1 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 08/08/2012
EGITTO - ISRAELE
Raid aerei egiziani sul Sinai: almeno 20 morti
Elicotteri e jet hanno bombardato il villaggio di al Arish, dove erano nascosti i radicali islamici che hanno ucciso 16 guardie di frontiera egiziane. Un test per il presidente Morsi. Israele chiede più sicurezza e sottolinea la presenza di radicali del Jihad globale nella Striscia di Gaza. Hamas si difende.

Il Cairo (AsiaNews/Agenzie) - Le forze di sicurezza egiziane, aiutate da elicotteri di combattimento e jet, hanno lanciato missili uccidendo 20 militanti islamisti, dopo un attacco avvenuto tre giorni fa contro un posto di blocco egiziano, costata la vita a 16 guardie di frontiera. Un comandante dell'esercito di stanza nel Sinai ha confermato che l'area colpita è il villaggio di al Arish, dove si nascondeva il gruppo islamista.

L'offensiva militare è ancora in corso ed essa rappresenta un test per il neopresidente Mohammed Morsi. La zona in questione comprende anche il valico di Rafah che permette ai palestinesi della Striscia di Gaza il contatto libero con il mondo esterno. Ma il passaggio è anche usato per contrabbandare merci e armi per colpire Israele.

Israele chiede maggiore controllo e sicurezza da parte degli egiziani sui gruppi islamisti che non obbediscono nemmeno ad Hamas, che governa la Striscia. Per garantire il controllo, Morsi deve essere duro con questi gruppi radicali islamisti, rischiando di provocare le ire e lo scontento dei radicali che lo sostengono e dei musulmani in genere.

In effetti, i Fratelli Musulmani egiziani attribuiscono l'attacco di tre giorni fa  a "un complotto" di Israele. Ma un responsabile egiziano della sicurezza, ha sottolineato che l'azione era da attribuire a militanti islamisti che operano nel Sinai, insieme a radicali venuti da Gaza.

Nitzan Nuriel, ex capo dell'ufficio antiterrorismo di Israele, parlando alla radio israeliana, si dice convinto che "agenti del Jihad globale si stanno unendo in azioni terroriste sia nella Striscia di Gaza che nel Sinai e questo è molto, molto problematico".

I sospetti e le accuse di Israele ed Egitto rischiano di gettare una luce ancora più negativa su Hamas, il gruppo radicale che gestisce il potere nella Striscia. Hamas ha subito condannato l'attacco di tre giorni fa definendolo "terrorismo" e ha dichiarato che "i gruppi della resistenza palestinese sono impegnati a combattere solo contro l'occupazione israeliana ed essi lanciano le loro operazioni solo a partire da territori palestinesi".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
20/08/2013 EGITTO
Vescovo di Andropoli: Cristiani e musulmani in Egitto uniti per salvare il Paese dagli islamisti
17/01/2009 ISRAELE – PALESTINA
Gaza: Israele vota la tregua, mentre si continua a morire
22/11/2012 ISRAELE - PALESTINA
Tiene il cessate-il fuoco su Gaza: Israele e Hamas cantano vittoria
di Joshua Lapide
26/01/2008 PALESTINA - ISRAELE
Continua la fuga dei palestinesi da Gaza in Egitto
di Joshua Lapide
05/03/2014 EGITTO-ISLAM
P. Samir: Hamas "fuorilegge" in Egitto. Un bene anche per i palestinesi
di Samir Khalil Samir

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate