21 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/05/2017, 11.28

    IRAN

    Presidenziali in Iran: Rouhani contro tutti nell’ultimo dibattito tv prima del voto



    Scambi di accuse e battute al vetriolo nel confronto fra i candidati. Il leader uscente ha criticato Raisi perché “sfrutta la religione” per il consenso. Del sindaco di Teheran ha ricordato le violenze contro gli studenti. Secca la replica dei rivali: Rouhani colpevole della crisi economica e del fallimentare accordo sul nucleare. 

     

    Teheran (AsiaNews/Agenzie) - Accuse incrociate e battute al vetriolo hanno caratterizzato il dibattito televisivo finale in programma ieri, che ha visto contrapposti i sei candidati alle elezioni presidenziali in Iran del 19 maggio. Il leader uscente Hassan Rouhani, esponente della fazione dei moderati, ha accusato i rivali di abusare della religione (islamica) per conquistare il potere e di violenze contro gli studenti. In risposta, gli sfidanti hanno parlato di corruzione, cattiva amministrazione e sostanziale fallimento dell’accordo nucleare. 

    Una partita aperta, senza esclusione di colpi, sembra caratterizzare questa vigilia elettorale fra i vari pretendenti. Rouhani è alla ricerca del secondo mandato, come è sempre avvenuto dalla Rivoluzione islamica del 1979 a oggi, allorché tutti i capi di Stato hanno ottenuto una conferma per i successivi quattro anni. 

    Tuttavia, la rielezione del presidente uscente non è affatto scontata, sebbene la fazione di conservatori e radicali sia frammentata al suo interno. Se nessun candidato otterrà il 50% dei voti al primo turno, la settimana successiva si terrà il ballottaggio fra i due esponenti che hanno raccolto il maggior numero di preferenze. 

    Analisti ed esperti concordano sul fatto che le prossime elezioni saranno una partita a due fra il moderato Rouhani e il conservatore Ebrahim Raisi, candidato di punta dell’ala radicale; il tema economico, oltre all’accordo sul nucleare, saranno fondamentale per convincere l’elettorato.

    Il principale sfidante di Rouhani è un fedelissimo dell’ayatollah Ali Khamenei: definito il “cavaliere” della guida spirituale e massima istituzione sciita dell’Iran, egli appartiene alla linea dura che si oppone all’attuale leadership.

    Un terzo candidato accreditato di un discreto numero di preferenze è il sindaco di Teheran, Mohammad Baqer Qalibaf: ex comandante della Guardia repubblicana e capo della polizia, anch’egli raccoglie gran parte dei sostegni all’intero della fazione più conservatrice. Gli altri tre pretendenti, ma con minori possibilità di vittoria, sono Eshaq Jahangiri, Mostafa Hashemitaba e Mostafa Mirsalim.

    Rouhani - un moderato che opera all’interno dell’establishment, alla ricerca dei voti dell’elettorato riformista - ha attaccato Raisi che “sfrutta la religione” per eliminare i rivali e conquistare il potere. Di Qalibaf ha ricordato la gestione delle proteste studentesche alla fine degli anni ’90 e nei primi duemila, quanto ha ordinato gli attacchi contro gli universitari. 

    Pronta la replica degli sfidanti, che hanno accusato il presidente uscente di non aver raggiunto progressi in campo economico, pur potendo contare sull’allentamento delle sanzioni occidentali. I sindaco di Teheran ha parlato di “crisi economica, disoccupazione, recessione e inflazione”. Raisi ha ricordato le 250mila piccole imprese che hanno chiuso i battenti e promesso maggiore sostegno alle classi più povere. 

    Rouhani ha rilanciato assicurando che lavorerà per ottenere anche la cancellazione delle sanzioni ancora in vigore. Tuttavia, la partita più infuocata si è giocata attorno al tema della corruzione con scambi incrociati di accuse e minacce velate di dossier nascosti pronti per essere diffusi.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/04/2017 08:55:00 IRAN
    Presidenziali in Iran: sarà sfida a due fra Rouhani e Raisi. Escluso Ahmadinejad

    Il Consiglio dei Guardiani della Costituzione ha approvato sei nomi su un totale di 1600 aspiranti presidenti. Respinta la candidatura di 130 donne; anche per il 2017 sarà una partita fra soli uomini. Economia e accordo nucleare i temi caldi della campagna elettorale. Bloccata la corsa al terzo mandato per l’ex presidente ultraconservatore, considerato figura “che divide” da Khamenei. 



    13/04/2017 09:57:00 IRAN
    Iran: l’economia, più dell’islam, ago della bilancia nelle elezioni presidenziali

    Al voto il 19 maggio. Dal 1979 il leader uscente ha sempre ottenuto un secondo mandato. A sfidare Rouhani un fedelissimo del grande ayatollah, Ebrahim Raisi, e Hamid Baghaei, ex numero due di Ahmadinejad, che annuncia la propria candidatura fra lo stupore generale. Gli sfidanti accusano Rouhani di aver affossato l’economia; il presidente risponde con dati che indicano “progressi”.

     



    03/06/2017 09:18:00 IRAN
    Teheran, i dati premiano le riforme di Rouhani: l’economia iraniana segna un +8,3%

    I dati dell’Ufficio centrale di statistica confermano la crescita del Paese dalla rimozione (parziale) delle sanzioni. Il Pil passa da 16,6 miliardi di dollari a 18,04. Decisivo l’aumento delle esportazioni nei prodotti petroliferi. Indici positivi anche per il settore agricolo, industria e manifattura. Attesa per i dati della Banca centrale.



    27/09/2016 08:47:00 IRAN
    Teheran, Khamenei stoppa le mire presidenziali di Ahmadinejad: no al terzo mandato

    Il grande ayatollah giudica inopportuna una partecipazione del leader ultraconservatore alle presidenziali del 2017. La sua presenza rischia di polarizzare il Paese, un “male” per “tutti”. Negli ultimi mesi Ahmadinejad aveva rilanciato la propria immagine in pubblico. Secondo un fedelissimo obbedirà, suo malgrado, ai dettami della guida suprema; già in passato erano sorti contrasti.



    22/05/2017 12:40:00 IRAN
    Rouhani: economia, Riyadh e Washington, le sfide interne e globali del confermato presidente

    Migliaia di persone in piazza hanno celebrato la vittoria del candidato moderato, confermato per un secondo mandato. Il programma di riforme condizionato ai successi in campo economico e alla lotta alla corruzione. Il voto delle municipali nei grandi centri premia i candidati riformisti e moderati.

     





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®