lo sostiene nella fatica di ogni giorno, specialmente nelle situazioni difficili. A tale proposito scrive Sant' Ignazio di Loyola: Agisci come se tutto dipendesse da te, sapendo poi che in realtà tutto dipende da Dio".

     "Anche la seconda parabola utilizza l'immagine della semina. Qui, però, si tratta di un seme specifico, il granello di senape, considerato il più piccolo di tutti i semi. Pur così minuto, però, esso è pieno di vita, dal suo spezzarsi nasce un germoglio capace di rompere il terreno, di uscire alla luce del sole e di crescere fino a diventare «più grande di tutte le piante dell'orto» (cfr Mc 4,32): la debolezza è la forza del seme, lo spezzarsi è la sua potenza. Così è il Regno di Dio: una realtà umanamente piccola, composta da chi è povero nel cuore, da chi non confida nella propria forza, ma in quella dell'amore di Dio, da chi non è importante agli occhi del mondo; eppure proprio attraverso di loro irrompe la forza di Cristo e trasforma ciò che è apparentemente insignificante".

    Il messaggio delle due parabole "è chiaro: il Regno di Dio, anche se esige la nostra collaborazione, è innanzitutto dono del Signore, grazia che precede l'uomo e le sue opere. La nostra piccola forza, apparentemente impotente dinanzi ai problemi del mondo, se immessa in quella di Dio non teme ostacoli, perché certa è la vittoria del Signore. È il miracolo dell'amore di Dio, che fa germogliare e fa crescere ogni seme di bene sparso sulla terra. E l'esperienza di questo miracolo d'amore ci fa essere ottimisti, nonostante le difficoltà, le sofferenze e il male che incontriamo. Il seme germoglia e cresce, perché lo fa crescere l'amore di Dio".

    Benedetto XVI ha infine ricordato che oggi si chiude in Irlanda il Congresso eucaristico internazionale. "Nel mistero dell'Eucaristia Gesù ha voluto restare con noi, per farci entrare in comunione con Lui e tra di noi. Affidiamo a Maria Santissima i frutti maturati in questi giorni di riflessione e di preghiera".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/07/2011 VATICANO
    Papa: Appello per la carestia in Somalia e Corno d’Africa
    Benedetto XVI chiede a tutta la comunità internazionale soccorsi tempestivi per le popolazioni che fuggono “in cerca di cibo e aiuti”. Il seme del Regno di Dio ha “un’insopprimibile forza vitale” e matura “malgrado tutti gli ostacoli”.

    23/10/2005 VATICANO
    I cinque nuovi santi (scheda)

    Il papa ha presieduto oggi alla prima cerimonia di canonizzazione del suo pontificato. I 5 nuovi santi si sono distinti per la loro opera caritativa e sociale, oltre ad una speciale devozione eucaristica.



    20/06/2007 VATICANO
    Papa: garantire ai rifugiati asilo e riconoscere i loro diritti
    All’udienza generale Benedetto XVI illustrando la figura di S. Atanasio di Alessandria, fiero oppositore dell’eresia ariana, ne evoca “l'intransigenza decisa e tenace, a volte anche dura” usata in difesa della fede.

    18/06/2006 vaticano
    Papa: Il mondo non dimentichi chi è costretto a rifugiarsi all'estero
    All'Angelus Benedetto XVI parla dell'Eucaristia, "tesoro" della Chiesa e dei fedeli, ma anche "principio di divinizzazione della stessa creazione

    26/10/2010 VATICANO
    Papa: l’unica famiglia umana comprende anche i fratelli che emigrano
    Nel messaggio per la prossima Giornata mondiale del rifugiato, Benedetto XVI evidenzia le migrazioni siano parte della società globalizzata, che evidenzia l’unità del genere umano. Il “doveroso gesto di umana solidarietà” dell’accoglienza. Chi emigra deve “assumere i diritti e doveri esistenti nel Paese che li accoglie, contribuendo al bene comune, senza dimenticare la dimensione religiosa della vita”.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®