26 Agosto 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 14/04/2009, 00.00

    CINA

    Pechino bandirà entro due anni la tortura e gli abusi contro i detenuti



    Pubblicato il primo Piano per realizzare i diritti umani in Cina. Obiettivo primario la tutela dei detenuti, ma anche la lotta alla disoccupazione. Favorevoli molti esperti, ma scettici sull’ effettiva attuazione. Ma altri osservano che è importante la sola ammissione che ci sono diritti umani fondamentali diversi dalla sussistenza.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Il Consiglio di Stato ha pubblicato ieri il primo “Piano di azione nazionale per i diritti umani della Cina” che indica gli obiettivi del prossimo biennio. Al primo posto una maggior tutela fisica e morale per arrestati e detenuti. Al di là delle critiche per le molte “omissioni”, il Piano può costituire un mutamento epocale della politica cinese.

    Il Piano promette di proibire le confessioni estorte con la tortura prevedendo un “esame fisico” prima e dopo l’interrogatorio, nonché di vietare punizioni corporali, insulti e altri abusi contro i detenuti. Inoltre afferma il diritto dei detenuti di presentare proteste scritte o di parlare con il pubblico ministero per denunciare abusi. Viene pure ribadito il diritto a incontrarsi e comunicare con l’avvocato e il diritto del legale a poter svolgere nel miglior modo la difesa.

    Il programma vuole rassicurare l’opinione pubblica del Paese, allarmata perché dall’8 febbraio ci sono state almeno 6 morti “sospette” di detenuti. In un caso le autorità carcerarie hanno cercato di coprire un omicidio compiuto da un altro detenuto. L’ultimo episodio è la morte di Chen Hongqiang, l’11 aprile nel carcere di Fuzhou (Fujian), che scontava 10 giorni di detenzione per uso di stupefacenti.

    Il Piano vuole anche aumentare i redditi, creare 180 milioni di nuovi posti di lavoro, costruire case da vendere a prezzi popolari e proteggere meglio i diritti economici della popolazione.

    Gruppi per la tutela dei diritti umani criticano il documento per le molte omissioni, anche con riguardo al diffuso uso della “detenzione amministrativa” e dei campi di rieducazione-tramite-lavoro e delle prigioni “fantasma” dove è detenuto senza accuse chi presenta petizioni o minaccia gli interessi delle autorità. Alcuni esperti dicono che si tratta di un’operazione che vuole mitigare le contestazioni interne e internazionali per gli abusi contro i diritti, anche per l’approssimarsi del 20° anniversario del massacro dei dimostranti pro-democrazia il 4 giugno 1989 a piazza Tiananmen.

    Joshua Rosenzweig, dirigente a Hong Kong della Fondazione Dui Hua che difende i diritti umani, lo definisce “un passo importante” verso una migliore tutela dei diritti, anche se avverte che senza cambiamenti concreti per il rispetto dei diritti si resta al livello delle buone intenzioni.

    Ma molti osservano che da sempre Pechino afferma che i diritti umani come concepiti in Occidente non sono applicabili alla diversa realtà cinese e ancora nelle premesse il Piano indica come prioritaria “la protezione dei diritti del popolo alla sussistenza” (mangiare, abitare, vestirsi): per cui affermare come necessaria la tutela dei diritti dei detenuti indica un significativo cambiamento di visuale. L’agenzia Xinhua osserva che “il governo ha ammesso che ‘la Cina ha davanti una lunga strada nel tentativo di migliorare la situazione dei diritti umani’”.

    Il Piano promette anche di consentire ai giornalisti e ai siti internet una maggiore libertà nella raccolta delle notizie “nel rispetto della legge”. Come pure di “accrescere il livello di garanzia dei diritti civili e politici della popolazione” attraverso una maggior democrazia e rispetto delle leggi, ma non specifica come.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/01/2011 CINA
    Minacciati e imprigionati gli avvocati cinesi che difendono i diritti umani
    Gli avvocati che difendono casi “sensibili” per il governo incontrano continui ostacoli e spesso sono colpiti di persona. La testimonianza di Zhang, che difese l’ex segretario Bao Tong ed è stato 15 anni ai lavori forzati. Un lungo elenco di abusi.

    12/05/2011 CINA
    In Cina il 95% dei colpevoli “confessa” i propri crimini
    Un professore di diritto ha esaminato migliaia di processi penali, parlato con centinaia di magistrati e avvocati. Ha concluso che la condanna quasi sempre è fondata solo sulla confessione dell’imputato, anche quando questi denuncia torture della polizia. Frequenti le “ingerenze” delle autorità sui magistrati.

    04/11/2008 CINA
    “Giro di vite” contro gli avvocati cinesi che lottano per i diritti umani
    Guo Feixiong ha difeso i residenti contro gli abusi del capovillaggio. Ora è in carcere da 2 anni, sottoposto a torture, non può nemmeno vedere il suo avvocato. Cheng Hai e Li Subin hanno chiesto elezioni democratiche nell’Associazione degli avvocati e rischiano di perdere il lavoro.

    10/12/2015 ONU – CINA
    L’Onu contro Pechino: Basta torture e prigioni segrete. Un appello per Liu Xiaobo
    La Commissione contro la tortura delle Nazioni Unite chiede la fine della campagna contro attivisti e avvocati, la chiusura delle “prigioni nere” illegali e dà alla Cina un anno per “fare progressi seri” nell’applicazione della Convenzione contro la violenza in prigione. Dei 200 legali arrestati dal luglio 2015, almeno 25 sono ancora nelle mani del governo. Scrittori di fama internazionale per la liberazione del Nobel Liu Xiaobo.

    03/06/2010 CINA
    Cina, lo scontro sociale si sposta contro i giudici
    La corruzione del sistema giudiziario e l’impossibilità di ottenere sentenze giuste hanno aperto un nuovo fronte di scontro sociale in Cina. La popolazione acclama come “un eroe” la guardia giurata che ha sparato in un tribunale contro tre giudici. Pechino risponde condannando all’ergastolo un magistrato corrotto.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Nei dialoghi Cina-Santa Sede c’è silenzio sul destino dei preti sotterranei

    Zhao Nanxiong

    Entro la fine dell’anno, tutti i sacerdoti devono registrarsi per ricevere un certificato che permetta loro di esercitare il ministero. Ma la richiesta deve passare attraverso l’Associazione patriottica, i cui statuti sono “incompatibili” con la dottrina cattolica. Molti sacerdoti, ufficiali e non ufficiali, sono in un grande dilemma.


    IRAQ
    Alqosh, nonostante l'Isis la Chiesa festeggia la prima comunione di cento bambini



    Nella festa dell’Assunta l’intera comunità ha partecipato alla funzione, celebrata da Mar Sako. Vicario patriarcale: momento storico per una cittadina di frontiera a lungo minacciata dai jihadisti. Il primate caldeo invita i bambini a “contribuire alla vita della comunità”. A Kirkuk sua beatitudine ha inaugurato una grotta dedicata alla Madonna. 


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®