03 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 07/06/2012, 00.00

    VATICANO

    Papa: se si elimina ogni ritualità religiosa, nella società dei consumi si lascia spazio ad altri riti, che possono diventare "idoli"



    Celebrando il Corpus Domini, Benedetto XVI pone l'accento su due aspetti, tra loro connessi, del Mistero eucaristico: il culto dell'Eucaristia e la sua sacralità. Una "interpretazione unilaterale" del Concilio Vaticano II ha "penalizzato" l'adorazione eucaristica, "restringendo in pratica l'Eucaristia al momento celebrativo". E' "sbagliato contrapporre la celebrazione e l'adorazione".

    Roma (AsiaNews) - Genitori che "in nome di una fede desacralizzata, privassero i loro figli di ogni ritualità religiosa: in realtà finirebbero per lasciare campo libero ai tanti surrogati presenti nella società dei consumi, ad altri riti e altri segni, che più facilmente potrebbero diventare idoli". E' il ruolo anche "educativo" della sacralità, del quale Benedetto XVI ha parlato oggi, celebrando, sul sagrato della basilica di san Giovanni in Laterano, cattedrale di Roma, il Corpus Domini. Al termine del rito il Papa ha guidato la solenne processione (nella foto) fino alla basilica di santa Maria Maggiore.

    Il tema della sacralità è stato affrontato dal Papa esaminando "due aspetti, tra loro connessi, del Mistero eucaristico: il culto dell'Eucaristia e la sua sacralità". Una "interpretazione unilaterale" del Concilio Vaticano II, ha rilevato Benedetto XVI ha "penalizzato" l'adorazione eucaristica, "restringendo in pratica l'Eucaristia al momento celebrativo. In effetti, è stato molto importante riconoscere la centralità della celebrazione, in cui il Signore convoca il suo popolo, lo raduna intorno alla duplice mensa della Parola e del Pane di vita, lo nutre e lo unisce a Sé nell'offerta del Sacrificio. Questa valorizzazione dell'assemblea liturgica, in cui il Signore opera e realizza il suo mistero di comunione, rimane naturalmente valida, ma essa va ricollocata nel giusto equilibrio. In effetti - come spesso avviene - per sottolineare un aspetto si finisce per sacrificarne un altro. In questo caso, l'accentuazione posta sulla celebrazione dell'Eucaristia è andata a scapito dell'adorazione, come atto di fede e di preghiera rivolto al Signore Gesù, realmente presente nel Sacramento dell'altare. Questo sbilanciamento ha avuto ripercussioni anche sulla vita spirituale dei fedeli. Infatti, concentrando tutto il rapporto con Gesù Eucaristia nel solo momento della Santa Messa, si rischia di svuotare della sua presenza il resto del tempo e dello spazio esistenziali. E così si percepisce meno il senso della presenza costante di Gesù in mezzo a noi e con noi, una presenza concreta, vicina, tra le nostre case, come «Cuore pulsante» della città, del paese, del territorio con le sue varie espressioni e attività. Il Sacramento della Carità di Cristo deve permeare tutta la vita quotidiana".

    "In realtà, è sbagliato contrapporre la celebrazione e l'adorazione, come se fossero in concorrenza l'una con l'altra. E' proprio il contrario: il culto del Santissimo Sacramento costituisce come l'«ambiente» spirituale entro il quale la comunità può celebrare bene e in verità l'Eucaristia. Solo se è preceduta, accompagnata e seguita da questo atteggiamento interiore di fede e di adorazione, l'azione liturgica può esprimere il suo pieno significato e valore. L'incontro con Gesù nella Santa Messa si attua veramente e pienamente quando la comunità è in grado di riconoscere che Egli, nel Sacramento, abita la sua casa, ci attende, ci invita alla sua mensa, e poi, dopo che l'assemblea si è sciolta, rimane con noi, con la sua presenza discreta e silenziosa, e ci accompagna con la sua intercessione, continuando a raccogliere i nostri sacrifici spirituali e ad offrirli al Padre".

    "Ora vorrei passare brevemente al secondo aspetto: la sacralità dell'Eucaristia. Anche qui abbiamo risentito nel passato recente di un certo fraintendimento del messaggio autentico della Sacra Scrittura. La novità cristiana riguardo al culto è stata influenzata da una certa mentalità secolaristica degli anni Sessanta e Settanta del secolo scorso. E' vero, e rimane sempre valido, che il centro del culto ormai non sta più nei riti e nei sacrifici antichi, ma in Cristo stesso, nella sua persona, nella sua vita, nel suo mistero pasquale. E tuttavia da questa novità fondamentale non si deve concludere che il sacro non esista più, ma che esso ha trovato il suo compimento in Gesù Cristo, Amore divino incarnato".

    Gesù, "sommo sacerdote dei beni futuri", "non ha abolito il sacro, ma lo ha portato a compimento, inaugurando un nuovo culto, che è sì pienamente spirituale, ma che tuttavia, finché siamo in cammino nel tempo, si serve ancora di segni e di riti, che verranno meno solo alla fine, nella Gerusalemme celeste, dove non ci sarà più alcun tempio. Grazie a Cristo, la sacralità è più vera, più intensa, e, come avviene per i comandamenti, anche più esigente! Non basta l'osservanza rituale, ma si richiede la purificazione del cuore e il coinvolgimento della vita".

    "Mi piace anche sottolineare che il sacro ha una funzione educativa, e la sua scomparsa inevitabilmente impoverisce la cultura, in particolare la formazione delle nuove generazioni. Se, per esempio, in nome di una fede secolarizzata e non più bisognosa di segni sacri, venisse abolita questa processione cittadina del Corpus Domini, il profilo spirituale di Roma risulterebbe «appiattito», e la nostra coscienza personale e comunitaria ne resterebbe indebolita. Oppure pensiamo a una mamma e a un papà che, in nome di una fede desacralizzata, privassero i loro figli di ogni ritualità religiosa: in realtà finirebbero per lasciare campo libero ai tanti surrogati presenti nella società dei consumi, ad altri riti e altri segni, che più facilmente potrebbero diventare idoli. Dio, nostro Padre, non ha fatto così con l'umanità: ha mandato il suo Figlio nel mondo non per abolire, ma per dare il compimento anche al sacro. Al culmine di questa missione, nell'Ultima Cena, Gesù istituì il Sacramento del suo Corpo e del suo Sangue, il Memoriale del suo Sacrificio pasquale. Così facendo Egli pose se stesso al posto dei sacrifici antichi, ma lo fece all'interno di un rito, che comandò agli Apostoli di perpetuare, quale segno supremo del vero Sacro, che è Lui stesso. Con questa fede, cari fratelli e sorelle, noi celebriamo oggi e ogni giorno il Mistero eucaristico e lo adoriamo quale centro della nostra vita e cuore del mondo".

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/06/2009 VATICANO
    Papa: anche nella Chiesa il rischio di una secolarizzazione strisciante
    Celebrando il Corpus Domini, Benedetto XVI alla vigilia dell’inizio dell’Anno ad essi dedicato esorta i sacerdoti a partecipare sempre “con il cuore” alla celebrazione dell’eucaristia, accompagnando il sacrificio di Gesù con quello della propria esistenza.

    07/06/2007 VATICANO
    Papa: il “pane della vita” sostiene i cristiani in questo mondo inaridito da ideologie di morte
    Benedetto XVI celebra il Corpus Domini guidando la processione nelle vie di Roma, perché tutti possano incontrare “Gesù che passa”. Perché l’Eucaristia “è per tutti, per l’intera umanità”.

    03/06/2010 VATICANO
    Papa: il sacerdote è “legato” all’Eucaristia
    Il Corpus Domini di Benedetto XVI funestato dal dolore per l’uccisione di mons. Padovese. Il maltempo impedisce la celebrazione in piazza san Giovanni e la processione verso santa Maria Maggiore. Gesù non si colloca nella scia dei sacerdoti antichi, ma piuttosto in quella dei profeti. Egli “prese le distanze da una concezione rituale della religione, criticando l’impostazione che dava valore ai precetti umani legati alla purità rituale piuttosto che all’osservanza dei comandamenti di Dio, cioè all’amore per Dio e per il prossimo”.

    22/05/2008 VATICANO
    Papa: L’Eucaristia celebra la rivoluzione più profonda della storia umana
    Benedetto XVI celebra il Corpus Domini con una messa a san Giovanni in Laterano, che si conclude con la processione e la benedizione eucaristica sul sagrato di Santa Maria Maggiore. L’Eucaristia celebra l’unità in Cristo di persone diverse per età, condizioni, opinioni. Cristo ci fa rialzare dalle nostre paralisi e dà una direzione al nostro “progresso”. L’adorazione ci libera dalle schiavitù dei poteri terreni, prostandoci davanti a Chi si è prostato per primo per amore verso di noi.

    14/06/2009 VATICANO
    Papa: Corpus Domini, “Pane della vita” e dell'amore; fame nel mondo realtà inaccettabile
    La festa del Corpus Domini afferma che in Gesù “l’amore esiste, e poiché esiste, le cose possono cambiare in meglio e noi possiamo sperare”. Essa ha anche dimensioni cosmiche, ricordando l’abbondanza dei frutti dell’estate. Auspici perché all’Onu si affronti la crisi economica in spirito di solidarietà coi Paesi più poveri e per debellare la fame nel mondo. Una preghiera per l’Anno sacerdotale che comincia venerdì 19 giugno, solennità del Sacratissimo Cuore di Gesù.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®