15 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/05/2011, 00.00

    PAKISTAN

    Punjab: infermiera cristiana sequestrata, costretta a convertirsi e a sposare un musulmano

    Jibran Khan

    Farah Hatim, 24 anni, è stata rapita e obbligata a diventare musulmana. La famiglia ha denunciato il fatto, ma polizia e politici locali “coprono” i criminali. Avvocato e attivista: violazioni procedurali nella “testimonianza” resa dalla ragazza al giudice. Sacerdote cattolico: tasso “allarmante” di violenze anticristiane nella zona.
    Lahore (AsiaNews) – Rapita da un giovane musulmano, costretta con la forza a sposarlo dopo essere stata obbligata a convertirsi all’islam. È quanto è successo a una 24enne cristiana pakistana nel sud del Punjab, nell’indifferenza della polizia che – incurante delle denunce alla magistratura – non ha arrestato il colpevole e i suoi complici. La famiglia ha avviato una battaglia legale per liberarla, ma la giovane infermiera resta nelle mani dei sequestratori. Un sacerdote denuncia un tasso “allarmante” di violenze anticristiane e si dice “deluso dal comportamento delle autorità locali”. Attivisti per i diritti umani confermano che la zona è “un rifugio sicuro per gli estremisti”, i quali perpetrano abusi e sequestri “nell’impunità più totale”.
     
    Farah Hatim, 24enne originaria di Rahim Yar Khan, città nel sud del Punjab, era iscritta ad un corso per infermiera professionale allo Sheikh Zaid Medical College e svolgeva il tirocinio nel reparto di ortopedia. Lo scorso 8 maggio, attorno alle 7 del mattino, è stata rapita mentre attraversava il parco Jinnah, poco distante dall’istituto medico, per recarsi al lavoro. L’autore del sequestro è Zeehan Iliyas, un giovane musulmano impiegato come fattorino presso la filiale locale della United Bank Limited. Con l’aiuto di due fratelli – Imram e Gulfam – il ragazzo ha prelevato la giovane, intimandole di convertirsi all’islam e sposarlo.
     
    Bilquees Marriam, madre della ragazza cristiana, riferisce che “questa famiglia [musulmana] è solita rapire ragazze cristiane e convertirle con la forza” e agiscono nell’impunità grazie anche al “sostegno di un parlamentare della zona, esponente del partito di governo”. La donna, insieme ai sei figli, ha denunciato il sequestro alla polizia, ma gli agenti non hanno voluto aprire un fascicolo di inchiesta.
     
    All’indomani del rapimento è scattata la solidarietà della comunità cristiana locale, che ha iniziato manifestazioni di protesta per l’atto di violenza contro la giovane e la connivenza delle forze dell’ordine. In un primo momento la polizia ha cercato di sedare i dimostranti con la forza poi, grazie all’intervento del Commissario capo, hanno accolto la denuncia e avviato le indagini.
     
    Tuttavia, i sequestratori di Farah Hatim hanno avuto a disposizione il tempo necessario per costringere la giovane a recarsi al distretto federale e – dietro minacce – testimoniare la conversione all’islam e il consenso alle nozze con Zeehan Iliyas. Il giudice non ha voluto rivolgere domande alla ragazza, accentando come “valida” la dichiarazione resa ed evitando di approfondire i motivi delle ferite che presentava sul corpo.
     
    Il legale della famiglia Hatim denuncia gravi violazioni nei diritti della ragazza e vizi procedurali. Quando si compie una dichiarazione davanti al giudice, spiega Zahid Hussain, il teste resta solo e viene approfondita la spontaneità delle parole. “In questo caso – aggiunge – l’aula era piena di persone, che hanno partecipato attivamente al sequestro e all’assalto. Il giudice ha anche ignorato le ferite che la giovane di Farah Hatim … tutto questo mostra che è stata costretta a fare quelle dichiarazioni”.
     
    Il 10 maggio la famiglia ha presentato una seconda denuncia, ma a tutt’oggi la polizia non ha perseguito alcun colpevole. Rizwan Paul, del gruppo attivista pro-diritti umani Life for All, conferma che “il sud del Punjab è un rifugio sicuro per gli estremisti” e tanto le amministrazioni locali quanto la polizia sono più interessate “a proteggere i colpevoli”. Abbiamo sottolineato diversi casi di conversioni forzate, continua, e li abbiamo sottoposti all’attenzione delle autorità ma “fanno orecchie da mercante”.
     
    P. Sohail John, sacerdote di una parrocchia a Rahim Yar Khan, parla di “triste episodio” e aggiunge: “condanniamo con forza il sequestro e le conversioni forzate. Siamo delusi dalle autorità locali” e il governo del Punjab “ha fallito nel compito di tutela delle minoranze , perché protegge i colpevoli e li incoraggia a compiere crimini”.  
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/08/2011 PAKISTAN
    Punjab, violenze anticristiane: convertita a forza all’islam e costretta a sposare il rapitore
    Mariam Gill è stata rapita mentre si trovava al mercato. Il padre e il fratello hanno sporto denuncia, ma la polizia non è intervenuta perché il rapitore “è un rispettabile uomo d’affari musulmano”. Leader islamico: ha agito secondo la Shariah, gesto nobile. Vescovo di Islamabad: “crescita allarmante” delle conversioni forzate.

    08/04/2013 PAKISTAN
    Punjab, conversione all’islam o morte: da oltre 20 anni l’incubo di una famiglia cristiana
    Dalla fine degli anni ’80 Sadiq Masih Zafar e i suoi parenti vivono sotto la costante minaccia di gruppi islamisti. Nel 1998 una delle figlie è stata vittima di sequestro e ferita in modo grave. Oggi una sorella rischia analoga sorte. Nonostante le denunce, la polizia non è mai intervenuta. Sacerdote a Lahore: gli estremisti godono di impunità.

    09/10/2012 PAKISTAN
    Faisalabad: 24enne cristiana rapita, costretta a convertirsi all’islam e sposare l’aguzzino
    Shumaila Bibi sequestrata dal 26enne musulmano Muhammad Javed Iqbal sulla via di casa. Per giorni ha dovuto subire abusi a sfondo sessuale e studio del Corano. Con un pretesto è riuscita a fuggire e a tornare dalla famiglia. Il suo rapitore ha denunciato il padre della ragazza per “sequestro di persona”. Il futuro di Shumaila appeso a un filo.

    31/03/2012 PAKISTAN
    Faisalabad, la battaglia di una donna cristiana per i figli e la libertà religiosa
    Hanifan Bibi è stata segregata in casa dal marito, convertito all’islam in seguito a un rapporto extraconiugale con una donna musulmana. Egli voleva spodestarla della casa comprata con il denaro guadagnato dalla moglie. L’intervento degli attivisti di Ncjp ha reso giustizia. Ora il tribunale valuterà il risarcimento civile.

    05/01/2005 egitto - islam
    Liberi tutti i cristiani copti in carcere da dicembre
    Per loro il patriarca copto Shenouda III si era auto-esiliato in monastero.



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®