27 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 27/06/2012
COREA DEL SUD
Seoul, si insedia il nuovo arcivescovo: “Aiutatemi tutti a portare avanti la mia missione”
di Joseph Yun Li-sun
Con una messa solenne mons. Andrea Yeom Soo-jung diventa il 14esimo metropolita della capitale coreana. Venerdì riceverà il pallio da Benedetto XVI. Ai fedeli il nuovo pastore chiede “aiuto per portare avanti le grandi sfide che la Chiesa ha di fronte: combatteremo sempre per la vita umana e per la riunificazione della Corea”. Il presule vuole inoltre trasformare in un sito di pellegrinaggio il luogo dove vennero uccisi i primi martiri coreani, fra cui alcuni suoi avi diretti.

Seoul (AsiaNews) - Migliaia di fedeli, sacerdoti e consacrati si sono stretti intorno al nuovo arcivescovo di Seoul, mons. Andrea Yeom Soo-jung, che con una messa solenne è divenuto il 14esimo metropolita della capitale coreana. Il nuovo arcivescovo prende il posto del card. Nicholas Cheong Jin-suk, che il prossimo 29 giugno saluterà la comunità cattolica con una messa solenne nella cattedrale di Myeongdong. Subito dopo la celebrazione mons. Yeom è partito per Roma dove, nella festività dei santi Pietro e Paolo, riceverà il pallio da Benedetto XVI.

Nel corso della sua omelia, il nuovo pastore ha dichiarato di "sentire tutta la responsabilità di questo incarico, guidare la diocesi più grande del Paese. Chiedo aiuto a tutti voi per portare avanti questa missione". Subito dopo ha voluto chiarire le sfide più grandi del suo compito: "Dobbiamo mantenere al primo posto nella società la vita umana. La Chiesa combatterà per questo senza alcun compromesso".

Ma dopo la vita umana, per un vescovo coreano, viene l'unità del proprio Paese. L'arcivescovo Yeom ha voluto che la sua messa di ingresso fosse celebrata il 25 giugno - 62esimo anniversario dell'inizio della Guerra di Corea - e ha chiesto a tutti di "pregare per la riunificazione delle due Coree, uno scopo che accomuna entrambi i popoli". Nella gerarchia cattolica, l'arcivescovo di Seoul è anche Amministratore apostolico di Pyongyang.

Alla messa erano presenti il cardinal Cheong, il ministro coreano della Cultura Choe Kwang-shik, mons. Osvaldo Padilla e diversi leader politici fra cui Sohn Hak-kyu, Kang Ki-gap e il governatore di Gyeonggi, Kim Moon-soo. Il 27 % della popolazione di Seoul è di fede cattolica, e stampa e politica sono sempre più interessati al mondo della Chiesa: in Corea del Sud il 10,3 % della popolazione (più di 5 milioni di persone) è cattolica e il Paese si conferma ogni anno come uno dei più attivi nel campo dell'apostolato e dell'impegno sociale dei fedeli.

Mons. Yeom, 68 anni, ha scelto come motto episcopale "Amen, Veni Domine Jesu" per sottolineare la sua "sottomissione totale alle decisioni del Signore". Il prelato è noto per la sua vicinanza ai giovani sacerdoti: ha lanciato il "KaKao Talk", un programma diocesano in cui i sacerdoti più anziani si accostano ai neo-ordinati per sostenerli nel cammino, e gioca con loro a tennis una volta al mese.

L'arcivescovo, che proviene da una famiglia di cattolici della prima ora in Corea, è impegnato in modo particolare anche per ottenere dal governo la concessione dell'area Seosomun, nel centro di Seoul, che dovrebbe presto divenire un luogo di pellegrinaggio. Qui, nella tarda era Joseon (1800 circa), vennero martirizzati diversi cattolici: fra questi anche due avi diretti di mons. Yeom - Yeom Seok-tae e la moglie Maria Kim - che vennero arrestati e condannati a morte nel 1850. Il nuovo pastore della capitale intende preservare la memoria dei martiri e rilanciarne il culto.

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
13/01/2014 COREA DEL SUD - VATICANO
Arcivescovo di Seoul: La nomina a cardinale mi spinge a fare di più per i poveri
di Joseph Yun Li-sun
28/08/2013 COREA DEL SUD
Seoul, le “rotte dei martiri” per rilanciare la fede e il rapporto con Dio
di Joseph Yun Li-sun
21/05/2014 COREA
Il card. Yeom va al Nord: Solo una visita pastorale, il viaggio del Papa non c'entra
10/03/2014 COREA DEL SUD
Card. Yeom: La Quaresima, momento di nuova speranza per l'uomo
di Stephany Sun*
21/02/2014 COREA DEL SUD
La Corea ricorda il cardinal Kim, "protettore di tutto il Paese"
di Pietro Kim Jaedeok

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate