30/10/2006, 00.00
cina - asean
Invia ad un amico

Pechino e i Paesi dell'Asean: una zona di libero scambio entro il 2010

Si riafferma il progetto del mercato comune, nell'anniversario dei rapporti fra la Cina e i Paesi del sud est asiatico, passati in 15 anni da una forte concorrenza economica e politica a un legame di partnership privilegiato.

Nanning (AsiaNews/Agenzie) – La Cina e i paesi del sud-est asiatico sono ormai decisi a far nascere una zona di libero scambio entro il 2010. La bozza di un documento preparato per l'incontro fra Pechino e i paesi dell'Asean (30-31 ottobre) a Nanning (Jiangxi) , riafferma con chiarezza la "determinazione" nello stabilire tale zona per "il 2010, come programmato". La futura area di libero scambio sarà gigantesca: una popolazione di oltre 2 miliardi di persone e un Prodotto interno lordo di più di 2 mila miliardi di dollari Usa.

Secondo la bozza, entro il 2010 parteciperanno all'area di libero scambio i 6 Paesi più sviluppati dell'Asean (Brunei, Indonesia, Malaysia, Filippine, Singapore, Thailandia); per il 2015 gli altri: Cambogia, Laos, Myanmar, Vietnam.

Nell'incontro di questi giorni si celebra anche il 15° anniversario dei rapporti fra Cina e Asean. I rapporti erano iniziati con un patto di non aggressione e di dialogo sulle isole Spratly, nel Mar Cinese meridionale, rivendicate da Pechino, Taiwan e 4 paesi dell'Asean (Vietnam, Filippine, Brunei, Malaysia). Ma ormai i rapporti economici e di sicurezza antiterrorismo crescono sempre di più.

Anche il sospetto verso la Cina ("il dragone"), un tempo guardata come un terribile concorrente dai "piccoli dragoni", adesso è diminuito, sebbene non scomparso del tutto. La Cina infatti continua ad essere il Paese che assorbe la maggioranza degli investimenti stranieri nell'area, sebbene sia divenuta il 4° partner economico dell'Asean, dopo Stati Uniti, Giappone, Unione Europea.

Dal '99 ad oggi Pechino è riuscita a farsi accettare come partner strategico dell'area, grazie a mirate politiche di scambio economico e di aiuti.

Nel 2005, un quinto delle esportazioni filippine sono andate alla Cina (nell'87 era solo l'1,54%); nello stesso periodo, Singapore ha visto un aumento da 2,57 al 9,52%; Malaysia dall'1,56 all' 11,32%; Indonesia dal 2 all'8,2%; Thailandia dal 3,35 all'8,28%.

Nello stesso periodo, i paesi dell'Asean hanno iniziato a comprare prodotti dalla Cina. Nel 2005 il volume degli scambi Cina - Asean è stato di 130 miliardi di dollari Usa. La Cina ha promesso che per il 2010 il volume raggiungerà la cifra di 200 miliardi di dollari Usa.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
La Cina alla conquista del sudest asiatico
29/11/2004
Vertice Asean: si discute di economia e si trascurano i diritti umani
28/02/2009
Cina, India, Giappone e i patti con l'Asean
01/12/2004
Shanghai, inaugurata la Zona di libero commercio. Ma senza il suo creatore
30/09/2013
Pechino "libera" internet. Ma solo per gli stranieri e solo a Shanghai
24/09/2013