23 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 28/05/2015, 00.00

    IRAQ - IRAN

    Patriarca di Baghdad: caldei dell’Iran, “luce, sale e lievito” nella Chiesa di Persia

    Louis Raphael I Sako*

    Dal 12 al 24 maggio scorso Mar Sako ha compiuto una visita pastorale a Teheran e Urmia, in Iran, incontrando personalità politiche e religiose, cristiane e musulmane. Sua Beatitudine sottolinea la presenza storica dei cristiani in Iran, una presenza che precede l’islam. Egli invita i fedeli a “stare vicini al vostro Paese” e “rafforzarvi per qualità e non per numero”.

    Baghdad (AsiaNews) - “Voi siete iraniani e non i discendenti di una comunità straniera”; per questo “vi invitiamo a stare vicini al vostro Paese”, a quelle terre abitate dai cristiani “ancor prima dell’arrivo dell’islam”. È questo uno dei passaggi della lettera inviata da sua Beatitudine Mar Louis Raphael I Sako alle comunità caldee in Iran, a conclusione della recente viaggio pastorale (nella foto tratta dal sito del Patriarcato caldeo un momento della visita). Nelle due settimane di visita il patriarca caldeo ha incontrato i fedeli delle diocesi di Teheran e Urmia, incontrando fedeli, sacerdoti e suore locali, i vescovi ma anche autorità politiche e personalità religiose musulmane. 

    Nella lettera pastorale, inviata ad AsiaNews, egli parla di una visita fonte di “estrema soddisfazione”, perché “da questo viaggio abbiamo imparato moltissimo”. Il patriarca sottolinea la fede, la fermezza e la speranza delle comunità caldee in Iran, capaci anche di salvaguardare valori e tradizioni, fra cui la lingua stessa. Mar Sako non manca inoltre di notare “la pace e la stabilità” di cui i cristiani iraniani possono godere “nel vostro amato Paese” e il “dialogo positivo” con “il governo e le autorità religiose”. 
    Ecco, di seguito, la lettera indirizzata da Sua Beatitudine ai cristiani caldei in Iran dopo la visita pastorale dal 12 al 24 maggio 2015. 

    Cari vescovi, sacerdoti, religiosi, suore e fratelli tutti,

    (Grazia a voi e pace da Dio nostro Padre e dal Signore Gesù Cristo, Romani 1,7)

    La nostra visita presso le vostre comunità, dal 12 al 24 maggio scorso, è stata per noi fonte di estrema soddisfazione. Da questo viaggio abbiamo imparato moltissimo. Voi siete sempre nelle nostre preghiere. E ringraziamo Iddio. Gli incontri a Teheran e Umria hanno colmato i nostri cuori di profonda gioia e gratitudine per la vostra fede, la vostra fermezza, la speranza, per l’amore e per aver saputo mantenere i vostri valori cristiani e le vostre tradizioni, fra cui anche la lingua caldea. Grazie. 

    Ringraziamo Dio per la pace e la stabilità di cui voi state godendo nel vostro amato Paese, l’Iran, e ringraziamo anche il governo e le autorità religiose che abbiamo incontrato. Vogliamo ringraziarle in particolare per la loro calda accoglienza e il dialogo positivo che è stato instaurato. 

    Fratelli e sorelle carissimi, 

    vi ricordo che voi siete i discendenti di martiri e santi. Nella cattedrale di Umria vi sono i resti di almeno 4mila martiri, massacrati nel 1918. Essi sono per voi fonte di forza e di benedizione. Quello che scrive san Paolo Apostolo nella sua lettera ai Romani, oggi io lo rivolgo a voi: “E se la primizia è santa, anche la messe è santa! E se la radice è santa, anche i rami sono santi”. Voi siate beati. 

    Vi invitiamo anche a stare vicini al vostro Paese; voi siete iraniani e non i discendenti di una comunità straniera proveniente da un altro pianeta. Voi eravate in quelle terre ancor prima dell’arrivo dell’islam, i cristiani erano la maggioranza e la vostra Chiesa era chiamata la Chiesa di Persia. Oggi voi siete una minoranza, ma possiamo ben vedere come tutti vi rispettino. Sebbene voi siate una piccola comunità per numero, voi siete forti come forti erano i fedeli della Chiesa primordiale. Siamo fiduciosi del fatto che voi possiate crescere. Rafforzarvi prima di tutto per qualità e non per numero. Voi siete la luce, il sale e il lievito. Il vostro futuro è un atto di fede quotidiano. Come suole ripetere Gesù nel Vangelo, non abbiate paura!

    Carissimi, lasciate che la grazia e la pace colmino i vostri cuori, unitamente alle benedizioni del Signore. 

    * Patriarca di Babilonia dei Caldei e presidente della Conferenza episcopale irakena

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/05/2015 IRAQ - IRAN
    Mar Sako: Oltre la guerra, per un futuro di dialogo e riconciliazione fra cristiani e musulmani
    Il patriarca di Baghdad guarda al futuro dei cristiani in Medio oriente, che sarà “ancora migliore” quando finiranno i conflitti. Attraverso AsiaNews esorta a lavorare “con la pazienza e la preghiera” e ricorda il ruolo di “ponte” dei cristiani fra fedi e culture. Dal viaggio pastorale in Iran il conforto di una comunità viva “che può crescere” e la proposta di un “comitato misto” islamo-cristiano.

    14/06/2017 14:18:00 IRAQ
    Sacerdote irakeno: entro fine mese il rientro dei primi profughi cristiani a Karamles, nella Piana di Ninive

    Don Paolo racconta i lavori di ricostruzione della cittadina della piana di Ninive, affidati a operai locali. I progetti riguardano un primo settore di case con danni solo parziali. Se continueranno gli aiuti l’opera dovrebbe proseguire “senza intoppi”. Ma servono altri fondi per la sistemazione delle abitazioni con i danni maggiori. Le famiglie: “Risorgeremo quando torneremo”. 

     



    11/04/2016 10:33:00 IRAQ
    Patriarca Sako: La Chiesa irakena ha bisogno dei giovani, coraggiosi testimoni di fede

    Almeno 350 fra ragazzi e ragazze hanno partecipato all’incontro con il leader della Chiesa caldea. Sua beatitudine ha ricordato la scelta della vita consacrata e invitato le nuove generazioni a rispondere ai bisogni di una realtà sofferente. Vertici del patriarcato contro la tratta dei profughi cristiani. Liberare i territori per permettere il rientro degli sfollati.



    02/05/2016 11:32:00 IRAQ
    Mar Sako ai politici: basta divisioni, serve progetto condiviso per la rinascita dell’Iraq

    Duro monito del patriarca caldeo contro una classe dirigente fallimentare, che non ha saputo promuovere riforme e riconciliazione. Egli auspica uno sforzo comune “per mettere fine a questo degrado economico, istituzionale e della sicurezza”. Conclusa la protesta nella Zona Verde a Baghdad, ira del governo contro i manifestanti. 



    08/07/2016 12:22:00 IRAQ
    Ancora morti in Iraq, patriarca Sako: cristiani e musulmani uniti contro il terrorismo

    La Chiesa caldea ha organizzato una veglia di preghiera per le vittime della strage di Baghdad. Il numero dei morti è salito a 292. E non si fermano le violenze: 30 morti e 50 feriti in un attentato al santuario sciita di Balad. Mar Sako: Crimini che rinnegano i valori delle religioni e conducono i loro autori “all’inferno, non in paradiso”. 





    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®