23 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/06/2017, 08.53

    SIRIA - USA

    Raqqa: l’aviazione Usa abbatte un caccia siriano, disperso il pilota



    Il mezzo colpito era impegnato in una missione contro le milizie dello Stato islamico. Damasco parla di “attacco grossolano”. Secondo Washington avrebbe invece colpito soldati della coalizione arabo-curda sostenuta dagli Stati Uniti. Esercitazioni congiunte fra Iran e Cina nel Golfo Persico. 

     

    Damasco (AsiaNews/Agenzie) - La coalizione internazionale a guida Usa ha abbattuto ieri un caccia dell’esercito siriano a sud di Raqqa, nel settore orientale della Siria, teatro dell’offensiva contro la roccaforte dello Stato islamico (SI) nel Paese. È quanto affermano in un comunicato i vertici dello Stato maggiore siriano, i quali aggiungono che il pilota risulta al momento disperso. Il mezzo era impegnato in una missione di combattimento contro le milizie jihadiste. 

    In una nota rilanciata dalla televisione pubblica l’esercito fedele a Damasco parla di “attacco grossolano” che mina gli sforzi della “sola forza armata” capace di combattere “i terroristi” sul territorio. L’incidente è avvenuto in un momento in cui “l’esercito siriano e i suoi alleati hanno ottenuto progressi effettivi nella lotta contro Daesh” [acronimo arabo per lo SI]. 

    Il comando centrale americano conferma l’avvenuto abbattimento del caccia siriano, che a loro dire stava sganciando bombe contro membri delle Forze democratiche siriane (Fds), ribelli arabo-curdi (sostenuti da Washington) operativi nella regione di Resafa. Il Pentagono giustifica l’attacco definendolo “atto di autodifesa collettivo”. 

    L’Osservatorio siriano per i diritti umani (Osdh) riferisce inoltre di combattimento divampati ieri (per la prima volta) in Siria fra truppe governative ed elementi dell’alleanza arabo-curda nella provincia di Raqqa. I combattimenti si sono concentrati nella tarda serata di ieri nei villaggi di Chouwayhane e Jaaydine, a circa 40 km dalla “roccaforte” del califfato. 

    Intanto si registrano nuovi segnali di guerra nella regione: Cina e Iran hanno compiuto esercitazioni navali congiunte nello Stretto di Hormuz, nel Golfo Persico. Secondo quanto riferisce l’agenzia ufficiale Irna le manovre hanno visto impegnate una nave da guerra iraniana e due cacciatorpediniere cinesi, un mezzo per il rifornimento logistico e un elicottero. 

    Le esercitazioni congiunte fra mezzi militari di Teheran e Pechino giungono in un contesto di crescente tensione nella regione mediorientale, martoriata da sanguinosi confitti e acuita dalla recente crisi del Golfo fra Arabia Saudita e Qatar (anche se il vero obiettivo è l’Iran). La Cina ha sempre promosso una politica di non interferenza negli affari della regione, promuovendo rapporti commerciali con Riyadh e Teheran.  Due giorni fa mezzi della flotta degli Stati Uniti hanno tenuto esercitazioni navali con il Qatar.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/06/2017 08:51:00 ISRAELE - IRAN
    Razzi iraniani contro obiettivi dell’Isis in Siria. Ira di Israele

    Missili balistici della Repubblica islamica hanno colpito un centro di addestramento dello SI nella provincia di Deir Ezzor. È il primo attacco oltreconfine dalla fine della guerra con l’Iraq negli anni ’80. L’azione è una risposta ai recenti attacchi nella capitale. Netanyahu considera l’operazione una “minaccia” per lo Stato ebraico. E lancia un avvertimento a Teheran. 

     



    21/10/2016 11:36:00 SIRIA - IRAQ
    Ad Aleppo, come a Mosul, capi jihadisti in fuga verso le roccaforti di Raqqa e Idlib

    A dispetto della tregua l’ex fronte di al Nusra bombarda il settore ovest di Aleppo uccidendo una bambina. L’aviazione turca colpisce la zona nord uccidendo 150 civili. Per i media siriani è un “massacro ingiustificato”. I vertici dello Stato islamico abbandonano Aleppo; polemiche e dubbi sulle vie e le modalità di fuga. Voci di accordi Usa e Russia sulla spartizione di Aleppo e Mosul. 

     



    20/10/2016 08:59:00 IRAQ - SIRIA
    Familiari dei capi Isis di Mosul giungono a Raqqa in Siria. I dubbi su chi li aiuta

    Decine di famiglie di capi del Califfato si sono trasferite con pulmini fino a Raqqa senza incappare in posti di blocco, né essere scoperti dai voli di ispezione degli alleati. I sospetti che essi siano aiutati dall’esercito turco e dagli Usa.  Gli irakeni pensano che la vittoria di Mosul sarà “una vittoria di Pirro”: i capi non saranno catturati, né interrogati e nessuno saprà chi sono i loro alleati segreti.



    26/09/2016 13:22:00 SIRIA
    Gesuita: I piani confusi delle potenze mondiali alimentano il dramma di Aleppo

    P. Sami Hallak racconta un sentimento diffuso di “incomprensione” fra la popolazione civile. Nel settore ovest regna una relativa calma, ma la “povertà aumenta”, insieme alla disoccupazione. La battaglia concentrata sul settore orientale, dal quale giungono “bombe ed esplosioni”. Misericordia è “non essere partecipi delle violenze” e ricostruire “una vita nuova”, ma “la pace è lontana”. 



    28/05/2016 10:15:00 SIRIA
    Attacco a Raqqa. Daesh prepara la fuga nel deserto

    Le forze kurde a 45 km dalla città. Abu Mohamad Al Adnani, portavoce dello Stato islamico, comincia a parlare di “perdita” e di “ritiro”. Soldati americani a sostegno dei kurdi irritano Ankara. Il progetto di un Kurdistan autonomo siriano.





    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Studiosi vaticani e ortodossi russi dialogano sulla storia e sulla Ostpolitik

    Vladimir Rozanskij

    Il Convegno inizia domani e continua fino al 21 giugno. Il lavoro comune si era bloccato nel 2002 per le accuse di “proselitismo” alla Chiesa cattolica russa. Clima cambiato dopo l’incontro fra Francesco e Kirill all’Avana nel 2016. I russi preferiscono parlare di missione comune verso il mondo piuttosto che di unità della Chiesa indivisa nei primi 10 secoli.


    LAOS - VATICANO
    Il primo cardinale del Laos: ‘La forza delle piccole Chiese perseguitate’

    Weena Kowitwanij

    Il 21 maggio scorso papa Francesco aveva annunciato a sorpresa la nomina. La comunità cattolica in Laos è composta da circa 50mila fedeli. “È una Chiesa bambina, che vive il primo annuncio, rivolta soprattutto ai tribali e agli animisti”. “Alcuni dei problemi più gravi sono la carenza di sacerdoti e la qualità della formazione”. “Per molti essere cardinale è un onore, per me significa aiutare il papa a risolvere i problemi”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®