23/03/2020, 11.08
ISRAELE - PALESTINA
Invia ad un amico

Parroco di Gaza: dall’epidemia conseguenze terribili. Preghiera per l’Italia (video)

P. Romanelli non nasconde i timori per i primi due casi di nuovo coronavirus nella Striscia. Essi si trovano in isolamento in una località nei pressi della frontiera con l’Egitto. B’Tselem: un decennio di blocco ha determinato una situazione sanitaria fallimentare. Dai leader cristiani di Gerusalemme nuove disposizioni per l’accesso ai luoghi di culto. 

Gaza (AsiaNews) - “Questa mattina [ieri per chi legge, ndr] le autorità hanno avvisato che due persone sono state trovate positive al nuovo coronavirus. Si tratta di due concittadini di ritorno dal Pakistan e che erano già in quarantena”. È quanto afferma ad AsiaNews il parroco di Gaza p. Gabriel Romanelli, sacerdote argentino del Verbo incarnato, confermando l’ingresso nella Striscia della pandemia di Covid-19 che, partita dalla Cina, si è ormai diffusa in tutto il mondo. “A quanto ne sappiamo - aggiunge - i due erano già in regime di isolamento. Entrambi si troverebbero in un luogo dedicato nei pressi di Rafah, al confine con l’Egitto”. 

Il pericolo di una espansione nei contagi nella Striscia preoccupa attivisti e organizzazioni non governative. “La diffusione di Covid-19 - sottolinea in una nota Amit Gilutz, portavoce di B’Tselem - sarebbe un enorme disastro, per le condizioni uniche determinate da oltre un decennio di blocco”. Esso ha determinato “un sistema sanitario fallimentare, estrema povertà e dipendenza negli aiuti umanitari” provenienti dall’esterno. 

I due contagiati, racconta p. Romanelli, “si trovano in una località lungo la frontiera. Secondo quanto spiegano le autorità, sono i primi casi accertati di cittadini della Striscia ma non sarebbero entrati nel territorio”. La speranza, prosegue., “è che il virus non si diffonda a Gaza, perché vista la situazione umanitaria [al collasso] le conseguenze sarebbero terribili”. 

I due casi riguardano cittadini della Striscia di rientro dal Pakistan, via Egitto e sui trent’anni. Fonti ufficiali riferiscono che sono state sottoposte a quarantena le persone entrate in contatto con loro, mentre è confermata la chiusura di scuole, mercati ed eventi pubblici. Finora, racconta il sacerdote argentino, “il Signore ha risparmiato questa ulteriore sofferenza. Sarebbe un miracolo se non entrasse il nuovo coronavirus. Per questo la situazione resta di massima allerta e l’attenzione di tutti è concentrata sul controllo” agli ingressi. 

Nel fine settimana i cristiani di Gaza hanno inoltre voluto manifestare sostegno e solidarietà all’Italia (vedi filmato), nazione oggi più colpita al mondo dal Covid-19. “La parrocchia della Sacra Famiglia - conclude p. Romanelli - ha voluto dedicare una preghiera a tutti gli amici e a tutta la popolazione italiana, in questo momento di prova e di sofferenza”. 

Sulla crisi coronavirus sono intervenute nel fine settimana anche le Chiese del Santo Sepolcro, con un documento congiunto a firma del custode di Terra Santa Francesco Patton, del patriarca greco-ortodosso di Gerusalemme Teofilo II e del patriarca armeno Nourahan Manougian. “Pur mantenendo aperti i luoghi di culto - affermano i leader cristiani - invitiamo i fedeli a: astenersi dal formare gruppi di oltre 10 persone nello stesso luogo e nello stesso momento all’interno della Basilica [del Santo Sepolcro]; mantenere una distanza minima di due metri fra persone; evitare qualsiasi atto devozionale che preveda il contatto fisico fra persone, così come il toccare o baciare pietre, icone, vestiti e il personale; attenersi sempre alle disposizioni delle autorità”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Gerusalemme: riapre il Santo Sepolcro. Allo studio linee guida per accogliere i fedeli
25/05/2020 12:03
Mons. Pizzaballa: il coronavirus segna il limite umano, risveglia la ricerca di Dio
27/03/2020 11:28
Coronavirus, Gerusalemme: il Santo Sepolcro aperto solo per i riti senza pellegrini
26/03/2020 12:24
Coronavirus, leader cristiano: Gerusalemme blindata, più paura dell’Intifada (Video)
20/03/2020 08:43
Parroco di Gaza: il blocco israeliano frena il Covid-19 nella Striscia, ma resta l’allerta
01/04/2020 12:14