25 Gennaio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 06/12/2016, 12.23

    BANGLADESH

    Perdere l’infanzia e la scuola: i matrimoni minorili in Bangladesh

    Sumon Corraya

    Povertà e cultura tradizionale islamica sono le principali cause. Il 52% delle spose ha meno di 18 anni; il 18% meno di 15. Una nuova legge consentirebbe le nozze in “circostanze speciali” per salvare l’onore delle ragazze. Tre storie di matrimoni minorili.

    Dhaka (AsiaNews) – “Ho perso la mia infanzia, volevo andare a scuola. Amavo studiare, ma i miei genitori hanno ricevuto una buona proposta e hanno organizzato il matrimonio nonostante io mi fossi opposta”. Lo dice ad AsiaNews Sumi Akter, giovane 17enne musulmana data in sposa quando aveva 14 anni. Il suo è uno dei numerosi casi di matrimonio minorile, una piaga che affligge tutta la società del Bangladesh.

    Povertà e cultura tradizionale islamica sono i principali fattori che spingono le famiglie a organizzare le nozze per le ragazze ancora in tenera età. Il fenomeno è trasversale in tutte le comunità religiose, ad eccezione di quella cattolica che non sostiene i matrimoni precoci.

    La pratica è diffusa in particolare nella comunità islamica. Oggi Sumi è madre di un bambino di due anni, ha altre due sorelle e due fratelli. Racconta che il padre, un semplice lavoratore, “non riusciva a portare avanti la famiglia. Perciò mi hanno fatto sposare nascondendo la mia vera età”. La ragazza ha rischiato la vita al momento del parto, a causa di una grave emorragia. È stata curata, ma il bambino è nato sotto-peso e ha avuto diversi problemi. Per tutti questi motivi, afferma, “mi oppongo con forza al passaggio della legge che autorizza i matrimoni prima dei 18 anni”.

    Il riferimento è ad una normativa approvata il mese scorso dalle autorità di Dhaka. Secondo la bozza del Prohibition of Child Marriage Act – 2016, i matrimoni minorili saranno consentiti solo in “speciali circostanze”, ad esempio le “gravidanze accidentali o illegali”, in modo “da salvare l’onore della ragazza”.

    In base alle disposizioni attuali, l’età legale per contrarre matrimonio è 21 anni per i maschi e 18 per le femmine. Diversi attivisti lamentano che il disegno di legge renderebbe legali a tutti gli effetti le nozze celebrate per riparare gravidanze frutto di violenza sessuale, molto diffuse nel Paese.

    Dati ufficiali mostrano che il Bangladesh è il Paese asiatico con il tasso più elevato di sposi e spose bambine. Il 52% delle spose ha meno di 18 anni e il 18% meno di 15 anni.

    I matrimoni minorili colpiscono anche la comunità indù. Bristy Rani si è sposata a 16 anni con un ragazzo di 25. I genitori hanno scelto le nozze come mezzo per “assicurare la mia incolumità. Quando andavo a scuola ero presa di mira da diversi ragazzi che mi facevano proposte di matrimonio e mi insultavano. Vista la situazione, i miei familiari hanno acconsentito”. Secondo Bristy, povertà e insicurezza spingerebbero i genitori ad organizzare le nozze delle proprie figlie. “Il Bangladesh non è un posto sicuro per le ragazze – afferma – e non ci possiamo muovere in libertà. Governo e associazioni devono ridurre la povertà”.

    Nella comunità cattolica in genere non si riscontrano storie recenti di matrimoni precoci. Le autorità ecclesiastiche non sostengono le nozze tra minori. Rara eccezione è quella di Probitro Rozario e Pronoti Gomes (nomi di fantasia), sposi all’età di 16 anni. La Chiesa locale ha permesso il loro matrimonio perché Pronoti era rimasta incinta. A prescindere dal loro caso, Probitro ritiene che i “matrimoni minorili sono sbagliati. La Chiesa deve trasmettere agli alunni buoni valori, insegnare ai cristiani a non contrarre nozze durante l’infanzia”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/10/2014 BANGLADESH
    Allo studio una legge per le "spose bambine", per compiacere l'islam conservatore
    Il governo vorrebbe abbassare l'età minima per sposarsi: da 18 a 16 anni per le donne, da 21 a 18 per gli uomini. Ancora oggi l'80% delle ragazze si sposa prima di raggiungere la maggiore età.

    11/10/2016 12:06:00 INDIA
    Salesiano indiano: Il “parlamento dei bambini” per evitare il fenomeno delle spose precoci

    Oggi si celebra la Giornata internazionale delle bambine. Secondo l’Unicef, le donne che si sono sposate durante l’infanzia sono 700 milioni. Un altro rapporto afferma che ogni sette secondi una minorenne è costretta a unirsi in matrimonio con un uomo molto più grande. “Puntare sull’educazione. Formare bambini consapevoli dei propri diritti”.



    23/06/2006 MALAYSIA
    Campagna di preghiere per Lina Joy: la legge non le dà il diritto di convertirsi al cristianesimo

    La sua conversione è stata "rifiutata" dall'Anagrafe e dalla Corte d'Appello. Fra qualche giorno il verdetto della Corte federale.



    31/08/2006 BANGLADESH
    In Bangladesh "fioriscono" i partiti islamici

    Intelligence e Commissione elettorale registrano un forte aumento, negli ultimi 27 anni, di organizzazioni e partiti fondati sull'Islam. Analisti avvertono: il Paese si prepara ad una fase di passaggio, in cui sarà retto da un governo islamico.



    30/03/2007 BANGLADESH
    Impiccati 6 estremisti islamici, tra cui il famigerato Bangla Bhai
    Erano stati riconosciuti colpevoli dell’assassinio di due magistrati risalente al 2005. Tra i giustiziati, i leader di due gruppi fondamentalisti di spicco: Shaikh Abdur Rahman, del JMB, e Bangla Bhai, del JMJB. Entrambe le sigle lottano per l’introduzione della sharia nel Paese.



    In evidenza

    VATICANO-USA
    Papa a Trump: La grandezza dell’America misurata dall’attenzione ai poveri



    Papa Francesco esalta la “ricca spiritualità dei valori etici che hanno plasmato la storia del popolo americano” e chiede l’impegno “per il progresso della dignità umana e la libertà in tutto il mondo”.  Preoccuparsi “per i poveri, gli esclusi, e i bisognosi che, come Lazzaro, stanno davanti alla nostra porta”.  Il giuramento di Trump preceduto da diverse preghiere di rappresentanti cattolici, protestanti, ebrei.  Lo slogan “America first” guiderà le scelte politiche. Le pesanti critiche all’establishment. La cautela della Cina e l’entusiasmo della presidente di Taiwan.


    CINA-USA
    Comincia l'era di Trump: il rapporto Cina-Usa e il rischio di una guerra

    Wei Jingsheng

    Nell’attesa della cerimonia di inaugurazione della presidenza Trump, l’Ufficio di propaganda del Partito comunista cinese ha vietato a tutti i giornalisti “critiche non autorizzate” alle parole o ai gesti di Trump. Secondo il grande dissidente Wei Jingsheng vi sono possibilità che Trump costringa la Cina a accordi commerciali equi, influenzando anche una riforma interna della politica e della giustizia. L’opzione di una guerra commerciale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®