17 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/09/2011, 00.00

    SRI LANKA

    Pescatori cattolici di Mannar: l’India devasta il nostro ecosistema

    Melani Manel Perera

    Le risorse sono a rischio esaurimento. Gli abitanti della zona chiedono al governo di applicare le leggi che regolano confini, amministrazione e accesso alle acque tra i due Paesi, violate dai pescherecci a strascico indiani. L’indifferenza dei ministeri della Pesca e della Difesa dello Sri Lanka.
    Mannar (AsiaNews) – “Perché il nostro governo ci nega il diritto legittimo di pescare nelle nostre acque, mentre lascia sconfinare indisturbati i pescatori indiani?”. È quanto chiedono i pescatori cattolici del distretto settentrionale di Mannar, che accusano il ministero della Difesa e quello della Pesca di non prendere alcun provvedimento per fermare la violazione continua dei limiti della acque territoriali da parte dei pescherecci indiani. E promettono di passare ad “azioni forti”, se il governo non troverà presto una soluzione al problema.

    I pescatori srilankesi chiedono da tempo che Colombo faccia rispettare la legge che regola confini, amministrazione e accesso alle acque tra i due Paesi. I residenti del distretto di Mannar, infatti, hanno l’obbligo di chiedere un permesso al ministero della Difesa per andare in mare. Non è lo stesso per l’India, la cui pesca a strascico devasta l’ecosistema marino ed esaurisce le risorse. Provocando gravi danni economici e sociali a quelle comunità, per le quali la pesca rappresenta spesso l’unica fonte di sussistenza.

    Gerad, Nikson, Judsan, Lawrence, Stanley e Anthony, pescatori, raccontano: “Ogni giorno dall’India arrivano circa 500 pescherecci da traino: distruggono i fondali e i pesci più piccoli. Se continua così non ci sarà più nulla da raccogliere”.

    Come spiegano, in pratica nessuna autorità si prende la responsabilità di far applicare la legge vigente, rimbalzando di organismo in organismo le richieste dei pescatori. “La marina e l’esercito srilankesi dicono di poter fermare i pescherecci – affermano i pescatori –, ma hanno prima bisogno del permesso del ministero della Difesa. La questione ormai è una sola: o il governo è disposto a pagarci subito 25mila rupie al mese, consentendoci di vivere anche senza pesca; o risolve immediatamente questa situazione”.

    Nel distretto di Mannar vivono 7.840 famiglie, per un totale di circa 30.180 pescatori. Di questi, 1.892 sono donne.
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/06/2012 SRI LANKA
    Sri Lanka: Pescatori del nord e del sud contro la minaccia dei pescherecci indiani
    La pesca a strascico degli indiani distrugge l’ecosistema marino nelle aree settentrionali. Ma le comunità del nord patiscono altri problemi: equipaggiamenti rudimentali; divieto d’accesso ad alcune baie; danni provocati dalla guerra civile. L’impegno delle comunità del sud per aiutarle.

    06/03/2010 INDIA-SRI LANKA
    Migliaia di Tamil al pellegrinaggio per la festa di Sant'Antonio
    La festa di due giorni si svolge sull’isola di Katchadeevu, territorio cingalese a metà dello stretto che divide i due Stati. Un’occasione di dividere speranze e tradizioni, in una zona da sempre divisa in armonia tra i Tamil dei due Paesi.

    20/02/2012 SRI LANKA
    Pescatore cattolico ucciso dalla polizia: un “gesto bestiale”
    Lo afferma mons. Norbert M. Andradi, segretario generale della Conferenza episcopale dello Sri Lanka. Anthony Warnakulasooriya aveva 35 anni ed era tra i manifestanti contro il caro-benzina. Un anno fa era morto un operaio cattolico di 21 anni nelle proteste contro le pensioni.

    21/06/2012 SRI LANKA
    Sri Lanka, padre si suicida perché non riesce a mantenere la sua famiglia
    Jesumaria Kingsley, pescatore cattolico di 40 anni, perde una gamba durante le proteste contro il caro benzina. Sebastian, 14 anni, lascia la scuola per aiutare madre e fratelli. Provato dalla situazione, l’uomo decide di impiccarsi. Attivista per i diritti dei pescatori: “Siamo tutti responsabili della sua morte”.

    02/09/2010 SRI LANKA – INDIA
    Accordo “di pace” fra i pescatori di India e Sri Lanka
    L’industria ittica è fondamentale per entrambi i Paesi, ma i pescherecci indiani sfruttano il maggior “peso” tecnologico per battere sul tempo i cingalesi. Per evitare nuovi scontri in acqua, è stato organizzato un incontro di pace.



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®