25 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 21/07/2014, 00.00

    LIBANO - IRAQ

    Patriarca Rai, "che dicono i musulmani moderati" di ciò che accade ai cristiani di Mosul?

    Fady Noun

    "Non si sentono voci di denuncia" a un comportamento brutale che contraddice 1.400 anni di storia del mondo islamico. Il patriarca siro-cattolico ha proposto al Vaticano di dedicare alla situazione una riunione dei nunzi apostolici dei Paesi coinvolti e ha proposto anche di unire agli sforzi diplomatici il patriarca di Mosca.

    Beirut (AsiaNews) - "Che ne dicono i musulmani moderati?". Lo ha chiesto ieri il patriarca maronita Bechara Rai a proposito dell'ultimatum lanciato la settimana scorsa dallo Stato islamico dell'Iraq e del Levante (Isil) ai cristiani di Mosul, ricordato ieri anche da papa Francesco.

    L'ultimatum ha traumatizzato il mondo arabo, in particolare i cattolici e gli ortodossi orientali, ma, ha osservato ancora il patriarca nella sua omelia, "non si sentono voci di denuncia" a questo comportamento brutale. Ai cristiani che erano rimasti a Mosul dopo la conquista della città da parte dei combattenti dell'Isil, un centinaio di famiglie, è stata data la scelta tra tre opzioni: la prima, convertirsi all'islam e divenire sudditi del Califfato; la seconda, pagare la tassa degli infedeli, la jizya; o, infine, andarsene, senza portare con sé altro che gli abiti che indossavano o subire "la spada", I musulmani sciiti e le altre minoranze hanno subito lo stesso ultimatum.

    Le misure prese a Mosul "contraddicono 1.400 anni della storia e della vita del mondo musulmano "ha affermato il patriarca dei caldei Louis Sako in un messaggio del 17 luglio "indirizzato ai musulmani dell'Iraq e del mondo" e a tutti gli uomini di buona volontà e ai responsabili che hanno influenza sugli avvenimenti.

    Nessuna costrizione nella religione

    "Le condizioni imposte fanno torto ai musulmani e alla reputazione della religione musulmana", precisa nel suo messaggio il patriarca dei caldei In effetti l'islam afferma che "non c'è costrizione in materia di religione" e accetta le differenze tra i credenti, secondo l'hadith  "voi avete la vostra fede, io ho la mia". Le condizioni imposte contraddicono 1.400 anni di storia della vita del mondo musulmano e di coesistenza fra popoli diversi e religioni differenti, siano di Oriente o d'Occidente, di rispetto reciproco tra le fedi e di fraternizzazione tra musulmani e cristiani. Per non parlare anche dei giorni fortunati e sfortunati condivisi dai cristiani d'Oriente dopo la comparsa dell'islam e del sangue versato insieme dagli uni e dagli altri per difendere i loro diritti e le loro terre. Hanno costruito insieme delle città e un patrimonio. E' un peccato (haram) che i cristiani siano così respinti, espulsi e trattati con durezza. Si pensi alle gravi conseguenza di tale fatto sulla coesistenza tra maggioranza e minoranza. E anche tra musulmani, sia nel futuro prossimo che in quello più lontano. In caso contrario, l'Iraq va verso una catastrofe umanitaria, culturale e storica.

    "Per questo noi lanciamo questo appello pressante, fraterno e improntato di gravità , e scongiuriamo i nostri fratelli iracheni che li appoggiano di rivedere la loro strategia, di rispettare gli innocenti e i civili isolati, quali che siano la loro nazionalità, la loro religione e le loro caratteristiche comunitarie. Il Corano raccomanda il rispetto per gli innocenti e non dice di appropriarsi della proprietà altrui, di avere riguardo per le vedove, gli orfani e coloro che hanno bisogno e anche di essere amichevoli con i vicini. Contemporaneamente noi esortiamo i cristiani della regione a dare prova di discernimento, di misurare bene le loro azioni e di capire qual è il futuro della regione, di mostrarsi solidali nell'amore gli uni con gli altri, di esaminare e di conservare ciò che ha la capacità di istaurare fiducia tra loro e con i loro vicini, di essere uniti alla loro Chiesa, di dar prova di pazienza e di resistenza e di pregae perché la prova non si prolunghi".

    Ignazio Youssef III in Vaticano

    Reazioni indignate sono venute anche dal patriarca siriaco-ortodosso Ignazio Ephrem II, che ha denunciato anche l'incendio delle chiese e la loro completa distruzione e ha invitato "a interrompere il finanziamento di questi gruppuscoli estremisti che seminano il terrore e cercano di dividere il popolo iracheno, peraltro ricco di una lunga storia di coesistenza e di lavoro comune".

    Da parte sua, il patriarca dei siriaco-cattolici, Ignazio III Younan ha incontrato in Vaticano mons. Dominique Mamberti, segretario per i Rapporti con gli Stati, al quale ha riferito delle disgrazie che si stanno abbattendo ssui cristiani dell'Iraq ed anche della distruzione parziale della chiesa dei siriaco-cattolici di Aleppo, colpita da una enorme bomba sganciata da un aereo militare siriano.

    Egli ha proposto a mons. Mamberti di dedicare alla situazione una riunione dei nunzi apostolici dei Paesi coinvolti e ha proposto anche di unire agli sforzi diplomatici il patriarca di Mosca. E anche di pensare a mobilitare i regimi e le istanze islamiche moderati.

    Segno dei tempi, il patriarca ha fatto scalo a Roma prima di volae verso gli Stati Uniti, dove visiterà la diocesi siro-cattolica di Nostra Signora del Soccorso, che comprende Stati Uniti e Canada.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/08/2015 VATICANO-IRAQ
    P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
    Il sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.

    21/08/2014 LIBANO - IRAQ
    Chiese orientali: uso legittimo della forza, per difendere i cristiani d’Iraq
    Per i capi delle Chiese orientali occorre cacciare lo Stato islamico da Mosul e dalla piana di Ninive. Per il Patriarca siro-cattolico Youssef III Younane la comunità internazionale deve avere il “coraggio” di essere “fedele ai propri principi”. Mar Sako: le Chiese d’oriente, se unite, formano una realtà “grande e forte”.

    20/08/2014 LIBANO - IRAQ
    Il patriarca Raï nel Kurdistan, per il futuro dei cristiani e la lotta agli islamisti
    Visita lampo di un giorno del cardinale a Erbil, accompagnato da personalità civili e religiose. Egli incontrerà il presidente curdo Barzani e visiterà l’arcivescovado. Al centro del viaggio la sorte dei cristiani in fuga dai jihadisti e l’eventuale uso della forza per respingere la minaccia islamista. Il tema dei rapporti con l’islam e il dialogo interreligioso.

    24/07/2014 LIBANO - IRAQ
    Patriarca siro-ortodosso, "Mosul deve essere ripresa"
    Ignazio Ephrem II: "L'espulsione programmata dei cristiani è un atto barbarico, senza precedenti nella storia dei rapporti tra cristiani e musulmani". Ci sono Stati che sostengono quei gruppi, ma "questi atti ricadono inevitabilmente, a breve o a lungo termine, su coloro che li appoggiano".

    11/08/2014 IRAQ - MEDIO ORIENTE
    Non bastano gli interventi aerei Usa. Occorre salvare la convivenza islamo-cristiana e l'Iraq
    I raid vicino ad Erbil rischiano di essere operazioni chirurgiche che avallano la divisione del Paese. L'interesse per il Kurdistan, ricco di petrolio. Il sogno di uno sbriciolamento del Medio oriente secondo confini etnico-religiosi lascia intatto il pericolo fondamentalista. Il patriarca caldeo e il grande ayatollah al Sistani per la convivenza islamo-cristiana e l'unità dell'Iraq.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®