28/09/2013, 00.00
SIRIA-ONU
Invia ad un amico

Passa all'unanimità la risoluzione Onu sulle armi chimiche in Siria. A metà novembre una conferenza per la pace

Assad deve consegnare tutti le armi e dare totale via libera agli esperti per la verifica. Nessuna minaccia automatica di azioni militari. Ban Ki-moon: Risoluzione storica. Le richieste della Santa Sede per la conferenza di pace.

New York (AsiaNews) - Il Consiglio di sicurezza dell'Onu ha adottato all'unanimità una risoluzione sulla consegna ed eliminazione dell'arsenale militare chimico della Siria. Il documento, su cui vi era un accordo previo fra Russia e Usa, è stato votato da tutti i 15 membri. È la prima volta dopo due anni e mezzo che il Consiglio di sicurezza si trova unito in una decisione riguardo alla Siria. Per molto tempo Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia da una parte, Russia e Cina dall'altra hanno usato i loro veti incrociati per bloccare ogni risoluzione che condannava o il presidente sirano Assad o l'opposizione armata.

La risoluzione chiede che la Siria consegni il suo arsenale chimico e lasci libero accesso agli esperti per la verifica, ma non contiene - come richiesto dalla Russia - alcuna automatica minaccia all'uso della forza in caso di violazioni.

Il testo non accusa né la Siria, né i ribelli di aver fatto uso di armi chimiche nell'attacco a Ghouta del 21 agosto, che aveva fatto precipitare gli eventi fino alla minaccia di un attacco militare Usa, che avrebbe provocato un'escalation della guerra a livello regionale.

In molti - fra cui lo stesso segretario di Stato Usa John Kerry -  applaudono a quella che sembra una vittoria della diplomazia sulla guerra e sulle armi.

Il Consiglio di sicurezza ha anche approvato una roadmap per una transizione politica della situazione siriana, fissando un incontro a metà novembre per una conferenza di pace.

Il segretario Onu Ban Ko-moon, ha salutato la risoluzione come un fatto "storico" e dando l'annuncio della conferenza di pace ha detto che "ogni violenza deve finire. Tutte le armi devono tacere".

Fra i sostenitori di una conferenza di pace, che raduni tutti gli interlocutori  locali, regionali e internazionali implicati nel conflitto siriano, vi è la Santa Sede. Lo scorso 6 settembre, mons. Dominique Mamberti, segretario per i rapporti con gli Stati, incontrando il corpo diplomatico presso la Santa Sede ha precisato alcune condizioni previe: garantire l'unità del Paese; il rispetto delle minoranze (anche cristiane); piena cittadinanza a tutti i siriani, di qualunque religione; libertà di religione garantita; separazione dell'opposizione dall'estremismo islamico.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Nunzio a Damasco: I morti delle armi chimiche e la preghiera del Papa spingono a un radicale cambiamento in Siria
17/09/2013
Obama si prepara a colpire la Siria. L'Onu frena
04/09/2013
Dal 14 al 24 marzo nuova serie di dialoghi di pace sulla Siria
10/03/2016 08:35
A Gaza si combatte ancora; arriva Ban Ki-moon
14/01/2009
Damasco nega l’ingresso alla commissione d’inchiesta delle Nazioni Unite
09/04/2013