1 Novembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 02/12/2005
Cina
Sale a 166 il numero dei morti nella miniera dell'Heilongjiang

Altri 5 minatori morti in una miniera illegale dell'Hebei.



Qitaihe (AsiaNews/Scmp) – Il numero delle vittime dell'esplosione nella miniera Dongfeng a Qitaihe, nella provincia nord-orientale dell'Heilongjiang, continua a salire. Oggi le squadre di recupero hanno trovato sotto le macerie altri 2 cadaveri che portano il totale delle vittime a 166. Continuano le ricerche per i 5 minatori che il governo definisce "dispersi".

Le autorità hanno ritirato i permessi di estrazione alla miniera, di proprietà del gigante statale Longmei Group: il gruppo, fino all'incidente, era indicato come esempio per la sicurezza sul lavoro e la produttività.

L'esplosione di Qitaihe è uno dei più gravi incidenti minerari negli ultimi 20 anni ed il più grave dalla pubblicazione delle nuove leggi sulla sicurezza e la prevenzione sul lavoro emanate da Pechino in settembre.

Un'altra esplosione – di cui si ha notizia solo oggi – ha ucciso mercoledì scorso 5 minatori nell'Hebei. I 5 lavoravano nella miniera illegale Xipo, a Zhangjiakou (160 chilometri a nord-ovest di Pechino). La miniera ha una produzione annua di 60 mila tonnellate di carbone, ma non rispondeva ad alcuno standard di sicurezza lavorativo.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
01/12/2005 cina
Heilongjiang, salgono a 161 le vittime dell'esplosione nella miniera
29/11/2005 Cina
Cina, esplosione in miniera: un disastro annunciato
10/12/2004 CINA
Shanxi: 33 vittime nell'esplosione di una miniera
22/08/2007 CINA
Pechino ammette: il disastro delle miniere di Xintai "poteva essere evitato”
21/08/2007 CINA
Lo Stato aveva previsto il disastro delle miniere di Xintai

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate