21 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 14/07/2016, 08.46

    GIAPPONE

    Tokyo, l’imperatore vuole abdicare ma “non ha problemi di salute”



    Il Trono del crisantemo rappresenta la dinastia monastica più longeva al mondo. L’attuale sovrano, 82 anni, avrebbe espresso l’intenzione di lasciare. Gli esperti sottolineano la necessità di cambiare la legge della Casa imperiale, che non prevede questa eventualità. Akihito è il primo sovrano nipponico a non avere “prerogative divine”, cui rinunciò il padre Hirohito dopo la resa del Giappone nel 1945.

    Tokyo (AsiaNews) – L’imperatore giapponese Akihito ha intenzione di abdicare “nel giro di pochi anni” e lasciare così il trono al figlio Naruhito. Lo rivela una televisione nipponica, secondo la quale la decisione del sovrano è stata presa “molto tempo fa”. Non ci sarebbero problemi di salute nascosti, ma soltanto il desiderio di passare la mano dati gli imponenti impegni della carica.

    È la prima volta in due secoli che un monarca del Sol Levante nell’esercizio delle sue funzioni vuole lasciare. Tuttavia la gran parte dei 124 imperatori che hanno occupato il Trono del crisantemo ha lasciato la carica ancora in vita. L’attuale sovrano ha 82 anni e regna da 27 anni. Le dimissioni non sono previste dalla legge della Casa imperiale che, per questo, sarà presto revisionata.

    L’abdicazione venne abolita nel periodo Meiji, tra il 1868 e il 1912, quando nel Paese tornò in prima fila la figura dell’imperatore dopo secoli di controllo degli Shogun. Akihito è salito al trono il 7 gennaio del 1989, alla morte del padre Hirohito, ed è stato il primo sovrano ad accedere al trono imperiale nel paese del Sol Levante dopo il secondo conflitto mondiale senza godere di prerogative “divine”, in seguito alla rinuncia fatta dal padre nella celebre ’Dichiarazione della natura umana dell’imperatore’. Questa venne “sollecitata” dalla sconfitta del Giappone nella II Guerra mondiale.

    In base a quella notifica venne promulgata la costituzione pacifista adottata nel 1947, in cui si stabiliva che l’imperatore rappresenta “il simbolo dello stato e dell’unità del popolo nipponico”. Nel dopoguerra Akihito si recò in visita in Europa e negli Stati Uniti, e nel 1953 partecipò all’incoronazione della regina di Inghilterra Elisabetta II, in sostituzione del padre. Nel 1959 fu il primo principe ereditario a sposare una cittadina comune, Michiko Shoda, e nel 1992 divenne il primo imperatore giapponese a visitare la Cina.

    Il primo in linea di successione al trono è il figlio primogenito 56enne, il principe ereditario Naruhito, sposato con la principessa Masako. Secondo la tradizione Akihito è il 125esimo imperatore in una linea ereditaria che ebbe inizio con il primo monarca Jinmu, nel 660 a.C. Le cronistorie narrano come la successione al trono abbia avuto origine intorno al quinto secolo, rendendo quella nipponica la più antica delle monarchie ereditarie attualmente in funzione.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/08/2016 11:22:00 GIAPPONE
    Tokyo, l’imperatore pronto ad abdicare: Sempre più difficile svolgere i miei doveri

    Akihito parla alla televisione di Stato, non pronuncia mai il termine “dimissioni” ma spiega: “Sono anziano e i miei compiti sono pesanti, temo di non poterli più adempiere al meglio”. La popolazione lo sostiene, ma i giuristi ritengono “pericolosa” la possibilità di lasciare il trono del Crisantemo.



    19/05/2017 08:41:00 GIAPPONE
    Il governo approva la legge per l’abdicazione dell’imperatore Akihito

    La legge potrà essere usata solo per il presente imperatore. Con ogni probabilità sarà approvata dal parlamento entro la fine di giugno. Si prevede che la nuova era di Naruhito inizierà con il 2019. La famiglia imperiale ha pochi membri e pochi figli maschi.



    24/01/2017 11:50:00 GIAPPONE
    Verso una legge speciale per autorizzare l’Imperatore ad abdicare

    L’ultima abdicazione nella storia del Paese è avvenuta più di 200 anni fa. Il desiderio dell’imperatore e il vuoto legislativo in materia. Le indicazioni della Commissione istituita per deliberare. Più del 90% dei giapponesi asseconda il desiderio dell’imperatore. Forse una nuova era imperiale nel 2018-2019 per il trono del crisantemo.



    03/02/2014 GIAPPONE
    Tokyo, per la prima volta nella storia sarà possibile visitare il Palazzo imperiale
    La struttura, edificata sulle rovine del Castello Edo, copre un'area di 1,15 milioni di metri quadri e non è mai stata aperta al pubblico. La decisione è stata presa per festeggiare l'80 compleanno di Akihito, ma secondo alcuni analisti mira a rilanciare la figura imperiale in vista della successione.

    12/09/2006 GIAPPONE
    Tokyo, il nuovo principe si chiama Hisahito "dalla vita lunga e tranquilla"

    Secondo il protocollo imperiale, è stato comunicato oggi il nome del terzo maschio in linea di successione per il trono del crisantemo. Entusiasmo nel Paese per la nascita dell'erede.





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®