13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/12/2017, 11.00

    BANGLADESH-VATICANO

    Rohingya dal papa: Papa Francesco mi ha mostrato compassione (video)

    Sumon Corraya

    Al termine dell’incontro con rappresentanti delle religioni a Dhaka, papa Francesco ha incontato alcuni profughi Rohingya. Per la prima volta nel suo viaggio, Francesco ha usato la parola “Rohingya”. Egli ha chiesto perdono per l’indifferenza di tutto mondo  nei loro riguardi. AsiaNews ha intervistato alcuni di loro. “È un uomo di pace. Spero che Allah ascolti le sue preghiere”.

    Dhaka (AsiaNews) – Papa Francesco ha incontrato un gruppo di 16 profughi Rohingya ieri, al termine dell’incontro interreligioso ed ecumenico, tenutosi nel giardino dell’arcivescovado di Dhaka. Ad essi, il pontefice ha chiesto perdono per l’indifferenza del mondo verso di loro e ha espresso vicinanza per la loro tragedia “molto grande”. Per la prima volta durante il suo viaggio in Myanmar e Bangladesh, il pontefice ha usato la parola “Rohingya”. In Myanmar era stato consigliato di non utilizzarla per non creare più problemi a loro e alle comunità cristiane. Ecco quanto papa Francesco ha detto ai rifugiati del Rakhine: “Cari fratelli e sorelle, noi tutti vi siamo vicini. E’ poco quello che noi possiamo fare perché la vostra tragedia è molto grande. Ma facciamo spazio nel nostro cuore. A nome di tutti, di quelli che vi perseguitano, di quelli che hanno fatto del male, soprattutto per l’indifferenza del mondo, vi chiedo perdono. Perdono. Tanti di voi mi avete detto del cuore grande del Bangladesh che vi ha accolto. Adesso io mi appello al vostro cuore grande perché sia capace di darci il perdono che chiediamo. Cari fratelli e sorelle, il racconto ebreo-cristiano della creazione dice che il Signore che è Dio ha creato l’uomo a sua immagine e somiglianza. Tutti noi siamo questa immagine. Anche questi fratelli e sorelle. Anche loro sono immagine del Dio vivente. Una tradizione delle vostre religioni dice che Dio, all’inizio, ha preso un po’ di sale e l’ha buttato nell’acqua, che era l’anima di tutti gli uomini; e ognuno di noi porta dentro un po’ del sale divino. Questi fratelli e sorelle portano dentro il sale di Dio. Cari fratelli e sorelle, soltanto facciamo vedere al mondo cosa fa l’egoismo del mondo con l’immagine di Dio. Continuiamo a far loro del bene, ad aiutarli; continuiamo a muoverci perché siano riconosciuti i loro diritti. Non chiudiamo i cuori, non guardiamo dall’altra parte. La presenza di Dio, oggi, anche si chiama ‘Rohingya’. Ognuno di noi, dia la propria risposta”.

    AsiaNews ha intervistato alcuni di questi profughi, commossi dall’incontro con il pontefice. Tutti hanno avuto l’occasione di parlare con il papa, la maggior parte in lacrime. Di fronte a loro erano sedute più di 5mila persone, fra musulmani, indù, buddisti e cristiani.

    Sawkat Ara (v. foto 2) ha 12 anni. “Ho raccontato a papa Francesco che l’esercito del Myanmar ha ucciso mio padre e madre e i miei cinque fratelli. Ora sono sola. Il papa mi ha messo le mani sul capo, mi ha mostrato compassione”.

    Mohmmon Nurulla conosce il Corano a memoria. “Il papa mi ha chiesto cosa mi sia successo, e io gli ho parlato del nostro popolo perseguitato in Myanmar. La prego, ci aiuti a fare pace nel nostro Paese”. Nurulla ha poi continuato, raccontando che papa Francesco gli ha mostrato comprensione. “Ha detto che pregherà Dio,” afferma, convinto che il pontefice possa aiutare i Rohingya. “È un uomo di pace. Spero che Allah ascolti le sue preghiere. Noi tutti invochiamo aiuto per la nostra situazione”. Nurulla ha poi guidato la preghiera, e si è commosso.

    In lacrime, Shyada Khaton dice: “Mio marito è stato ucciso dall’esercito birmano. Sono senza speranze con i miei quattro figli. Ho mangiato foglie d’albero mentre scappavamo dal Myanmar. Non scorderemo mai le sofferenze”.

    Il governo del Bangladesh ha organizzato l’incontro con l’aiuto di Caritas Bangladesh, impegnata ad aiutare i Rohingya: da due mesi nutre 70mila Rohingya e di recente ha avviato un programma di pulizia e riabilitazione.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/11/2017 06:08:00 BANGLADESH-VATICANO
    Rohingya e periferie, i temi caldi in attesa di papa Francesco a Dhaka

    Dhaka ancora spoglia di simboli per l’accoglienza del pontefice. Al centro della visita: profughi, migranti e persone rifiutate. Nei campi di Cox’s Bazar la diocesi di Chittagong pensa all’educazione dei bambini Rohingya. I rischi di un trasferimento degli sfollati a Hill Tracts, dove non esistono diritti e sviluppo. Dalla nostra inviata.



    02/09/2017 10:11:00 BANGLADESH
    Cox’s Bazar, nel campo profughi dei Rohingya. Storie di violenze e dolore (Video e Foto)

    Nella città di Ukhiya sono ammassate circa 20mila persone. Poche Ong distribuiscono cibo e tende. Sul volto e sui corpi degli sfollati, i segni delle torture subite e dell’angoscia. Un profugo: “Il Bangladesh è un Paese musulmano e quindi spero che ci dia rifugio”. Il reportage dal nostro inviato.



    28/08/2017 12:05:00 BANGLADESH – VATICANO
    Card. D’Rozario: la visita del papa a Dhaka, una conferma dell’armonia interreligiosa (Video)

    Papa Francesco si recherà in Bangladesh dal 30 novembre al 2 dicembre. I temi scelti per il viaggio sono armonia e pace. Le parrocchie hanno ricevuto indicazioni per preparare i partecipanti. Superiore Pime: “I cristiani sono la speranza del Paese, le nostre opere sono a vantaggio di tutti”.



    09/10/2017 08:48:00 BANGLADESH
    Si rovescia un’imbarcazione di profughi Rohingya: 12 morti, quasi tutti bambini

    Trasportava circa 100 persone, 40 erano adulti. Continua l’esodo della minoranza islamica dal Myanmar. Da agosto sono circa 150 i morti nel tentativo di raggiungere il Bangladesh attraverso il fiume Naf.



    28/08/2017 11:11:00 VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Papa Francesco andrà in Myanmar e in Bangladesh

    L’annuncio dato oggi dalla Sala stampa e in contemporanea a Dakha e Yangon. Dal 27 al 30 novembre Francesco visiterà Yangon e Nay Pyi Taw. Dal 30 novembre al 2 dicembre visiterà Dhaka. L’appello di ieri sulla persecuzione dei Rohingya.





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®