2 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 19/06/2008
CINA - STATI UNITI
Pechino e Washington soddisfatti di “fare affari” e “rinviare” le decisioni
I due Paesi vogliono concordare un trattato bilaterale sul commercio e sviluppare energie alternative e rispettose dell’ambiente. Elogi reciproci e soddisfazione per la rivalutazione dello yuan. Intanto sono stati conclusi affari per 13,8 miliardi e Pechino annuncia la presenza di Bush alle Olimpiadi.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Cina e Stati Uniti concorderanno un “trattato bilaterale” per disciplinare e facilitare gli investimenti delle rispettive ditte e vogliono cooperare in materia di energia. Il 4° Dialogo strategico economico appare contrassegnato dai molti accordi commerciali siglati tra le ditte dei due Paesi (per un valore di oltre 13,8 miliardi di dollari) più che da accordi politici.

Le imprese cinesi vogliono investire nel mercato Usa, ma in passato Washington ha impedito che primarie aziende finissero in mani estere. Le ditte Usa chiedono di poter accedere al mercato cinese dei servizi finanziari, ma Pechino non vuole aprire il settore a soggetti esteri con mezzi e potere molto superiore a quelli interni. Ora nel trattato potrà entrare di tutto: anche la tutela della proprietà intellettuale e la libertà di commercio.

Il segretario Usa al Tesoro Henry Paulson, nell’annunciare l’iniziativa, sa bene che un simile accordo richiederà almeno un anno di lavoro e la maggioranza dei due terzi al Senato Usa: per cui la questione sarà rimessa al futuro presidente. Soddisfatte le compagnie Usa, che premono sulla Casa Bianca perché concluda accordi bilaterali con le maggiori economie emergenti, quali India, Brasile, Russia e Cina.

Ma è soddisfatto anche il vicepremier Wang Qishan, poiché le ditte cinesi potranno così investire nel mercato Usa. Al pranzo d’onore con gli imprenditori locali, Wang ha ripetuto che la Cina si aprirà in pieno alle ditte estere, ma secondo i tempi necessari per le riforme.

In materia di energia le parti hanno annunciato studi congiunti sull’uso di energie alternative e di tecnologie rispettose dell’ambiente. In materia di yuan sembrano d’incanto superati i contrasti degli anni scorsi, quando gli Usa premevano per un più rapido apprezzamento della moneta cinese, e Paulson ha espresso soddisfazione per l’avvenuta rivalutazione del renminbi e per un “franco” confronto. Del resto gli esperti concordano che questa rivalutazione è anche nell’interesse della Cina, per contenere l’inflazione. Intanto fonti cinesi chiedono a Washington di garantire maggiore stabilità al dollaro, per evitare ulteriori aumenti mondiali dei prezzi e perdita di valore delle riserva valutarie di molti Paesi, tenute in dollari.

La delegazione cinese oggi incontra la Commissione finanza del Senato e domani si recherà a New York per parlare con un folto gruppo di politici e funzionari di Wall Street. A conferma di un approccio quanto mai “pragmatico” che privilegia l’intensificarsi degli scambi commerciali diretti e prende tempo per affrontare le questioni politico-economiche. Per le parti era importante assicurare sufficienti progressi per spingere il prossimo presidente Usa a proseguire questi incontri.

Intanto fonti ufficiali cinesi hanno riportato la promessa del presidente George W. Bush alla delegazione cinese che sarà alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi, a Pechino l’8 agosto. Notizia non smentita dalla Casa Bianca. (PB)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
18/06/2008 CINA - STATI UNITI
Pechino promette un apprezzamento dello yuan, "a tempi appropriati"
17/06/2008 CINA - STATI UNITI
Inizia il quarto Dialogo strategico economico tra Washington e Pechino
11/10/2010 CINA
Le riserve cinesi di valuta oltre i 2.500 miliardi di dollari
30/07/2007 CINA - STATI UNITI
Il segretario al Tesoro Usa in Cina per evitare una guerra commerciale
23/05/2007 CINA - STATI UNITI
Washington chiede a Pechino impegni concreti su valuta e commercio

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate