02 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 02/05/2013, 00.00

    COREA DEL NORD – USA

    Pyongyang condanna a 15 anni di lager un cristiano americano

    Joseph Yun Li-sun

    Kenneth Bae è definito da alcune fonti un “devoto cristiano” che, nei suoi viaggi al Nord come operatore turistico, ha sempre cercato di mantenere viva l’evangelizzazione del popolo. Gli Stati Uniti avevano chiesto la sua liberazione: ora, secondo alcuni analisti, potrebbe aprirsi una trattativa in cambio di aiuti umanitari.

    Seoul (AsiaNews) - La Corte Suprema della Corea del Nord ha condannato questa mattina a 15 anni di lavori forzati il cittadino statunitense Kenneth Bae - identificato dalle autorità del regime con il nome coreano Pae Jun-ho, a destra nella foto - con l'accusa di "aver commesso crimini contro lo Stato". Lo ha riferito l'agenzia ufficiale del governo, la Kcna, che non spiega quali siano questi crimini.

    Bae, un operatore turistico coreano, ma con cittadinanza americana, era stato arrestato a novembre mentre si trovava insieme a cinque turisti che erano entrati in Corea del Nord attraverso il porto nord-orientale di Rajin. Secondo il quotidiano sudcoreano Kookmin Ilbo, le autorità di Pyongyang hanno rinvenuto "informazioni sensibili" nell'hard disk del computer di uno dei membri del gruppo.

    Ma Bae è anche definito da alcune fonti un "devoto cristiano" che, nei suoi viaggi al Nord, ha portato avanti un'opera missionaria che potrebbe aver attirato l'attenzione delle autorità e provocato l'arresto e la condanna. In Corea del Nord non esiste libertà religiosa e i fedeli sono all'ultimo posto nella scala gerarchica della società.

    La sentenza è la più dura mai emessa dalle autorità giudiziarie del Nord contro un cittadino straniero. Di solito ai lavori forzati vengono condannati i colpevoli di omicidio, stupro o rapina, oppure i fedeli di qualche religione che non si piegano al controllo e all'ateismo di Stato.

    Secondo alcuni analisti, questa decisione dimostra la "disperazione" del regime, guidato dal giovane Kim Jong-un, che sta cercando di tornare al tavolo dei colloqui con la comunità internazionale dopo l'escalation di tensione degli ultimi mesi. Le minacce, la chiusura della zona intercoreana di Kaesong e lo spostamento di missili sulla costa orientale - in grado di colpire Stati Uniti e Giappone - hanno isolato ancora di più il Paese, che ha perso anche l'appoggio della Cina.

    Lo scorso 29 aprile gli Usa avevano chiesto al regime di Pyongyang "l'immediato rilascio" di Bae, senza ottenere risposta. Per il Korea Herald, questo caso somiglia a quello delle due giornaliste americane arrestate nel 2009, condannate a 12 anni di lavori forzati e poi liberate grazie all'intervento della Clinton (allora Segretario di Stato Usa), che in cambio consentì a riprendere l'invio di aiuti umanitari.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/04/2010 COREA DEL NORD – USA
    Pyongyang condanna a otto anni di lager un cristiano americano
    Aijalon Mahli Gomes, cittadino statunitense di 30 anni, è stato ritenuto colpevole di ingresso illegale nel Paese e ostilità nei confronti del regime. Oltre ai lavori forzati, ha ricevuto una multa di circa 650mila euro. È il quarto americano arrestato in Corea del Nord dal 2009.

    12/08/2013 COREA
    Peggiora la salute del missionario cristiano nei lager di Pyongyang
    La famiglia di Kenneth Bae, noto anche come Pae Jun-ho, sostiene che egli sia ricoverato in un ospedale nei pressi della capitale nordcoreana. Condannato a 15 anni di lager, non sarebbe più in grado di lavorare: “Ha 45 anni, il diabete e una malformazione cardiaca. Siamo preoccupatissimi”.

    22/10/2014 COREA DEL NORD - USA
    Pyongyang libera Jeffrey Fowle, due americani ancora in prigione
    Il regime nordcoreano ha concesso al cittadino Usa di tornare a casa. Matthew Miller e Kenneth Bae, entrambi condannati ai lavori forzati, restano in prigionia. Washington denuncia l'uso di civili come "merce di scambio" nei rapporti diplomatici.

    14/07/2007 USA - COREA DEL NORD
    Cristiano condannato a morte, politici Usa scrivono all’Onu
    Il fratello minore di Son Jong-nam, ex ufficiale dell’esercito di Pyongyang convertito al cristianesimo, che dovrebbe essere giustiziato in pubblico, ha chiesto l’aiuto degli Usa e dell’Onu per fermare l’esecuzione.

    10/11/2014 COREA - USA
    La liberazione dei due americani, "ennesimo trucco diplomatico di Pyongyang"
    Kenneth Bae e Matthew Miller sono rientrati in patria dopo una lunga prigionia. Una fonte ad AsiaNews afferma che Il regime voleva la visita di un alto funzionario - James Clapper - e l'ha avuto. Ma soprattutto Kim teme che Obama e Xi Jinping facciano fronte comune per far cadere la sua dinastia.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin, il Vaticano e la “logica da banditi” dell’Associazione patriottica

    Gu Feng

    Un sacerdote della Cina centrale ripensa al “voltafaccia” del vescovo di Shanghai e lo paragona a Giovanni il Battista, confinato in prigione dopo le accuse a Erode. La “logica da banditi” dell’Associazione patriottica e del governo tende a eliminare la religione dal Paese. Il Vaticano rischia di contraddirsi venendo a compromessi con l’Associazione patriottica, che papa Benedetto XVI ha definito “incompatibile” con la dottrina cattolica nella Lettera ai cattolici cinesi che papa Francesco non ha smentito, anzi l’ha ribadita.


    CINA - VATICANO
    Il “voltafaccia” di mons. Ma Daqin, una croce per il bene di Shanghai

    p. Pietro dalla Cina

    Il vescovo ausiliare di Shanghai ha a cuore il benessere della sua diocesi e intende portare da solo il fardello delle sue dichiarazioni di quattro anni fa. Le precisazioni di p. Lombardi sul ruolo della Santa Sede fugano ogni dubbio: la Lettera di Benedetto XVI alla Chiesa cinese è ancora valida, quindi la posizione dell’Associazione patriottica non è accettata dal Vaticano. Il commento di un sacerdote cinese, traduzione a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®