30 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 27/06/2012
COREA DEL SUD
Seoul, si insedia il nuovo arcivescovo: “Aiutatemi tutti a portare avanti la mia missione”
di Joseph Yun Li-sun
Con una messa solenne mons. Andrea Yeom Soo-jung diventa il 14esimo metropolita della capitale coreana. Venerdì riceverà il pallio da Benedetto XVI. Ai fedeli il nuovo pastore chiede “aiuto per portare avanti le grandi sfide che la Chiesa ha di fronte: combatteremo sempre per la vita umana e per la riunificazione della Corea”. Il presule vuole inoltre trasformare in un sito di pellegrinaggio il luogo dove vennero uccisi i primi martiri coreani, fra cui alcuni suoi avi diretti.

Seoul (AsiaNews) - Migliaia di fedeli, sacerdoti e consacrati si sono stretti intorno al nuovo arcivescovo di Seoul, mons. Andrea Yeom Soo-jung, che con una messa solenne è divenuto il 14esimo metropolita della capitale coreana. Il nuovo arcivescovo prende il posto del card. Nicholas Cheong Jin-suk, che il prossimo 29 giugno saluterà la comunità cattolica con una messa solenne nella cattedrale di Myeongdong. Subito dopo la celebrazione mons. Yeom è partito per Roma dove, nella festività dei santi Pietro e Paolo, riceverà il pallio da Benedetto XVI.

Nel corso della sua omelia, il nuovo pastore ha dichiarato di "sentire tutta la responsabilità di questo incarico, guidare la diocesi più grande del Paese. Chiedo aiuto a tutti voi per portare avanti questa missione". Subito dopo ha voluto chiarire le sfide più grandi del suo compito: "Dobbiamo mantenere al primo posto nella società la vita umana. La Chiesa combatterà per questo senza alcun compromesso".

Ma dopo la vita umana, per un vescovo coreano, viene l'unità del proprio Paese. L'arcivescovo Yeom ha voluto che la sua messa di ingresso fosse celebrata il 25 giugno - 62esimo anniversario dell'inizio della Guerra di Corea - e ha chiesto a tutti di "pregare per la riunificazione delle due Coree, uno scopo che accomuna entrambi i popoli". Nella gerarchia cattolica, l'arcivescovo di Seoul è anche Amministratore apostolico di Pyongyang.

Alla messa erano presenti il cardinal Cheong, il ministro coreano della Cultura Choe Kwang-shik, mons. Osvaldo Padilla e diversi leader politici fra cui Sohn Hak-kyu, Kang Ki-gap e il governatore di Gyeonggi, Kim Moon-soo. Il 27 % della popolazione di Seoul è di fede cattolica, e stampa e politica sono sempre più interessati al mondo della Chiesa: in Corea del Sud il 10,3 % della popolazione (più di 5 milioni di persone) è cattolica e il Paese si conferma ogni anno come uno dei più attivi nel campo dell'apostolato e dell'impegno sociale dei fedeli.

Mons. Yeom, 68 anni, ha scelto come motto episcopale "Amen, Veni Domine Jesu" per sottolineare la sua "sottomissione totale alle decisioni del Signore". Il prelato è noto per la sua vicinanza ai giovani sacerdoti: ha lanciato il "KaKao Talk", un programma diocesano in cui i sacerdoti più anziani si accostano ai neo-ordinati per sostenerli nel cammino, e gioca con loro a tennis una volta al mese.

L'arcivescovo, che proviene da una famiglia di cattolici della prima ora in Corea, è impegnato in modo particolare anche per ottenere dal governo la concessione dell'area Seosomun, nel centro di Seoul, che dovrebbe presto divenire un luogo di pellegrinaggio. Qui, nella tarda era Joseon (1800 circa), vennero martirizzati diversi cattolici: fra questi anche due avi diretti di mons. Yeom - Yeom Seok-tae e la moglie Maria Kim - che vennero arrestati e condannati a morte nel 1850. Il nuovo pastore della capitale intende preservare la memoria dei martiri e rilanciarne il culto.

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
13/01/2014 COREA DEL SUD - VATICANO
Arcivescovo di Seoul: La nomina a cardinale mi spinge a fare di più per i poveri
di Joseph Yun Li-sun
28/08/2013 COREA DEL SUD
Seoul, le “rotte dei martiri” per rilanciare la fede e il rapporto con Dio
di Joseph Yun Li-sun
21/05/2014 COREA
Il card. Yeom va al Nord: Solo una visita pastorale, il viaggio del Papa non c'entra
10/03/2014 COREA DEL SUD
Card. Yeom: La Quaresima, momento di nuova speranza per l'uomo
di Stephany Sun*
21/02/2014 COREA DEL SUD
La Corea ricorda il cardinal Kim, "protettore di tutto il Paese"
di Pietro Kim Jaedeok

In evidenza
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.
LIBANO
Dalle Makassed islamiche una lotta dottrinale contro l’estremismo musulmano
di Fady NounL’organismo di riferimento ufficiale dei sunniti del Libano ha approvato un documento intitolato “Dichiarazione di Beirut sulla libertà religiosa”. Ci si chiede se Dar el-Fatwa riuscirà a riprendere progressivamente il controllo dell’insegnamento religioso musulmano nelle moschee del Paese.
HONG KONG - CINA
Card. Zen: Rimuovere le croci nel Zhejiang è insultare la fede dei cattoliciIl vescovo emerito di Hong Kong valuta che la campagna di distruzione delle croci e degli edifici religiosi sia ormai una direttiva a livello nazionale e una “regressione” della politica religiosa della Cina. Cattolici e protestanti di Hong Kong: Potrebbe succedere anche da noi. Entro il primo settembre saranno distrutti altri 15 edifici sacri “illegali” nel Zhejiang.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate