31 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 26/03/2008
VATICANO
Papa: senza la fede nella Resurrezione, tutto si sfalda
Il Papa mette in guardia i fedeli a non farsi colpire da chi, nonostante le prove storiche, mette in dubbio “o addirittura nega” la resurrezione di Cristo: senza questa consapevolezza, la testimonianza cristiana “diviene debole”. Subito dopo l’udienza generale, Benedetto XVI incontra alcuni bambini sopravvissuti alla strage di Beslan.

Città del Vaticano (AsiaNews) – Se nella Chiesa viene meno la fede nella risurrezione “tutto si ferma, tutto si sfalda. Al contrario, l’adesione del cuore e della mente a Cristo morto e risuscitato cambia la vita e illumina l’intera esistenza delle persone e dei popoli”. Lo ha detto oggi Benedetto XVI nel corso dell’udienza generale, che si è svolta nel sagrato della basilica di S. Pietro davanti a circa 50mila persone. Subito dopo l’udienza, il Papa si è trattenuto con alcuni bambini sopravvissuti alla strage di Beslan, ospiti in Italia dell'associazione “Reset”.
 
Il Pontefice, che ha dedicato la sua catechesi alla risurrezione di Cristo, sottolinea come “proprio la certezza che Cristo è risorto imprima coraggio, audacia profetica e perseveranza ai martiri di ogni epoca. Non è l’incontro con Gesù vivo a convertire e ad affascinare tanti uomini e donne, che fin dagli inizi del cristianesimo continuano a lasciare tutto per seguirlo e mettere la propria vita a servizio del Vangelo?”.
 
D’altra parte, continua, la “verità storica della risurrezione di Cristo, verità fondamentale della fede cristiana, è ampiamente documentata, anche se oggi, come in passato, non manca chi in modi diversi la pone in dubbio o addirittura la nega”. Questo fenomeno non deve intaccare la fede cristiana, perché “l’affievolirsi della fede nella risurrezione di Gesù rende debole la testimonianza dei credenti”.
 
L’annuncio pasquale, sottolinea Benedetto XVI, “che in questi giorni riascoltiamo costantemente è proprio questo: Gesù è risorto, è il Vivente e noi lo possiamo incontrare....E, anche dopo la sua Ascensione, Gesù ha continuato a restare presente tra i suoi amici come del resto aveva promesso: "Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo" (Mt 28,20)”.
 
Il Signore è con noi, aggiunge il Papa, “con la sua Chiesa, fino alla fine dei tempi. Illuminati dallo Spirito Santo, i membri della Chiesa primitiva hanno incominciato a proclamare l’annuncio pasquale apertamente e senza paura. E quest’annuncio, tramandatosi di generazione in generazione, è giunto sino a noi e risuona ogni anno a Pasqua con potenza sempre nuova”.
 
Con questo annuncio nei cuori, conclude Benedetto XVI, “la gioia di questi giorni renda ancor più salda la nostra fedele adesione a Cristo crocifisso e risorto. Soprattutto, lasciamoci conquistare dal fascino della sua risurrezione. Ci aiuti Maria ad essere messaggeri della luce e della gioia della Pasqua per tanti nostri fratelli”.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
11/04/2007 VATICANO
Papa: Portando Gesù nel cuore, diffondere la grande notizia della Sua risurrezione
27/12/2006 VATICANO
Papa: Natale, la gloria di Dio e la pace e la salvezza dell’uomo
04/01/2006 VATICANO
Il Papa: è Cristo la meta del "progresso" dell'umanità
08/08/2007 VATICANO
Papa: “Senza Dio l’uomo perde la sua grandezza”
27/04/2005 VATICANO
Prima udienza del papa: Benedetto, un programma per la riconciliazione e la rinascita dell'Europa

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate