17 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 06/07/2017, 11.10

    QATAR-GOLFO

    Toni più pacati, ma la crisi fra Doha, Riyadh e Abu Dhabi continua, anzi peggiora

    Pierre Balanian

    L’ultimatum si è concluso con un nulla di fatto. I Fratelli Musulmani - ben visti da Usa e Gran Bretagna - bollati come “organizzazione terrorista” anche dal Bahrain. Ridotte le pretese verso Al Jazeera. Il carattere indipendente del Qatar e le mire di potere del principe degli Emirati.  Il wahhabismo alla conquista di tutto il Medio oriente.

    Riyadh (AsiaNews) – L’ultimatimum nei confronti del Qatar (allungato di 48 ore) è scaduto ieri con un nulla di fatto e  una conferenza stampa priva di contenuti, tenuta dai quattro ministri degli Esteri dei Paesi accusatori: Arabia saudita, Emirati arabi uniti, Bahrain ed Egitto. I giornalisti venuti per ascoltare quali sarebbero state le reazioni dopo la scadenza dell’ultimatum ed  il rifiuto del Qatar di sottostare alle condizioni, sono ripartiti con la misera risposta del ministro degli Esteri del Bahrain, Khaled Ben Ahmed Al Khalifa: “ Le decisioni da prendere necessitano tempo”. Egli ha fatto anche sapere che i quattro Paesi hanno deciso di riunirsi periodicamente per decidere sul da farsi e che la prossima riunione si terrà a Manama, capitale del Bahrain, l’anello più debole della coalizione anti-Qatar, il cui regno sopravvive grazie all’azione militare dell’Arabia Saudita e degli Emirati.

    L’unica novità registrata è che si è deciso “di riconoscere come organizzazione terroristica il Movimento dei Fratelli Musulmani ormai fuori legge nei quattro Paesi e che si procederà all’arresto di tutti i membri, simpatizzanti, sostenitori e diffensori”. Ma anche su questo non vi è molto di nuovo: tale ultima decisione riguarda soltanto il Bahrain dal momento che il Movimento dei Fratelli Musulmani è già fuori legge in Egitto ed Arabia Saudita (dal 2013) e negli Emirati Arabi Uniti (dal novembre 2014), mentre Stati Uniti e Gran Bretagna rifiutano di classificare gli Ikhwan (Fratelli Musulmani) come gruppo terroristico.

    Durante la Conferenza stampa congiunta dei quattro ministri degli esteri si è comunque rilevato un abbassamento di tono nelle dichiarazioni e secondo indiscrezioni da Riyadh, sembrerebbe che i quattro Paesi siano giunti alla conclusione di rivedere le condizioni dettate come ad esempio quella inerente all’emittente Al Jazeera di cui si chiede la chiusura. Basterebbe un cambiamento di stile redazionale dell’emittente, ovvero astenersi dal criticare la famiglia reale saudita e gli Emirati pena   l’annullamento dell’autorizzazione ad emettere via i satelliti di Nile Sat e Arab Sat ( sanzione già applicata contro la Tv di stato siriana e Al Manar, la Tv degli Hezbollah).

    Unica condizione che è passata sempre in sordina riguarda l’ultimo ed unico pensatore scrittore ed accademico cristiano arabo di grande calibro e credibilità ancora esistente nel mondo islamico e che vive in Qatar e la cui espulsione viene anch’essa richiesta senza margine di trattiva, si tratta di Azmi Antun Bshara, nato a Nazareth nel 1956, ex membro della Knesset israeliana e sostenitore dell’unità araba.

    Da tutto ciò emerge ancora una volta che la crisi del Golfo e la lotta contro il Qatar hanno dato  man forte ai wahhabiti nella loro lotta per il dominio del mondo sunnita e delle minoranze non islamiche. La domanda che in tanti si pongono è: come mai ora? E quali sono le motivazioni dell’improvvisa sopremazia dei wahhabiti tekfiri sui Fratelli Musulmani? E chi è il vero sostenitore del nuovo potere wahhabita?  

    Il motore della crisi contro il Qatar si trova non a Riyadh bensì negli Emirati arabi uniti e precisamente nelle mani di Mohamed Ben Zayed, principe di Abu Dhabi, figlio del fondatore degli Emirati, fratello dell’attuale Principe degli Emirati ed erede al trono, oltre che ministro della difesa degli Emirati.

    E’ lui la mente che governa tutti i Paesi del Golfo arabo, ad eccezione di Qatar, Oman e Yemen. L’odio nei confronti di Doha proviene dalla natura indipendentista del Qatar, da sempre amante della propria autonomia decisionale sin dall’era passata quandi i Qatarioti erano semplici pescatori di perle che vagavano per gli oceani asiatici commerciando le loro perle e sfidando i pirati degli Emirati. Il Qatar ha benessere, successi finanziari, mediatici (attraverso Al Jazeera) e diplomatici; è l’unico emirato ad intrattenere ottimi rapporti con gli amici, ma anche coi nemici del Golfo ( l’Iran, la Russia, la Cina, Israele ecc..). Tutto ciò non va a genio agli Emirati arabi uniti che mirano ad essere il numero uno della regione.

    Il desiderio di vendetta nei confronti del Qatar covava da decenni da quando il 2 dicembre 1971 vennero creati gli Emirati Arabi dall’unione dei piccoli principati di quelli che una volta erano conosciuti come i Principati della costa dell’Oman. Il Qatar era stato invitato a far parte degli Emirati, ma Doha rifiutò scegliendo di rimanere indipendente con una velleita che supera la sua estensione geografica di 10.700 kmq.

    La creazione del Consiglio dei Paesi del Golfo, 36 anni fa, aveva placato le tensioni per anni ma la primavera araba e il sostegno del Qatar alla rivolta in Egitto, che ha spodestato Hosni Mubarak -  amico di famiglia del Principe degli Emirati - ha riacceso le rivalità.

    Da qui l’alibi per la crisi sostenuta da Arabia Saudita ed Emirati Arabi : il Qatar sostiene il terrorismo islamico. Il ministero siriano degli Esteri ha definito tale accusa insieme “patetica e comica”, in quanto nessuno dei tre Paesi è immune dall’accusa. Basti pensare alla nazionalità degli attaccanti delle due Torri gemelle a New York; a chi ha creato i Talebani, Al Qaeda e infine Daesh con tutte le sue miriadi di gruppuscoli sparsi in Siria ed Iraq per rendersi conto che Arabia Saudita ed Emirati sono gli ultimi a potere rivolgere tale accusa. Basta vedere i libri di fondamentalismo islamico lasciati dietro dai terroristi in fuga da Iraq e Siria per accorgersi che il libro di testo di insegnamento dogmatico più diffuso fra i terroristi è quello di Mohamed Ben Abdel Wahhab, fondatore del wahhabismo. Eppure, con la luce verde degli Stati Uniti, si continua a sostenere il wahhabismo.

    Anche la visita di Trump a Riyadh è da attribuire all’abilità degli Emirati. Mohamed Ben Zayed di Abu Dhabi ha saputo giocare in tempo, approfittando del passaggio di potere nella famiglia reale  dei Saud, fondatori del regno, dai figli ai nipoti. Finita la generazione dei figli, con l’ultimo re Salman ormai ammalato e sul punto di lasciare il trono, è iniziata la lotta per il trono fra gli oltre 1500 nipoti esistenti. Fra i primi classsificati vi erano Mohamed ben Nayef, sostenuto dal Qatar, e Mohamed ben Salman, che compirà 32 anni ad agosto, sostenuto dagli Emirati. A Mohamed ben Salman del quale si dice è disposto a tutto pur di diventare il prossimo re, serviva ottenere vittoria su tre condizioni: l’avallo della famiglia Al Saud; quello dei religiosi wahhabiti e il consenso americano.

    Mohamed Ben Zayed di Abu Dhabi ha mobilitato la lobby finanziaria e mediatica degli Emirati negli Stati Uniti ed è riuscito a fare di Mohamed Ben Salman l’erede al trono. In cambio, il nuove erede al trono si è alleato in pieno con gli Emirati portando con sé il Bahrain. L’Egitto vi si è aggiunto perché ha ha i suoi motivi nella lotta contro i Fratelli Musulmani.

    Con la sconfitta di Mohamed Ben Nayef sul quale puntava il Qatar, è stato possibile isolare Doha sferrando l’attacco contro i Fratelli Musulmani, come voluto dai wahhabiti in Arabia Saudita,  ora sostenuti anche e con più fermezza pure da Abu Dhabi.

    Resta la carta di Hamas ( Fratelli Musulmani) che sostiene anche i gruppi anti Sissi nel Sinai. Riuscirà l’Egitto ad prendere per la gola Hamas, e la Striscia di Gaza, accerchiata e priva di corrente elettrica in questa stagione estiva?  Farseli alleati attraverso l’apertura del valico di Rafah, ora che Qatar è isolato potrebbe essere un’occasione irripetibile. Il valico è chiuso da 100 giorni per esso gli Emirati arabi hanno già speso milioni di dollari per renderlo sicuro e protetto.

    La partita continua ed il braccio di ferro fra Abu Dhabi e Qatar sembra essere ancora agli inizi.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/07/2017 11:24:00 QATAR - GOLFO
    Crisi Golfo, analista Al Jazeera ad AsiaNews: stabilità in pericolo, ma l’Occidente è inerte

    Uno scontro inasprito da questioni politiche e personali che vede opposte due “visioni” del Medio oriente. Doha vuole riforme e maggiore libertà; per Riyadh e Abu Dhabi vi sono minacce per le monarchie e il loro dominio. Il Qatar respinge le richieste dei sauditi, che preparano nuove sanzioni. L’anomala escalation della controversia che cancella diplomazie e relazioni internazionali. 

     



    03/08/2017 08:56:00 QATAR - ITALIA
    Doha annuncia l’acquisto di sette navi da guerra dall’Italia per 5 miliardi di euro

    Il contratto firmato da Fincantieri porterà lavoro a circa 1000 italiani. In Qatar operano 40 società italiane. Il potenziamento della difesa nazionale, a scapito del sistema regionale “Scudo del Golfo” a leadership saudita.



    05/07/2017 08:52:00 EGITTO - QATAR - GOLFO
    Crisi del Golfo: il fronte anti-Qatar si incontra al Cairo. Per Doha richieste “impraticabili”

    Previsto per oggi un vertice fra Arabia Saudita, Bahrain, Emirati Arabi Uniti ed Egitto. Ieri è arrivata la risposta del Qatar alla lista di richieste avanzate dagli alleati del Golfo. Nessuna notizia è trapelata sul contenuto della missiva. Ieri il ministro degli Esteri del Qatar aveva definito “irreali e impraticabili” le imposizioni a Doha e denunciato un attacco alla “ libertà di pensiero”. 

     



    05/06/2017 08:55:00 QATAR - GOLFO
    Fronte arabo contro il Qatar: fomenta il terrorismo e mina la sicurezza della regione

    Arabia Saudita, Bahrain, Egitto ed Emirati Arabi Uniti chiudono le frontiere e rompono le relazioni diplomatiche con Doha. Le sue politiche e il sostegno ai gruppi estremisti sono fonte di instabilità per il Medio oriente. Nelle scorse settimane presunte dichiarazioni sull’Iran dell’emiro del Qatar avevano alimentato la tensione. 

     



    17/07/2017 11:43:00 QATAR - GOLFO
    Gli Emirati dietro le false notizie che hanno innescato la crisi del Golfo

    È quanto rivelano fonti ufficiali Usa rilanciate dal Washington Post. Abu Dhabi smentisce e afferma di “non aver ricoperto alcun ruolo” nella vicenda. La Fifa smentisce le voci secondo cui l’Arabia Saudita e altre nazioni arabe avrebbero chiesto di togliere i mondiali del 2022 al Qatar.

     





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®