29 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/07/2016, 08.33

    PAKISTAN

    Per la prima volta due membri delle minoranze religiose tra i leader della regione tribale pakistana



    Si tratta di Wilson Wazir Masih, cristiano, e Gormeet Singh, di religione sikh. I due uomini hanno ottenuto il titolo di “Malik”, cioè “anziani tribali”. Le comunità che rappresentano, circa 30mila persone, saranno riconosciute come residenti legali e avranno l’accesso ai diritti in campo sociale, educativo e sanitario.

     

    Islamabad (AsiaNews/Agenzie) – Per la prima volta nella storia del Pakistan, le autorità di Islamabad hanno riconosciuto a due esponenti delle minoranze religiose, un sikh e un cristiano, il titolo di “leader tribali” nelle Aree tribali di amministrazione federale (Fata). Il riconoscimento consentirà ai membri dei due gruppi minoritari, circa 30mila persone, di vedere garantiti e rispettati i propri diritti in campo sociale, educativo, sanitario.

    Wilson Wazir Masih, cristiano, e Gormeet Singh, di religione sikh, hanno ottenuto la denominazione “Malik”, un termine che in lingua locale pashto viene tradotto come “anziano della tribù”. Entrambi riceveranno dal governo una retribuzione, ma soprattutto potranno partecipare ai jirga (consigli locali) per redimere dispute o presentare petizioni davanti alle autorità. I funzionari amministrativi locali e federali avranno l’obbligo di coinvolgerli nelle consultazioni.

    È la prima volta che un tale privilegio viene accordato ai membri delle minoranze cristiana o sikh. La Fata è una regione all’estremità nord-occidentale del Paese, al confine con l’Afghanistan. La maggioranza dei 10 milioni di residenti appartiene a vari gruppi tribali di etnia pashtun.

    La zona è stata per anni terreno fertile di reclutamento per i talebani, che hanno applicato sui residenti misure repressive come le tasse religiose. La presenza dei militanti islamici ha costretto migliaia di persone a fuggire dalle proprie terre e a trovare rifugio in altre città del Pakistan.

    Masih spera che la decisione di Islamabad contribuisca a “cambiare in meglio le sorti della comunità. Ora la nostra gente è entrata di diritto nel tessuto sociale delle Aree tribali. Potremo ottenere i posti di lavoro riservati alle minoranze, i nostri figli saranno ammessi ai college, alle università e ad altri istituti professionali”.

    Grazie a questo riconoscimento, le comunità sikh e cristiana saranno considerate come residenti legali all’interno della regione, e i membri potranno fare richiesta di borse di studio, lavori, servizi, e far valere i propri diritti. Singh ha dichiarato: “Potremo avere acqua potabile, scuole e altri vantaggi per le nostre comunità”.

    Abdul Razzaq Afridi, un leader tribale pashtun, ha accolto con favore la nomina dei due uomini, resa possibile dal recente indebolimento degli estremisti e dai tentativi di Islamabad di attuare riforme. “Vogliamo avere buoni rapporti con le minoranze – ha detto – così come una vita migliore nella nostra terra. Ora il governo deve fare in modo che esse siano rappresentate in modo effettivo e possano godere del diritto a vivere in pace”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/08/2008 PAKISTAN
    Pakistan, bambini kamikaze pronti a colpire in tutto il Paese
    Secondo il movimento talebano del nord-ovest vi sarebbero minori – di entrambi i sessi – pronti a sferrare attentati in nome della “guerra santa”. I terroristi rivendicano il controllo di intere aree al confine con l’Afghanistan e minacciano nuove stragi se il governo non ferma le operazioni militari.

    20/03/2017 11:47:00 PAKISTAN
    Censimento in Pakistan: sikh ignorati, cristiani chiamati in modo dispregiativo

    L’indagine sulla composizione demografica e religiosa è la prima dopo 19 anni. Nel modello da compilare è stata esclusa la voce riguardanti i fedeli sikh, parsi e bahai. Il Pakistan è il sesto Paese più popoloso al mondo, con oltre 200 milioni di abitanti.



    25/06/2008 PAKISTAN
    Frontiera, scoppia la guerra: i talebani uccidono 22 leader tribali
    Rapite ad inizio settimana, le vittime sono state uccise con quella che sembra un’esecuzione di massa. I media chiedono al governo una risposta forte contro questa ingerenza da parte dei guerriglieri islamici.

    05/03/2016 09:23:00 PAKISTAN
    Minoranze religiose del Pakistan: Nuove leggi per garantire i nostri diritti civili

    Rappresentanti cristiani, sikh, indù e kalasha hanno presentato uno studio comune sulle leggi personali/di famiglia e sugli effetti della loro mancanza in Pakistan. Le minoranze chiedono di essere rispettate al pari della maggioranza islamica. In questo modo manterrebbero la loro identità nel contesto socio-culturale più ampio. Tra i temi affrontati, il matrimonio, divorzio, dote, eredità, adozione dei figli.



    06/03/2017 13:37:00 PAKISTAN
    Pakistan, leader cristiani chiedono una nuova provincia per le aree tribali

    Le autorità di Islamabad hanno deciso di unificare sette distretti tribali con la provincia di Khyber-Pakhtunkhwa. La zona è regolata da un sistema di norme di derivazione britannica. Stanziato un pacchetto di aiuti da 991 milioni di euro. Vescovo anglicano: “La popolazione è stata ignorata. Ci vorrà del tempo prima che comprenda in pieno il significato di nazione”.





    In evidenza

    VATICANO-EGITTO
    Papa Francesco in videomessaggio: Caro popolo d’Egitto…

    Papa Francesco

    In occasione della sua visita al Paese (28-29 aprile), oggi papa Francesco ha trasmesso un videomessaggio al popolo egiziano. “Il nostro mondo, dilaniato dalla violenza cieca – che ha colpito anche il cuore della vostra cara terra – ha bisogno di pace, di amore e di misericordia; ha bisogno di operatori di pace”.


    ISLAM
    Le radici dell’islamismo violento sono nell’islam, parola di musulmano

    Kamel Abderrahmani

    Dopo ogni attentato terrorista si tende a dire: “Questo non è l’islam”. Eppure quegli atti criminali sono giustificati e ispirati dai testi che sono il riferimento dei musulmani e delle istituzioni islamiche nel mondo. È urgente una riforma dell’islam dall’interno, da parte degli stessi musulmani. La convivenza con le altre religioni è la strada per togliere l’islam dalla sclerosi e dalla stagnazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®