29 Luglio 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 25/07/2012
INDIA
Sacerdote dell’Assam: Come uno tsunami, la crisi umanitaria tra tribali e musulmani
di Nirmala Carvalho
Il religioso si trova a Kokajhar, dove sono esplose le violenze. Salgono a 32 le vittime, 170mila i profughi. Ma i danni più ingenti sono quelli subiti dagli indigeni Bodo: il 70% della popolazione ha perso i terreni, ma il 90% di loro vive solo di agricoltura.

Bongaigaon (AsiaNews) - "In Assam stiamo vivendo una crisi umanitaria della portata di uno tsunami": è la denuncia di un sacerdote tribale cattolico ad AsiaNews, che ha scelto la condizione di anonimato, in merito alle violenze esplose tra tribali Bodo e settlers musulmani nei distretti di Kokajhar e Chirang. Secondo le autorità, le vittime sono salite a 32, mentre ormai 170mila persone hanno abbandonato le loro case. Governo e polizia avrebbero allestito dei campi profughi per accogliere la gente in fuga e curare i feriti.

Il sacerdote è di etnia Bodo, e si trova proprio nella città di Kokrajhar per fornire sostegno e aiuti a entrambe le comunità. "La realtà delle cose - spiega - è molto, molto peggio rispetto a quanto mostrano i media locali. Le televisioni dipingono scenari di distruzione, in cui le uniche vittime sono i musulmani. Ma non è nulla rispetto a quanto stanno vivendo i tribali".

I tribali Bodo rappresentano la popolazione autoctona di queste aree dell'Assam. Oggi invece, spiega il sacerdote, "c'è uno squilibrio tra la popolazione indigena e quella islamica. Ora i tribali rappresentano una minoranza: i musulmani hanno occupato le loro terre, appropriandosene anche grazie alla connivenza delle autorità locali, relegando i Bodo in condizioni di povertà ed emarginazione".

Così, aggiunge, "circa il 70% delle famiglie tribali non ha più alcun tipo di terreno, nonostante il 90% di questa popolazione viva di agricoltura. Ma piccoli appezzamenti non possono garantire la sussistenza a tutte queste persone. Il risultato è che metà di loro soffrono la fame".

"La sofferenza della gente - racconta - è davvero intensa, i loro occhi sono disperati, senza futuro. Hanno perso tutto: case, terreni, fattorie, coltivazioni... tutto è stato saccheggiato e distrutto dai migranti musulmani. È così ovunque, anche in quelle zone dove gli islamici rappresentano una minoranza".

In questa drammatica situazione, la Chiesa cattolica ha allestito altri campi profughi. "Qui - sottolinea il sacerdote - accogliamo tutti, tribali e musulmani. Speriamo di raggiungere quante più persone possibile, e di riuscire a costruire ponti di pace e di comprensione". 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
30/07/2012 INDIA
La miseria dei tribali Bodo, vittime delle violenze in Assam
di Nirmala Carvalho
21/11/2012 INDIA
Caritas India: formiamo leader tribali e musulmani, per portare la pace in Assam
di Santosh Digal
24/10/2012 INDIA
Vescovo indiano: Aiutate i 400mila profughi dell’Assam
di Santosh Digal
24/07/2012 INDIA
Vescovo dell’Assam: Violenze insensate fra tribali e musulmani. Siamo agenti di pace
di Nirmala Carvalho
12/02/2009 INDIA
L’arcivescovo di Guwahati mediatore tra musulmani e tribali indù

In evidenza
VATICANO
Il Papa su Medio Oriente, Iraq, Ucraina: "Fermatevi, ve lo chiedo con tutto il cuore! Fermatevi!"Il ricordo dei bambini, vittime delle guerre, "ai quali si toglie la speranza di una vita degna". Affrontare "ogni diatriba con la tenacia del dialogo e del negoziato e con la forza della riconciliazione". Domani, i 100 anni dallo scoppio della Prima guerra mondiale, "un giorno di lutto". Imparare le lezioni della storia. Il Vangelo ti fa conoscere Gesù vero, vivo; ti parla al cuore e ti cambia la vita, come per san Francesco di Assisi. "La gioia di avere trovato il tesoro del Regno di Dio traspare, si vede. Il cristiano non può tenere nascosta la sua fede".
IRAQ - VATICANO
Patriarca di Baghdad: Il cuore "sanguina" per gli innocenti in lraq, Siria e Gaza. Ed è "triste" per la timidezza del mondo civilizzatoMar Louis Sako invia un messaggio al card. Barbarin, in occasione della marcia di solidarietà con i cristiani dell'Iraq, che si tiene oggi a Lione. "Non ci dimenticate!".
VATICANO
Papa: sono con i cristiani perseguitati di Mosul e del Medio Oriente"Il Dio della pace susciti in tutti un autentico desiderio di dialogo e di riconciliazione. La violenza non si vince con la violenza. La violenza si vince con la pace!". All'Angelus Francesco ha commentato la parabola del buon grano e della zizzania. Dio è "paziente", sa che "la stessa zizzania, alla fine, può diventare buon grano". Ma "al tempo della mietitura, cioè del giudizio, i mietitori eseguiranno l'ordine del padrone separando la zizzania per bruciarla".

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate