11 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/01/2013, 00.00

    GIAPPONE – CINA – USA

    Senkaku/Diaoyu: la “guerra fredda” per le isole si combatte in aria



    Giappone e Cina non sembrano intenzionate a cedere sulla questione della sovranità dell’arcipelago conteso. Pechino manda i propri ricercatori insieme ai militari, Tokyo risponde con un’esercitazione militare congiunta insieme agli Stati Uniti.

    Tokyo (AsiaNews/Agenzie) - La tensione fra Tokyo e Pechino per il possesso delle isole del Mar cinese meridionale ha oramai assunto i toni da guerra fredda. La Cina ha avvertito che il tentativo giapponese di accerchiarla "è fallito e continuerà a fallire" e ha annunciato una serie di ricerche geografiche "per salvaguardare i diritti marittimi dell'area". Il Giappone da parte sua ha risposto alzando i propri aerei militari insieme a quelli americani, anche se per ora è solo un'esercitazione lontana dalla zona calda.

    I jet da combattimenti di Stati Uniti e Giappone hanno infatti iniziato una serie di esercitazioni congiunte che dureranno per 5 giorni nella zona sud-occidentale dell'arcipelago nipponico. Fra i partecipanti vi sono 6 bombardieri US FA-18 e 4 jet F-4 dell'aviazione del Sol Levante: in totale le esercitazioni impiegheranno 90 soldati americani e un numero imprecisato di colleghi giapponesi.

    La decisione di condurre esercitazioni militari congiunte arriva a poche settimane dall'elezione di Shinzo Abe, il nuovo premier nipponico considerato un "falco" in politica estera ed economia. Abe ha improntato la propria campagna elettorale su una politica di durezza nei confronti della Cina e ha affermato più volte che la sovranità sulle isole contestate "non è in discussioni". Secondo fonti della Difesa di Tokyo, starebbe persino considerando la possibilità di concedere alla sua aviazione l'autorizzazione a sparare su "chiunque" violi il territorio (compresi aria e acqua) nazionale.

    Negli ultimi mesi Cina e Giappone hanno alzato in maniera considerevole il tono del confronto. Diverse navi cinesi hanno attraversato le acque dell'arcipelago - anche se Pechino ha definito queste provocazioni "attività patriottiche" - e i due eserciti si sono sfidati sulle rotte aeree in almeno 3 occasioni. Per ora non sono stati sparati colpi, anche se analisti di entrambe le nazioni sottolineano che i propri militari "non si tireranno mai indietro".

    Le isole, note come Diaoyu in cinese e Senkaku in giapponese, sono al centro di una diatriba internazionale che dura da diversi anni. Dopo una serie di rivendicazioni reciproche, il governo giapponese ha acquistato le isolette da un privato che ne deteneva il possesso: per la Cina questo atto rappresenta "una provocazione". La tensione si è innalzata il 13 dicembre scorso, quanto Tokyo ha inviato alcuni caccia, dopo che un aereo cinese è entrato nello spazio aereo delle isole, per la prima volta dal 1958.

    Il valore dell'arcipelago non è chiaro. Si pensa che esso abbia anzitutto un'importanza strategica, trovandosi sulla rotta delle più importanti vie marittime; altri affermano che oltre alle acque ricche di pesca, nel sottofondo marino vi siano sterminati giacimenti di gas. Nel 2008, come gesto di distensione, i due governi hanno firmato un accordo per lo sfruttamento e la ricerca congiunti nell'arcipelago, che tuttavia è rimasto lettera morta.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/08/2012 CINA – GIAPPONE – STATI UNITI
    Pechino contro Washington: “Basta con la tensione nelle Diaoyu”
    La Cina accusa gli Stati Uniti di sostenere il Giappone nella questione della sovranità delle isole: la prova sarebbe fornita dalle esercitazioni militari congiunte fra Tokyo e Washington, in programma da mesi e iniziate ieri. Un editoriale della Xinhua attacca: “In questo modo, mettete a rischio la pace nell’area”.

    07/10/2016 10:15:00 CINA
    La maggioranza dei cinesi si sente minacciata dalle potenze straniere

    Il Pew Research Center mostra che il 75% dei cinesi teme le potenze occidentali. Il 77% chiede al governo di tutelare il proprio stile di vita e occuparsi dei problemi interni del Paese.



    05/02/2013 CINA – GIAPPONE – COREA
    Pechino e Tokyo non mollano: si avvicina un conflitto aperto
    Dopo l’ennesima provocazione militare cinese, navi nelle acque contese delle Senkaku/Diaoyu, il governo nipponico convoca l’ambasciatore di Pechino. E il primo ministro Shinzo Abe avverte: “Difenderemo il Paese da ogni minaccia”. Nel frattempo, venti di guerra anche sulla penisola coreana, con Seoul che avverte l’Onu: “Imminente un nuovo test atomico di Pyongyang”.

    06/10/2016 11:05:00 ASIA-CINA
    Pechino annuncia con forza una “nuova guerra fredda”

    Un nuovo assetto geopolitico sembra prendere forma nella regione dell’Asia-Pacifico. Da una parte vi è Cina, Russia, Nordcorea; dall’altra gli Stati Uniti con Corea, Giappone e Paesi del Sud-est asiatico.Pechino prova a strappare alleanze ai Paesi vicini usando anche l’arma dei benefici economici. Ma molti Paesi della regione temono proprio la potenza crescente della Cina. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.



    09/07/2013 GIAPPONE – CINA
    Senkaku/Diaoyu, Tokyo accusa: Atteggiamenti violenti da parte cinese
    Il Rapporto sulla difesa approvato nella notte dal governo di Shinzo Abe rischia di riaccendere lo scontro fra Cina e Giappone per la sovranità sull’arcipelago. Pechino “deve piegarsi alle norme internazionali e smetterla con le provocazioni”.



    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®