28 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 25/02/2015, 00.00

    SIRIA

    Siria: 150 cristiani rapiti dallo Stato islamico, donne stuprate e uccise. Vicario di Aleppo: “situazione drammatica”



    Nuove, terribili testimonianze dall’area teatro dell’offensiva jihadista. Centinaia di fedeli nelle mani dei terroristi, fra cui anziani e bambini. Nunzio apostolico a Damasco: “Percezione di abbandono, sangue ovunque, sofferenza trasversale che colpisce tutti”. Il vicario apostolico di Aleppo parla di "inutile guerra al terrorismo: basta vendere armi, non comprate il loro petrolio".

    Damasco (AsiaNews) - "Si parla di oltre 90 fedeli rapiti, ma secondo alcuni il numero ancora più grande, forse 150; una chiesa è stata distrutta, almeno tre villaggi di rito assiro sono stati occupati, la gente è dovuta scappare. Non abbiamo ancora notizie esatte, ma dalle prime testimonianze la situazione è drammatica". È quanto afferma ad AsiaNews il vicario apostolico di Aleppo dei Latini, mons. Georges Abou Khazen, commentando l'attacco sferrato il 23 febbraio scorso dallo Stato islamico contro alcuni villaggi cristiani assiri nel nord-est della Siria. Colpiti numerosi centri fra cui Tel Tamar, Tel Shamiran, Tel Hermuz, Tel Goran e Tel Khareta. Testimoni riferiscono che una donna sarebbe stata prima violentata, poi uccisa dai jihadisti ma non vi sono al momento conferme ufficiali. Il Nunzio apostolico a Damasco mons. Mario Zenari sottolinea che "fra i cristiani regna una percezione di abbandono" di fronte a una "sofferenza trasversale, che colpisce tutti". 

    Per il presidente del Consiglio Nazionale Siriaco, Bassam Ishak, il numero aggiornato dei cristiani sequestrato è di almeno 150, molti più dei 90 ipotizzati in un primo momento. L'attacco ha interessato il governatorato nord-orientale di Al-Hasakah, in un'area abitata da antiche comunità cristiane assire che da secoli vivono nella zona. I miliziani dello Stato islamico avrebbero anche iniziato ad uccidere alcuni ostaggi.

    Una fonte locale, che chiede l'anonimato per motivi di sicurezza, afferma che "i jihadisti hanno prelevato moltissime persone, fra cui donne, anziani e bambini... Hanno bruciato le loro abitazioni, anche anche dato alle fiamme una chiesa". Sarebbero "almeno sei" le persone uccise, i terroristi "hanno anche violentato una donna, prima di ucciderla". 

    Il Consiglio militare siriaco, organizzazione paramilitare cristiana, spiega che l'attacco ai villaggi cristiani sarebbe una vendetta da collegare alla sconfitta subita a Kobane e in altri villaggi della zona, teatro di un'offensiva dei Peshmerga e di raid aerei della coalizione internazionale. Una tesi condivisa dal Nunzio apostolico a Damasco che, interpellato da AsiaNews, sottolinea: "Sono calati dalle montagne verso le tre del mattino del 23 febbraio e hanno preso una zona abitata in gran parte da assiro-nestoriani". Per mons. Zenari era "un'area a rischio", perché "già 4 o 5 mesi fa ho ricevuto un sms dal vescovo di Hassaké, in cui diceva che il pericolo di una invasione dei jihadisti era elevato". Cacciati da Kobane, aggiunge il prelato, "si sono riversati su questi villaggi, per prendere altro terreno". 

    I cristiani vivono una "percezione di abbandono", conferma il nunzio apostolico, ma le sofferenze "riguardano tutti i gruppi, vedo sangue ormai dappertutto: nelle città, nei quartieri, il deserto ormai ha cambiato colore, non è più giallo oro ma rosso sangue". Il prelato auspica che "prima o poi la ragione possa prevalere" e "la guerra finisca, deve finire", anche se al momento "siamo ancora in pieno inverno, altro che primavera araba". 

    Il vicario apostolico di Aleppo si rivolge all'Occidente e alla comunità internazionale affermando con forza che "l'intervento militare contro lo Stato islamico non è la via giusta" per risolvere la crisi e restituire pace e sicurezza alla Siria e all'Iraq. "Non ho mai creduto nella guerra - precisa - perché essa crea ancora più odio e divisioni". L'Occidente, prosegue il prelato, dice di combattere questi gruppi "ma li aiuta dall'altra parte. Chi compra il loro petrolio, chi vende loro le armi, chi è coinvolto nel traffico di reperti archeologici, di beni antichi di inestimabile valore?". Mons. Georges Abou Khazen vede molta "ipocrisia" nella lotta ai terroristi, "che non si risolverà certo con le bombe, ma smettendola di finanziarli a livello economico e militare. Quello che chiediamo è di non aiutare questa gente, non vendere loro le armi, lo diciamo da tempo ma nessuno ci ascolta". 

    Il prelato ricorda inoltre che la comunità assira sotto attacco vive "da migliaia di anni nella zona, con le proprie tradizioni e riti antichissimi. Li hanno sradicati senza difesa alcuna. Si fanno campagne per salvare gli animali in via di estinzione, per lasciarli nel loro habitat - accusa - e per noi cosa si sta facendo davvero?". Fra i fedeli c'è un sentimento di paura, conferma mons. Georges, "tanti vogliono scappare ed è un segnale molto pericoloso. Svuotare queste terre del cristianesimo è una disgrazia per tutti quanti. Forse si vuole dar vita a un altro Afghanistan, nelle mani dei nuovi talebani". Questa è la nostra lettura, conclude il prelato, vogliono "svuotare il Medio oriente dei cristiani e creare molti piccoli Stati confessionali. Noi cristiani siamo gli unici sparsi per tutto il territorio di Siria e Iraq, siamo il solo elemento che difende l'unità del Paese e mantiene vivo il valore del pluralismo... un elemento che vogliono sempre più distruggere".(DS)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/02/2015 SIRIA
    Siria, mons. Audo: falsa la notizia dell’uccisione di 15 cristiani rapiti, incerta la loro sorte
    L’arcivescovo caldeo di Aleppo ha contattato il vicario di Hassaké e smentisce le voci sulle esecuzioni degli ostaggi da parte dello Stato islamico. Il nunzio apostolico a Damasco rinnova l’invito alla prudenza “perché è difficile avere notizie precise”. Resta incerta la sorte e il numero dei cristiani rapiti dai jihadisti.

    26/02/2015 SIRIA
    Oltre 250 i cristiani nelle mani dello Stato islamico. Vicario di Aleppo: preghiere del Papa fonte di coraggio
    Papa Francesco segue con attenzione la situazione in Siria e prega per la minoranza cristiana. Per mons. Georges Abou Khazen la vicinanza del pontefice è “di grande consolazione e aiuto”. La strada della pace “è lunga, ma la sola possibile”. Almeno 5mila cristiani in fuga dagli islamisti. Il Consiglio di sicurezza Onu condanna il sequestro.

    24/02/2015 SIRIA
    Siria: lo Stato islamico attacca villaggi cristiani nel nord-est, rapite decine di persone
    Fonti della nunziatura apostolica contattate da AsiaNews confermano che “sono in corso verifiche”. Decine di automezzi con l’effige dello SI hanno fatto irruzione nei villaggi, distrutto chiese e sequestrato uomini, donne e bambini. Dietro il blitz il tentativo dei miliziani di scambiare i prigionieri cristiani con combattenti nelle mani dei curdi.

    13/03/2015 SIRIA
    Nunzio a Damasco: nessuna novità sui cristiani rapiti, ma “fiducioso” per un esito positivo
    Interpellato da AsiaNews mons. Zenari riferisce che circa 200 fedeli restano nelle mani dello Stato islamico. Il rammarico per una liberazione sfumata all’ultimo, a causa di una imboscata che ha costretto i jihadisti alla ritirata. Per il prelato vi è ancora la “buona volontà per trovare una soluzione”.

    09/03/2015 SIRIA
    Nunzio a Damasco: liberate senza riscatto le 52 famiglie cristiane rapite dallo Stato islamico
    Gli ostaggi, parte del gruppo di 250 persone sequestrate dai jihadisti, sono stati rilasciati e non risultano pagamenti in denaro. Nelle mani dei miliziani vi sarebbero ancora 16 persone, otto cristiani e otto curdi. Mons. Zenari: “Usati come scudi umani”. Ieri giornata di combattimenti a Damasco e Aleppo.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®