27 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 16/11/2015, 00.00

    CINA

    Shanxi, sacerdote della Chiesa sotterranea muore in circostanze sospette



    P. Pietro Wei Heping è stato ritrovato morto in un fiume. La polizia parla di suicidio, ma i suoi conoscenti escludono questa pista. Ordinato nel 2004, aveva un grade fascino sui giovani e aveva fondato un seminario sotterraneo, con insegnanti molto qualificati.

    Taiyuan (AsiaNews/CKF) – Padre Pietro Wei Heping (v. foto), sacerdote della comunità sotterranea è morto in circostanze sospette lo scorso 6 novembre. Il suo corpo è stato trovato in un fiume nella città di Taiyuan (Shanxi). La notizia è stata diffusa due giorni fa dalla Cardinal Kung Foundation, la quale afferma che le autorità hanno chiuso il caso dicendo che il sacerdote si è suicidato.

    Ma amici e persone che conoscevano il prete escludono che p. Wei abbia potuto anche solo pensare al suicidio. Per questo la Kung Foundation domanda alle autorità di aprire un’inchiesta e pubblicare “in modo veritiero e veloce” i risultati.

    Nato il 24 dicembre 1974 da una famiglia cattolica dello Shanxi, p. Wei era entrato nel seminario nel 1993 e poi inviato in Europa per approfondire gli studi con una licenza in diritto canonico. È stato ordinato sacerdote della Chiesa clandestina nel 2004.

    P. Wei parlava correntemente almeno due lingue europee ed ha lavorato con intensità per incrementare le vocazioni nelle comunità sotterranee, esercitando un grande fascino sui giovani. Dopo il suo ritorno in Cina, nel 2007, egli si è dedicato al lavoro pastorale, specie nelle zone più povere e abbandonate della sua regione. Ha predicato molti ritiri ed esercizi spirituali a conventi e seminari sotterranei. Aveva anche fondato un seminario sotterraneo, i cui insegnanti erano sacerdoti che avevano studiato all’estero. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/02/2006 cina
    Arrestati due sacerdoti sotterranei nell'Hebei

    Nella regione è in atto una dura campagna dell'Associazione patriottica. Uno dei due catturati svolge le funzioni di vicario episcopale; non si sa dove è stato portato.



    11/02/2011 VIETNAM
    Il Vietnam ha bisogno di buoni preti, capaci di portare avanti l’opera missionaria
    La formazione del clero è sempre stata una priorità della Chiesa del Paese ed è stata portata avanti, a volte con creatività, in tutte le situazioni sociali. Oggi anche i non cattolici riconoscono e apprezzano il lavoro di sacrdoti e suore per l’aiuto di orfani, anziani, poveri e malati.

    24/03/2010 CINA - VATICANO
    Arrestato un altro sacerdote sotterraneo nel Fujian
    Ha organizzato un campo per 300 universitari. Con lui, incriminati altri sette sacerdoti. Uno di essi, p. Luo, è stato detenuto per 15 giorni e poi rilasciato. Altri due attendono di essere arrestati. Decine di sacerdoti sono in prigione o nei campi di lavoro forzato; tre vescovi sono scomparsi da anni nelle mani della polizia. Oggi si conclude l’incontro della Commissione vaticana sulla Chiesa in Cina.

    09/03/2005 CINA – VATICANO
    Si diffonde in Europa e America la campagna per liberare vescovi e preti prigionieri in Cina

    L'appoggio del card. Shan; dell'on. Mario Mauro, vice-presidente del parlamento Europeo, e di molti siti cattolici, ortodossi e protestanti.



    11/09/2004 VATICANO - CINA
    Santa Sede: Pechino liberi sacerdoti, vescovi e seminaristi arrestati
    Il direttore della Sala stampa annuncia la morte di mons. Gao Kexian, vescovo di Yantai,  in prigione dal '99.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®