28 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  •    - Mongolia
  •    - Russia
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/11/2013, 00.00

    RUSSIA

    Russia, con la legge anti-estremismo aumentano le aggressioni contro Testimoni di Geova e pentecostali

    Nina Achmatova

    Esperti del centro Sova denunciano l'escalation contro minoranze religiose. Il 25 novembre si apre processo a Tagarong contro 16 TdG, accusati di estremismo per aver continuato a pregare e leggere Bibbia insieme, dopo il bando della comunità deciso dalla Corte suprema russa nel 2009.

    Mosca (AsiaNews) - Nella provincia di Rostov, nel sud della Russia, l'uso strumentale della legge contro l'estremismo per perseguitare comunità religiose di minoranza ha portato a un aumento di atteggiamenti sociali intolleranti, che colpiscono con aggressioni fisiche e verbali soprattutto i protestanti e i Testimoni di Geova. A denunciarlo sul Ezhednevni Zhurnal è un articolo a firma di Ksenia Sergazina, esperta del centro Sova, che monitora gli episodi di intolleranza in tutto il Paese.

    Nel mirino degli inquirenti continuano a esserci i Testimoni di Geova a Tagarong. Qui il prossimo 25 novembre è fissata la prima udienza del processo contro 16 dei loro membri, incriminati lo scorso aprile per aver per aver rimesso in piedi la comunità locale di questa organizzazione religiosa internazionale, bandita quattro anni fa. Nel 2009, infatti, la Corte suprema della Federazione russa ha confermato la sentenza del tribunale di Rostov, che imponeva lo scioglimento e il bando delle comunità di TdG a Taganrog, Neklinov e Matveevo-Kurgan, perché "estremiste". I difensori dei diritti umani hanno denunciato l'uso illegittimo della legge contro l'estremismo e chiesto che la Russia rispetti il diritto alla libertà religiosa.

    Ma gli appelli alle autorità non sono serviti. Anzi: senza aspettare neppure l'esito del processo, lo scorso 28 ottobre, gli organi inquirenti di Rostov sul Don hanno annunciato di aver posto sotto indagine altri cinque TdG. Ufficialmente, l'accusa è quella di "non aver rinunciato alla loro fede e di aver continuato a studiare insieme la Bibbia", nonostante il bando. Tutti e cinque hanno ora l'obbligo di non lasciare la città. Tra di loro anche una coppia di pensionati, di cui il marito - Vladimir Chesnokov - fu già perseguitato ai tempi dell'Urss per la sua fede. 

    L'articolo denuncia l'uso "strumentale" della legge volto a discriminare e perseguire le "opposizioni religiose", quelle comunità cioè che promuovono valori ritenuti non allineati a quelli tradizionali russi. In passato, sono stati ritenuti "estremisti" e quindi banditi dal Paese non solo testi dei TdG, ma anche quelli musulmani e di Scientology. Possederli, usarli per liturgie e persino citarli è stato paragonato alla partecipazione ad attività estremiste.

    Come conseguenza di questa persecuzione giudiziaria, si è assistito nel 2013 all'aumentare di aggressioni e intolleranza nei confronti di queste minoranze. Da gennaio a novembre 2013, la gran parte delle vittime è stata musulmana (31), TdG (13), pentecostale (3) e anche ortodossa (2). Cinque sono stati minacciati di morte, mentre gli altri sono stati picchiati da gente comune, polizia o personale dell'Fsb, i servizi di intelligence russi. I Testimoni di Geova sono presi di mira in modo particolare non solo nella provincia di Rostov, ma anche a Mosca, Lukhovitsy, Omsk, Yoshkar-Ola, Voronezh, Cheliabinsk e Kirov.

    L'articolo si conclude con un appello a non rimanere indifferenti davanti a questa escalation di violenza. "Si può immaginare la portata del fenomeno guardando indietro alle persecuzioni dei credenti durante l'Urss - scrive la Sergazina - nella Russia moderna la differenza è che solo certi gruppi vengono perseguitati, ma questo non deve rendere più accettabile quella che è una violazione della libertà di coscienza".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/07/2010 RUSSIA
    Rostov, su pressione degli ortodossi, negato il permesso per una chiesa ai pentecostali
    La chiesa di Cristo Salvatore doveva sorgere nel villaggio cosacco di Veshenskaia. L’avvocato dei pentecostali: Sono bastate 20 firme degli ortodossi contro una popolazione di 10 mila persone. I protestanti accusati di essere “corruttori morali”.

    18/03/2017 09:57:00 RUSSIA
    Testimoni di Geova: a rischio la loro presenza in tutta la Russia

    Il ministero di Giustizia vuole dichiarare tutte le attività del gruppo come “estremiste” e quindi proibirle in tutta la Federazione. Secondo il governo, tali attività “violano i diritti e le libertà dell’uomo e del cittadino e danneggiano le persone, l’ordine pubblico e la sicurezza nazionale”. I testi religioni dei TdG messi fruorilegge perché danno “giudizi negativi”  verso le altre religioni e perché sfuggono al servizio militare.



    16/05/2017 12:36:00 RUSSIA
    Mosca, vandalismi ed emarginazione contro i Testimoni di Geova e i loro figli

    Vetri rotti ad appartamenti dei fedeli; scritte di insulto sulle sedi in decine di province. Minacce ai figli dei TdG di espellerli da scuola se continuano a partecipare a “incontri terroristi” del gruppo religioso.



    16/12/2015 RUSSIA
    La Russia vuole perseguitare le “sette”, continuano le pressioni sui Testimoni di Geova
    Alla Duma si riflette su come dare uno status legalmente perseguibile alle sette religiose che “aumentano” nel Paese. Intanto a Taganrog condannati 16 Testimoni, in uno dei più grandi processi “anti-estremismo” degli ultimi anni.

    04/05/2017 08:26:00 RUSSIA
    L’Ortodossia russa contro i Testimoni di Geova

    Il Patriarcato di Mosca afferma la propria estraneità al provvedimento governativo, ma lo definisce “un gesto positivo”. Il bando preoccupa anche i cattolici, che temono “nuove forme di discriminazione”. La “sinfonia” russa tra il trono e l’altare riproduce schemi dei tempi sovietici. La visita delle spoglie di San Nicola in Russia come augurio di unità nella fede della Chiesa indivisa.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®