29 Agosto 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 14/04/2009
CINA
Pechino bandirà entro due anni la tortura e gli abusi contro i detenuti
Pubblicato il primo Piano per realizzare i diritti umani in Cina. Obiettivo primario la tutela dei detenuti, ma anche la lotta alla disoccupazione. Favorevoli molti esperti, ma scettici sull’ effettiva attuazione. Ma altri osservano che è importante la sola ammissione che ci sono diritti umani fondamentali diversi dalla sussistenza.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Il Consiglio di Stato ha pubblicato ieri il primo “Piano di azione nazionale per i diritti umani della Cina” che indica gli obiettivi del prossimo biennio. Al primo posto una maggior tutela fisica e morale per arrestati e detenuti. Al di là delle critiche per le molte “omissioni”, il Piano può costituire un mutamento epocale della politica cinese.

Il Piano promette di proibire le confessioni estorte con la tortura prevedendo un “esame fisico” prima e dopo l’interrogatorio, nonché di vietare punizioni corporali, insulti e altri abusi contro i detenuti. Inoltre afferma il diritto dei detenuti di presentare proteste scritte o di parlare con il pubblico ministero per denunciare abusi. Viene pure ribadito il diritto a incontrarsi e comunicare con l’avvocato e il diritto del legale a poter svolgere nel miglior modo la difesa.

Il programma vuole rassicurare l’opinione pubblica del Paese, allarmata perché dall’8 febbraio ci sono state almeno 6 morti “sospette” di detenuti. In un caso le autorità carcerarie hanno cercato di coprire un omicidio compiuto da un altro detenuto. L’ultimo episodio è la morte di Chen Hongqiang, l’11 aprile nel carcere di Fuzhou (Fujian), che scontava 10 giorni di detenzione per uso di stupefacenti.

Il Piano vuole anche aumentare i redditi, creare 180 milioni di nuovi posti di lavoro, costruire case da vendere a prezzi popolari e proteggere meglio i diritti economici della popolazione.

Gruppi per la tutela dei diritti umani criticano il documento per le molte omissioni, anche con riguardo al diffuso uso della “detenzione amministrativa” e dei campi di rieducazione-tramite-lavoro e delle prigioni “fantasma” dove è detenuto senza accuse chi presenta petizioni o minaccia gli interessi delle autorità. Alcuni esperti dicono che si tratta di un’operazione che vuole mitigare le contestazioni interne e internazionali per gli abusi contro i diritti, anche per l’approssimarsi del 20° anniversario del massacro dei dimostranti pro-democrazia il 4 giugno 1989 a piazza Tiananmen.

Joshua Rosenzweig, dirigente a Hong Kong della Fondazione Dui Hua che difende i diritti umani, lo definisce “un passo importante” verso una migliore tutela dei diritti, anche se avverte che senza cambiamenti concreti per il rispetto dei diritti si resta al livello delle buone intenzioni.

Ma molti osservano che da sempre Pechino afferma che i diritti umani come concepiti in Occidente non sono applicabili alla diversa realtà cinese e ancora nelle premesse il Piano indica come prioritaria “la protezione dei diritti del popolo alla sussistenza” (mangiare, abitare, vestirsi): per cui affermare come necessaria la tutela dei diritti dei detenuti indica un significativo cambiamento di visuale. L’agenzia Xinhua osserva che “il governo ha ammesso che ‘la Cina ha davanti una lunga strada nel tentativo di migliorare la situazione dei diritti umani’”.

Il Piano promette anche di consentire ai giornalisti e ai siti internet una maggiore libertà nella raccolta delle notizie “nel rispetto della legge”. Come pure di “accrescere il livello di garanzia dei diritti civili e politici della popolazione” attraverso una maggior democrazia e rispetto delle leggi, ma non specifica come.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
04/01/2011 CINA
Minacciati e imprigionati gli avvocati cinesi che difendono i diritti umani
12/05/2011 CINA
In Cina il 95% dei colpevoli “confessa” i propri crimini
04/11/2008 CINA
“Giro di vite” contro gli avvocati cinesi che lottano per i diritti umani
03/06/2010 CINA
Cina, lo scontro sociale si sposta contro i giudici
22/04/2010 CINA
Avvocati per i diritti umani manifestano a Pechino contro le ingiustizie

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate