19/06/2017, 08.53
SIRIA - USA

Raqqa: l’aviazione Usa abbatte un caccia siriano, disperso il pilota

Il mezzo colpito era impegnato in una missione contro le milizie dello Stato islamico. Damasco parla di “attacco grossolano”. Secondo Washington avrebbe invece colpito soldati della coalizione arabo-curda sostenuta dagli Stati Uniti. Esercitazioni congiunte fra Iran e Cina nel Golfo Persico. 

 

Damasco (AsiaNews/Agenzie) - La coalizione internazionale a guida Usa ha abbattuto ieri un caccia dell’esercito siriano a sud di Raqqa, nel settore orientale della Siria, teatro dell’offensiva contro la roccaforte dello Stato islamico (SI) nel Paese. È quanto affermano in un comunicato i vertici dello Stato maggiore siriano, i quali aggiungono che il pilota risulta al momento disperso. Il mezzo era impegnato in una missione di combattimento contro le milizie jihadiste. 

In una nota rilanciata dalla televisione pubblica l’esercito fedele a Damasco parla di “attacco grossolano” che mina gli sforzi della “sola forza armata” capace di combattere “i terroristi” sul territorio. L’incidente è avvenuto in un momento in cui “l’esercito siriano e i suoi alleati hanno ottenuto progressi effettivi nella lotta contro Daesh” [acronimo arabo per lo SI]. 

Il comando centrale americano conferma l’avvenuto abbattimento del caccia siriano, che a loro dire stava sganciando bombe contro membri delle Forze democratiche siriane (Fds), ribelli arabo-curdi (sostenuti da Washington) operativi nella regione di Resafa. Il Pentagono giustifica l’attacco definendolo “atto di autodifesa collettivo”. 

L’Osservatorio siriano per i diritti umani (Osdh) riferisce inoltre di combattimento divampati ieri (per la prima volta) in Siria fra truppe governative ed elementi dell’alleanza arabo-curda nella provincia di Raqqa. I combattimenti si sono concentrati nella tarda serata di ieri nei villaggi di Chouwayhane e Jaaydine, a circa 40 km dalla “roccaforte” del califfato. 

Intanto si registrano nuovi segnali di guerra nella regione: Cina e Iran hanno compiuto esercitazioni navali congiunte nello Stretto di Hormuz, nel Golfo Persico. Secondo quanto riferisce l’agenzia ufficiale Irna le manovre hanno visto impegnate una nave da guerra iraniana e due cacciatorpediniere cinesi, un mezzo per il rifornimento logistico e un elicottero. 

Le esercitazioni congiunte fra mezzi militari di Teheran e Pechino giungono in un contesto di crescente tensione nella regione mediorientale, martoriata da sanguinosi confitti e acuita dalla recente crisi del Golfo fra Arabia Saudita e Qatar (anche se il vero obiettivo è l’Iran). La Cina ha sempre promosso una politica di non interferenza negli affari della regione, promuovendo rapporti commerciali con Riyadh e Teheran.  Due giorni fa mezzi della flotta degli Stati Uniti hanno tenuto esercitazioni navali con il Qatar.

 

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Razzi iraniani contro obiettivi dell’Isis in Siria. Ira di Israele
20/06/2017 08:51
Raqqa, la coalizione arabo-curda strappa all’Isis la piazza usata per le esecuzioni
17/10/2017 08:59
Centinaia di famiglie tornano a Raqqa dopo la cacciata dell'Isis
07/11/2017 08:56
Raqqa, oltre 200 civili uccisi nei raid aerei della coalizione a guida Usa contro l’Isis
07/07/2017 08:53
Mosca: La campagna Usa contro l’Isis ha cancellato Raqqa ‘dalla faccia della terra’
23/10/2017 08:55