3 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 02/12/2005
Cina
Sale a 166 il numero dei morti nella miniera dell'Heilongjiang

Altri 5 minatori morti in una miniera illegale dell'Hebei.



Qitaihe (AsiaNews/Scmp) – Il numero delle vittime dell'esplosione nella miniera Dongfeng a Qitaihe, nella provincia nord-orientale dell'Heilongjiang, continua a salire. Oggi le squadre di recupero hanno trovato sotto le macerie altri 2 cadaveri che portano il totale delle vittime a 166. Continuano le ricerche per i 5 minatori che il governo definisce "dispersi".

Le autorità hanno ritirato i permessi di estrazione alla miniera, di proprietà del gigante statale Longmei Group: il gruppo, fino all'incidente, era indicato come esempio per la sicurezza sul lavoro e la produttività.

L'esplosione di Qitaihe è uno dei più gravi incidenti minerari negli ultimi 20 anni ed il più grave dalla pubblicazione delle nuove leggi sulla sicurezza e la prevenzione sul lavoro emanate da Pechino in settembre.

Un'altra esplosione – di cui si ha notizia solo oggi – ha ucciso mercoledì scorso 5 minatori nell'Hebei. I 5 lavoravano nella miniera illegale Xipo, a Zhangjiakou (160 chilometri a nord-ovest di Pechino). La miniera ha una produzione annua di 60 mila tonnellate di carbone, ma non rispondeva ad alcuno standard di sicurezza lavorativo.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
01/12/2005 cina
Heilongjiang, salgono a 161 le vittime dell'esplosione nella miniera
29/11/2005 Cina
Cina, esplosione in miniera: un disastro annunciato
10/12/2004 CINA
Shanxi: 33 vittime nell'esplosione di una miniera
22/08/2007 CINA
Pechino ammette: il disastro delle miniere di Xintai "poteva essere evitato”
21/08/2007 CINA
Lo Stato aveva previsto il disastro delle miniere di Xintai

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate