23 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/04/2017, 10.42

    IRAQ

    Sacerdote irakeno: La messa delle Palme a Karamles, nella chiesa devastata dall’Isis



    Don Paolo racconta con “entusiasmo” e “commozione” la prima celebrazione eucaristica “da tre anni” nella chiesa di Mar Addai. La cittadina della piana di Ninive è stata a lungo nelle mani dello Stato islamico, che ha devastato il luogo di culto. Previste decine di pullman e mezzi privati da Erbil per partecipare alla funzione. In programma la diretta Facebook dell’evento.

     

    Erbil (AsiaNews) - “Celebreremo la Domenica delle Palme a Karamles, una delle cittadine della piana di Ninive” occupate a lungo e devastate dallo Stato islamico (SI). La funzione si terrà “nella chiesa di Mar Addai, che abbiamo ripulito in questi giorni” (nelle foto) e “sarà trasmessa in diretta su Facebook”. È quanto racconta ad AsiaNews don Paolo Thabit Mekko, 41enne sacerdote caldeo di Mosul, che non nasconde il proprio “entusiasmo, ma anche un po’ di commozione” a pochi giorni dalla prima celebrazione nella cittadina cristiana da tre anni a questa parte. “Sarà una festa della comunità - aggiunge - che torna a riunirsi proprio alla vigilia della Pasqua. Una vera e propria risurrezione, ma anche la prima Pasqua di liberazione” da Daesh [acronimo arabo per lo SI, ex Isis].

    “Dovrei concelebrare assieme al parroco di Karamles”  racconta il sacerdote caldeo. Da Erbil, prosegue, “è prevista la partenza di almeno 10 pullman, per un numero complessivo di circa 400 persone”. Si tratta di cittadini “originari proprio di Karamles, che vivono ancora oggi nei centri di accoglienza e nelle case prese in affitto” nella capitale del Kurdistan irakeno. A questi si dovrebbero aggiungere “decine di auto private e di persone che si sposteranno con mezzi propri”.

    Don Paolo è responsabile del campo profughi “Occhi di Erbil”, alla periferia della capitale del Kurdistan irakeno, dove nel tempo hanno trovato rifugio centinaia di migliaia di cristiani (insieme a musulmani e yazidi) in seguito all’ascesa dello SI. La struttura ospita ancora oggi 140 famiglie, circa 700 persone in tutto, con 46 mini-appartamenti e un’area per la raccolta e la distribuzione di aiuti. A questo si sono aggiunti un asilo nido per i più piccoli, oltre che una scuola materna e una secondaria. Molti di questi profughi arrivano proprio da Karamles.

    “In queste ultime settimane - afferma don Paolo - molti abitanti si recano ogni giorno nella cittadina per sistemare le loro case, per cercare di rendere di nuovo abitabile l’area, anche se al momento non è possibile prevedere una data per il rientro”. A Karamles, aggiunge, “la situazione è ancora difficile. Abbiamo circa 800 case, di cui 200 sono bruciate, poi altre 90 sono andate completamente distrutte; altre centinaia sono danneggiate a vario titolo. La distruzione è dappertutto, anche se in modo e per gradi diversi”.

    Per quanto concerne la sicurezza, invece, si può affermare che ora l’area è tranquilla. “L’esercito irakeno è andato via - conferma il sacerdote caldeo - e vi sono alcuni elementi appartenenti alle milizie cristiane che restano a guardia e garantiscono la sicurezza del villaggio”. Persone, perlopiù volontari armati, che “presidiano gli ingressi” a tutela di quanti stanno ricostruendo le proprie abitazioni. Al contempo vi è un rischio, seppur minimo, di mine inesplose piantate nel terreno in periferia e per questo “bisogna essere cauti e fare attenzione”.

    La chiesa di Mar Addai è situata nella parte nord della cittadina ed è il luogo di culto più grande e moderno della zona; la costruzione dell’edificio è iniziata nel 1937 e, dopo alcuni ritardi, è stata inaugurata nel 1963. “Sarà davvero una bella festa - sottolinea don Paolo - e un’emozione forte anche a livello personale. Sono tre anni che non celebro messa su quell’altare in cui sono stato ordinato”.

    E anche per il villaggio stesso sarà una occasione di rinascita, come spiegherà il sacerdote durante l’omelia. “Come Cristo, anche il nostro villaggio è stato umiliato. Tuttavia, Egli sarà in mezzo a noi, Cristo sarà fra noi in questo villaggio. Dopo tanta sofferenza sarà una messa con un sapore davvero speciale. La celebrazione eucaristica sarà preceduta da una processione per le vie del villaggio, con canti e preghiere tradizionali che vengono recitati una volta all’anno proprio in questa occasione”.

    A Karamles vi era inoltre l’abitudine per la Pasqua di benedire le case, i giardini, le vigne. Quest’anno, anticipa don Paolo, “riprenderemo questa antica tradizione e benediremo il villaggio con i rami dei nostri ulivi”. Fra i rifugiati ancora oggi ospitati nei centri di accoglienza e nelle case di Ankawa, sobborgo cristiano di Erbil, si vive un clima di “ansia e trepidazione” in vista della festa. “Quanto ho proposto loro - rivela il sacerdote - il proposito di celebrare la messa delle Palme nella chiesa del villaggio tutti hanno risposto con entusiasmo e partecipazione. Sarà una occasione di gioia, non di tristezza e grande sarà la festa. Stiamo inoltre valutando se effettuare altre celebrazioni della Settimana Santa al villaggio, ma finora non vi sono conferme ufficiali”.

    La comunità cristiana del nord dell’Iraq vive un momento di rinnovata speranza, perché vede all’orizzonte spiragli positivi. “Ieri sono stato nella chiesa di Karamles - conclude don Paolo - con una camionetta dei pompieri, per ripulire con gli idranti le parti dell’edificio bruciate dai jihadisti (clicca qui per il filmato). Il fumo ha lasciato segni su molte parti della struttura, alcuni dei quali li abbiamo mantenuti per ricordare la tragedia vissuta. Come la croce di marmo sull’altare, bruciata”.

    La mesa della Domenica delle Palme, preceduta dalla processione, inizierà fra le 9.30 e le 10 del mattino ora locale. Al termine gli abitanti si ritroveranno all’esterno dell’edificio per un momento conviviale e di festa. Ciascuna famiglia porterà con sé cibi preparati in precedenza e bevante, che verranno condivisi fra tutta la comunità. Infine, quanti desiderano potranno seguire la cerimonia grazie a una diretta sui social network; la messa sarà trasmessa in diretta sulla pagina Facebook di don Paolo, al seguente indirizzo: https://www.facebook.com/alshabaalmasihi.alkanissa. (DS)

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/04/2017 10:08:00 IRAQ
    Ninive, una casa per parrocchia: dall’Iraq l’appello per una Pasqua di “ricostruzione”

    Don Paolo Thabit racconta le celebrazioni delle Palme a Karamles. Anche a Qaraqosh centinaia di fedeli hanno partecipato alla messa. La speranza è di “organizzare altri momenti di preghiera” con l’obiettivo di “mantenere viva la comunità”. Il dolore per le vittime cristiane in Egitto. Un appello alle parrocchie nel mondo: sostenete la ricostruzione di una casa nella piana.

     



    23/05/2017 12:26:00 IRAQ
    Ninive, rifugiati cristiani fra l’attesa del rientro e l’appello per una visita del Papa

    A Karamles, come in altre cittadine della piana, è iniziata l’opera di ricostruzione. I tempi per un ritorno sono però ancora lontani. L’attesa “nutre” il desiderio di rientrare. La convivenza con i musulmani e il radicalismo che “ha aumentato la sfiducia”. L’invito a Francesco: La sua presenza per “fortificare la Chiesa” irakena e “sentire di non essere dimenticati”.

     



    07/04/2016 10:24:00 IRAQ
    Pasqua fra i profughi di Mosul (fotogallery)


    23/03/2016 10:32:00 IRAQ
    Pasqua di solidarietà: dai profughi di Mosul alle famiglie più povere

    Don Paolo Thabit Mekko, responsabile del campo “Occhi di Erbil”, racconta la Settimana Santa. Parte della comunità ha organizzato una raccolta fondi e denaro da devolvere a famiglie cristiane e musulmane più povere. Il desiderio di rivivere tradizioni e canti dei villaggi di origine, pregando di poter tornare un giorno nelle loro case. La comunità mantiene viva la speranza.



    23/02/2017 12:53:00 IRAQ
    Da Erbil ad Alqosh: la Marcia della pace dei cristiani e musulmani

    È l’iniziativa lanciata dal patriarca caldeo per la fine delle violenze in Iraq e nel Medio oriente per la domenica delle Palme. In Quaresima Via Crucis nelle cittadine di Ninive liberate dallo Stato islamico. Una messa ha riunito 50 famiglie a Teleskof, con l’inaugurazione di una grande croce caldea su una collina della piana. Mar Sako: tempo di “conversione” per i leader regionali e mondiali; basta muri, servono ponti. 

     





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®