21 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 08/08/2012
EGITTO - ISRAELE
Raid aerei egiziani sul Sinai: almeno 20 morti
Elicotteri e jet hanno bombardato il villaggio di al Arish, dove erano nascosti i radicali islamici che hanno ucciso 16 guardie di frontiera egiziane. Un test per il presidente Morsi. Israele chiede più sicurezza e sottolinea la presenza di radicali del Jihad globale nella Striscia di Gaza. Hamas si difende.

Il Cairo (AsiaNews/Agenzie) - Le forze di sicurezza egiziane, aiutate da elicotteri di combattimento e jet, hanno lanciato missili uccidendo 20 militanti islamisti, dopo un attacco avvenuto tre giorni fa contro un posto di blocco egiziano, costata la vita a 16 guardie di frontiera. Un comandante dell'esercito di stanza nel Sinai ha confermato che l'area colpita è il villaggio di al Arish, dove si nascondeva il gruppo islamista.

L'offensiva militare è ancora in corso ed essa rappresenta un test per il neopresidente Mohammed Morsi. La zona in questione comprende anche il valico di Rafah che permette ai palestinesi della Striscia di Gaza il contatto libero con il mondo esterno. Ma il passaggio è anche usato per contrabbandare merci e armi per colpire Israele.

Israele chiede maggiore controllo e sicurezza da parte degli egiziani sui gruppi islamisti che non obbediscono nemmeno ad Hamas, che governa la Striscia. Per garantire il controllo, Morsi deve essere duro con questi gruppi radicali islamisti, rischiando di provocare le ire e lo scontento dei radicali che lo sostengono e dei musulmani in genere.

In effetti, i Fratelli Musulmani egiziani attribuiscono l'attacco di tre giorni fa  a "un complotto" di Israele. Ma un responsabile egiziano della sicurezza, ha sottolineato che l'azione era da attribuire a militanti islamisti che operano nel Sinai, insieme a radicali venuti da Gaza.

Nitzan Nuriel, ex capo dell'ufficio antiterrorismo di Israele, parlando alla radio israeliana, si dice convinto che "agenti del Jihad globale si stanno unendo in azioni terroriste sia nella Striscia di Gaza che nel Sinai e questo è molto, molto problematico".

I sospetti e le accuse di Israele ed Egitto rischiano di gettare una luce ancora più negativa su Hamas, il gruppo radicale che gestisce il potere nella Striscia. Hamas ha subito condannato l'attacco di tre giorni fa definendolo "terrorismo" e ha dichiarato che "i gruppi della resistenza palestinese sono impegnati a combattere solo contro l'occupazione israeliana ed essi lanciano le loro operazioni solo a partire da territori palestinesi".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
20/08/2013 EGITTO
Vescovo di Andropoli: Cristiani e musulmani in Egitto uniti per salvare il Paese dagli islamisti
17/01/2009 ISRAELE – PALESTINA
Gaza: Israele vota la tregua, mentre si continua a morire
22/11/2012 ISRAELE - PALESTINA
Tiene il cessate-il fuoco su Gaza: Israele e Hamas cantano vittoria
di Joshua Lapide
26/01/2008 PALESTINA - ISRAELE
Continua la fuga dei palestinesi da Gaza in Egitto
di Joshua Lapide
05/03/2014 EGITTO-ISLAM
P. Samir: Hamas "fuorilegge" in Egitto. Un bene anche per i palestinesi
di Samir Khalil Samir

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate