24 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 06/02/2017, 08.44

    CINA

    Richard Madsen: La Cina è un Paese religioso. L’85% ha una qualche credenza – Quarta parte



    La gente è spinta a credere dall’insicurezza sociale e politica. Molti membri del Partito comunista vivono in segreto la fede, anche se è loro vietato. Il governo enfatizza la stabilità proprio perché invece c’è una potenziale instabilità e la gente è molto preoccupata. Le considerazioni del prof. Madsen, sociologo delle religioni dell’università di San Diego.

    San Diego (AsiaNews) – In Cina, l’85% della popolazione ha una qualche credenza nel soprannaturale. Lestatistiche ufficiali parlano solo di 100 milioni di credenti. La spinta a credere in un “oltre” viene dalla vecchiaia, ma anche dall’insicurezza economica e sociale. Perfino la lotta alla corruzione di Xi Jinping spinge la gente ad affidarsi a qualche potere soprannaturale. Per questo il Partito ha messo regole ferree di divieto per i suoi quadri a praticare qualunque religione, anche da pensionati. Ma inutilmente. Queste interessanti considerazioni sono frutto del lavoro del prof. Richard Madsen, sociologo delle religioni dell’università di S. Diego (California), impegnato in una collaborazione con l’università Fudan di Shanghai e col Centro “Cina del 21mo secolo” di San Diego. Lo scorso luglio, il prof. Madsen ha partecipato a un convegno tenutosi negli Stati Uniti a San Diego sulla situazione religiosa in Cina e sulle prospettive di libertà e di impegno delle religioni nel Paese. In seguito egli ha avuto una conversazione con il vice-direttore del Centro, il prof. Samuel Tsoi, che l’università ha pubblicato come podcast (http://china.ucsd.edu/media-center/podcast.html). AsiaNews sta pubblicando a puntate la conversazione fra il prof. Madsen e Samuel Tsoi. Questa è la quarta parte. Traduzione ed editing a cura di AsiaNews.

     

    Prof. Madsen, grazie per aver fatto un quadro ampio sui vari aspetti e scene della cristianità. Dal ruolo dei pentecostali, che enfatizzano la predicazione, l’evangelizzazione, molti di questi cristiani stanno assumendo ruoli diversi, con diverse entità per poter continuare a professare la loro fede. Ora ho una domanda su… specialmente nel contesto urbano molti di questi cristiani stanno diventando molto più sofisticati e lavorano sulle loro tradizioni intellettuali di cristianesimo, pensando a come la teologia cristiana si integri con il loro patrimonio culturale cinese e i problemi che loro vedono nella società, specie in questo momento di rapido cambiamento del mondo cinese. Allo stesso tempo i membri del Pcc sono ufficialmente atei... Ci sono altri esempi di come i cristiani delle comunità urbane si stiano in qualche modo infiltrando nel Partito comunista in modo non ufficiale o qualche studio su come i leader riescano o no a bloccare l’andare dei loro membri verso il cristianesimo o altra religione?

    Beh, da quello che so, non ci sono degli studi. In ogni caso, all’inizio di quest’anno [2016] il Partito comunista cinese ha emesso nuove normative per i membri del Partito enfatizzando che essi non hanno il permesso di praticare la religione quindi c’è stata una sorta di repressione. La leadership del Partito ha emesso normative molto esplicite e questo è un fenomeno che sta andando avanti. Una cosa che ho notato è che spesso quando alcuni membri del Partito vanno in pensione, la gente inizia a invecchiare, a pensare alle ultime cose, alla morte e allora vedi persone che si avvicinano a varie forme di fede e iniziano a praticare qualche religione. Io avevo un amico che era nell’élite del Pcc e il padre era un famoso generale del partito, un rivoluzionario insieme anche alla moglie. Quando il padre è morto dieci anni fa, la madre andava al tempio tutti i giorni a pregare per lui. Questa è una cosa umana, una cosa che l’ideologia del Partito non fornisce: quando qualcuno muore, si piange e si cerca consolazione. Sono sicuro che questo tipo di cose accadano in tutto il Paese, e quindi i membri del Partito possono anche essere atei, ma possono sentire nel profondo del loro cuore un interesse per ciò che vi è “oltre” ... E infatti il fenomeno interessante - e non c’era bisogno di essere cristiani per questo – è che la gente crede in tanti aspetti misteriosi e soprannaturali. C’è una grande personalità portata in tribunale per corruzione, Zhou Yongkang. Ebbene una delle accuse verso di lui è quella di essersi consultato con un famoso indovino, Xin Jiang, e questo per capire come questo riferimento “spirituale” sia una cosa brutta per la leadership.

    In Cina perfino l’élite più alta ha a cuore la fede, e cerca di comprendere e dominare il fato e la fortuna. Il governo enfatizza la stabilità proprio perché invece c’è una potenziale instabilità e la gente è molto preoccupata. Anche i funzionari del Partito e altri sono preoccupati di essere in qualche modo accusati di corruzione, dimessi dal loro ufficio. Tutto sembra arbitrario: per questo le persone si lanciano ad avere fede, cercando di conoscere e assicurare il proprio futuro/destino. Anche nel business è così: oggi guadagni tanto, domani perdi, e allora occorre trovare la via per ridurre l’ansia e l’insicurezza, cercando qualche significato nella vita.

     Un sondaggio della Pew Research Centre ha mostrato che oggi, in Cina, almeno due terzi delle persone sono atei, la più alta percentuale (per Paese) di atei nel mondo. Ma un altro sondaggio della fondazione Yan Fan Gan dice che se si contano le religioni e le persone impegnate in riti religiosi, che pregano per malati o morti, che fanno indagini sulla fortuna, o credono nei fantasmi, … insomma tutti quelli che hanno una sensibilità religiosa, rappresentano l’85% della popolazione cinese. Naturalmente in questa percentuale vi sono anche le religioni ufficiali, la Chiesa ufficiale, ma queste sono una piccola parte. L’85% è più o meno la stessa percentuale di coloro che in America dicono di credere in Dio. La religione è pervasiva anche se non prende delle forme istituzionali.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/02/2017 10:31:00 CINA
    Richard Madsen: Il “sogno cinese” di Xi Jinping passa attraverso il controllo sulle religioni – Quinta parte

    L’idea nazionalista di Xi Jinping è vicina a quella di Donald Trump (“rendere di nuovo grande la Cina”, “rendere di nuovo grande l’America”). I fedeli delle religioni hanno possibilità di cambiare la società, ma a partire dai loro ambienti personali. Il nazionalismo cinese si scontra con la globalizzazione e i rapporti internazionali.



    03/02/2017 11:15:00 CINA
    Richard Madsen: I creativi cristiani cinesi sfuggono al controllo delle Associazioni patriottiche (Terza parte)

    Il controllo crea il contraccolpo delle comunità sotterranee. Queste sono organizzate in molti modi e non sono a priori “nemiche” del governo, anzi collaborano allo sviluppo sociale. L’aiuto delle comunità per stabilizzare i matrimoni è visto in modo positivo dallo Stato. I nuovi regolamenti sulle attività religiose varati da Xi Jinping sono forse destinati al fallimento.



    02/02/2017 12:07:00 CINA
    Richard Madsen: Cristiani cinesi perseguitati anche dal nazionalismo del Partito (Seconda parte)

    Caduta l’enfasi del marxismo leninismo, il Partito cerca di farsi accettare come il difensore della gloriosa cultura Han. Cristianesimo e islam bollati come “religioni straniere”. I legami con la Chiesa universale guardati con sospetto, come “un’alleanza per far cadere il governo cinese”. Le persecuzioni nel Zhejiang.



    01/02/2017 11:01:00 CINA
    Richard Madsen: In Cina le religioni crescono e per questo devono essere sotto controllo (Prima parte)

    Il famoso sociologo dell’università di S. Diego (California) spiega la politica del Partito comunista cinese verso le religioni. In 30 anni non è cambiato nulla. Le nuove direttive di Xi Jinping ricalcano quelle di Deng, ma con nuovi accenti nazionalisti. Cristianesimo e islam sono viste come religioni “straniere” e sospette.



    28/04/2016 11:45:00 CINA
    Xi Jinping e le religioni: il Partito le deve guidare con “efficacia” e “con la forza”

    Il prof. John Mok Chit Wai, dell’Università cinese di Hong Kong, mette in luce le intenzioni del presidente Xi verso le religioni. Nessuno spazio alle fedi, senza sottomissione al Partito. Per alcuni è l’inizio di una “Seconda Rivoluzione culturale” per decimare le religioni”.





    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®