21 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/06/2017, 08.53

    SIRIA - USA

    Raqqa: l’aviazione Usa abbatte un caccia siriano, disperso il pilota



    Il mezzo colpito era impegnato in una missione contro le milizie dello Stato islamico. Damasco parla di “attacco grossolano”. Secondo Washington avrebbe invece colpito soldati della coalizione arabo-curda sostenuta dagli Stati Uniti. Esercitazioni congiunte fra Iran e Cina nel Golfo Persico. 

     

    Damasco (AsiaNews/Agenzie) - La coalizione internazionale a guida Usa ha abbattuto ieri un caccia dell’esercito siriano a sud di Raqqa, nel settore orientale della Siria, teatro dell’offensiva contro la roccaforte dello Stato islamico (SI) nel Paese. È quanto affermano in un comunicato i vertici dello Stato maggiore siriano, i quali aggiungono che il pilota risulta al momento disperso. Il mezzo era impegnato in una missione di combattimento contro le milizie jihadiste. 

    In una nota rilanciata dalla televisione pubblica l’esercito fedele a Damasco parla di “attacco grossolano” che mina gli sforzi della “sola forza armata” capace di combattere “i terroristi” sul territorio. L’incidente è avvenuto in un momento in cui “l’esercito siriano e i suoi alleati hanno ottenuto progressi effettivi nella lotta contro Daesh” [acronimo arabo per lo SI]. 

    Il comando centrale americano conferma l’avvenuto abbattimento del caccia siriano, che a loro dire stava sganciando bombe contro membri delle Forze democratiche siriane (Fds), ribelli arabo-curdi (sostenuti da Washington) operativi nella regione di Resafa. Il Pentagono giustifica l’attacco definendolo “atto di autodifesa collettivo”. 

    L’Osservatorio siriano per i diritti umani (Osdh) riferisce inoltre di combattimento divampati ieri (per la prima volta) in Siria fra truppe governative ed elementi dell’alleanza arabo-curda nella provincia di Raqqa. I combattimenti si sono concentrati nella tarda serata di ieri nei villaggi di Chouwayhane e Jaaydine, a circa 40 km dalla “roccaforte” del califfato. 

    Intanto si registrano nuovi segnali di guerra nella regione: Cina e Iran hanno compiuto esercitazioni navali congiunte nello Stretto di Hormuz, nel Golfo Persico. Secondo quanto riferisce l’agenzia ufficiale Irna le manovre hanno visto impegnate una nave da guerra iraniana e due cacciatorpediniere cinesi, un mezzo per il rifornimento logistico e un elicottero. 

    Le esercitazioni congiunte fra mezzi militari di Teheran e Pechino giungono in un contesto di crescente tensione nella regione mediorientale, martoriata da sanguinosi confitti e acuita dalla recente crisi del Golfo fra Arabia Saudita e Qatar (anche se il vero obiettivo è l’Iran). La Cina ha sempre promosso una politica di non interferenza negli affari della regione, promuovendo rapporti commerciali con Riyadh e Teheran.  Due giorni fa mezzi della flotta degli Stati Uniti hanno tenuto esercitazioni navali con il Qatar.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/06/2017 08:51:00 ISRAELE - IRAN
    Razzi iraniani contro obiettivi dell’Isis in Siria. Ira di Israele

    Missili balistici della Repubblica islamica hanno colpito un centro di addestramento dello SI nella provincia di Deir Ezzor. È il primo attacco oltreconfine dalla fine della guerra con l’Iraq negli anni ’80. L’azione è una risposta ai recenti attacchi nella capitale. Netanyahu considera l’operazione una “minaccia” per lo Stato ebraico. E lancia un avvertimento a Teheran. 

     



    17/10/2017 08:59:00 SIRIA
    Raqqa, la coalizione arabo-curda strappa all’Isis la piazza usata per le esecuzioni

    Corpi decapitati e crocifissi restavano per giorni appesi a pali o lampioni. Continua l’offensiva delle Forze democratiche siriane (Fsd) nella “capitale” del Califfato. Al momento i jihadisti controllano ancora il 10% del territorio, fra cui il principale ospedale e lo stadio. La struttura è usata come carcere e deposito di armi. Per la coalizione è una cattura dell’alto valore simbolico. 

     



    07/11/2017 08:56:00 SIRIA
    Centinaia di famiglie tornano a Raqqa dopo la cacciata dell'Isis

    Sono iniziate le operazioni di rientro nella ex roccaforte jihadista in Siria. La prima fase riguarda il distretto orientale di Al-Meshleb, ripulito dagli esplosivi lasciati dai miliziani. Continuano i lavori di bonifica di case e terreni. Nei giorni scorsi morti diversi civili a causa dello scoppio di ordigni.



    07/07/2017 08:53:00 SIRIA - STATI UNITI
    Raqqa, oltre 200 civili uccisi nei raid aerei della coalizione a guida Usa contro l’Isis

    Il bilancio è riferito all’ultimo mese, dall’ingresso delle forze arabo-curde nella roccaforte del Califfato. Fra le vittime vi sono anche 38 bambini e 28 donne. Portavoce della coalizione smentisce il dato e parla di “fonti singole, non affidabili”. Decine di migliaia di civili ancora intrappolati in e usati come scudi umani. 

     



    23/10/2017 08:55:00 SIRIA - RUSSIA - USA
    Mosca: La campagna Usa contro l’Isis ha cancellato Raqqa ‘dalla faccia della terra’

    La città siriana avrebbe subito la stessa sorte di Dresda alla fine della Seconda guerra mondiale. Indagine Onu parla di “perdita sconvolgente” di vite umane fra i civili. Washington replica: minimizzato il rischio di danni collaterali. Almeno 270mila le persone sfollate, serviranno mesi per il loro rientro. 

     





    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®