03 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 02/12/2005, 00.00

    Cina

    Sale a 166 il numero dei morti nella miniera dell'Heilongjiang



    Altri 5 minatori morti in una miniera illegale dell'Hebei.

    Qitaihe (AsiaNews/Scmp) – Il numero delle vittime dell'esplosione nella miniera Dongfeng a Qitaihe, nella provincia nord-orientale dell'Heilongjiang, continua a salire. Oggi le squadre di recupero hanno trovato sotto le macerie altri 2 cadaveri che portano il totale delle vittime a 166. Continuano le ricerche per i 5 minatori che il governo definisce "dispersi".

    Le autorità hanno ritirato i permessi di estrazione alla miniera, di proprietà del gigante statale Longmei Group: il gruppo, fino all'incidente, era indicato come esempio per la sicurezza sul lavoro e la produttività.

    L'esplosione di Qitaihe è uno dei più gravi incidenti minerari negli ultimi 20 anni ed il più grave dalla pubblicazione delle nuove leggi sulla sicurezza e la prevenzione sul lavoro emanate da Pechino in settembre.

    Un'altra esplosione – di cui si ha notizia solo oggi – ha ucciso mercoledì scorso 5 minatori nell'Hebei. I 5 lavoravano nella miniera illegale Xipo, a Zhangjiakou (160 chilometri a nord-ovest di Pechino). La miniera ha una produzione annua di 60 mila tonnellate di carbone, ma non rispondeva ad alcuno standard di sicurezza lavorativo.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/12/2005 cina
    Heilongjiang, salgono a 161 le vittime dell'esplosione nella miniera

    Arrestati il direttore ed il segretario locale del Partito comunista. I dirigenti minerari non avevano idea delle misure da intraprendere in caso di emergenza.



    29/11/2005 Cina
    Cina, esplosione in miniera: un disastro annunciato

    Secondo i parenti delle vittime, da tempo i minatori avevano denunciato la poca sicurezza. La miniera – di proprietà dello stato – aveva invece tutte le carte e i permessi in regola.



    10/12/2004 CINA
    Shanxi: 33 vittime nell'esplosione di una miniera


    22/08/2007 CINA
    Pechino ammette: il disastro delle miniere di Xintai "poteva essere evitato”
    Media di partito e siti web del governo ammettono che il rischio di inondazione era evidente e che i dirigenti delle miniere erano stati avvertiti, ma non hanno fatto nulla. Mentre svaniscono le residue speranze, le autorità locali si preoccupano di impedire che i parenti dei dispersi parlino “con chiunque”.

    21/08/2007 CINA
    Lo Stato aveva previsto il disastro delle miniere di Xintai
    Da giorni diversi organi ufficiali avevano indicato il rischio di inondazioni. Ci vorranno 40 giorni per pompare fuori l’acqua, mentre sono minime le speranze di salvare i 181 minatori intrappolati. Ora il governo vieta di lavorare in miniera con piogge forti, ma non spiega perché non sia stato fatto prima.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa Francesco ai giovani: L’amore “concreto”, non da telenovela, è la carta d’identità dei cristiani



    Nel Giubileo dei ragazzi e ragazze, papa Francesco pronuncia un’omelia fatta di domande e risposte ai 70mila presenti.  I grandi ideali dell’amore come dono di sé, l’affettività come “voler bene senza possedere”; la libertà come “dono di poter scegliere il bene”. “Guai a un giovane che non osa sognare. Se uno alla vostra età non sogna, se n’è già andato in pensione!”. Le offerte raccolte per l’Ucraina. L’appello per i vescovi e i sacerdoti rapiti in Siria.


    IRAN
    La strana alleanza fra gli Stati Uniti e i fondamentalisti iraniani

    Bernardo Cervellera

    Washington blocca ancora l’uso del dollaro nelle transazioni bancarie, fermando i nuovi contratti economici stabiliti dopo l’accordo sul nucleare. Gli Usa sembrano dare man forte a Khamenei e alle guardie della rivoluzione, che vogliono affossare l’accordo per mantenere il potere. La popolazione sopravvive con i doppi e tripli lavori. L’Iran instabile e bellicoso accresce la vendita di armi. Il reportage.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®