30 Agosto 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 09/03/2015, 00.00

    SIRIA

    ULTIM'ORA: Non tutti i cristiani ostaggi in Siria sono stati liberati. Rapite altre famiglie



    Damasco (AsiaNews) - Non tutte le 52 famiglie cristiane prese in ostaggio dallo Stato islamico sono state liberate. Lo annuncia mons. Mario Zenari, correggendo in parte la notizia data da lui stesso ad AsiaNews, secondo cui tutte le famiglie erano state tratte in salvo e senza riscatto.

    Parlando in serata ad AsiaNews, il nunzio afferma di aver ricevuto oggi la notizia che la liberazione delle famiglie è avvenuta solo in parte. "La mia fonte mi ha detto che la liberazione era stata ormai decisa e sembrava cosa fatta. Alcune decine di famiglie avevano già preso l'autobus per allontanarsi dalla zona della cattività". Mentre le restanti famiglie si preparavano a prendere altri autobus messi a disposizione, ad un certo punto vi è stata un'imboscata - probabilmente da pare di alcuni combattenti curdi - e i miliziani dello SI hanno bloccato l'operazione. Il nunzio precisa che "vi sono ancora diverse famiglie nelle mani dello SI e che anzi sono state rapite altre famiglie da tre villaggi". Ora la situazione si è di nuovo confusa e non si sa bene come si svilupperà.

    Mons. Zenari tiene a precisare che il caso di queste famiglie cristiane "non è da paragonare all'esecuzione dei giovani 21 copti uccisi in Libia. Qui si tratta di un rapimento in cui i cristiani sono stati usati come scudi umani" durante la ritirata delle milizie dello SI incalzate dai curdi.

    Fonti di AsiaNews fanno notare che in molti casi di cristiani rapiti avvenuti in Siria, vi è riguardo verso i cristiani, soprattutto se i combattenti dello SI sono siriani. In Siria anche i musulmani conoscono l'impegno della Chiesa verso i poveri e verso la gioventù. Non è lo stesso quando i miliziani provengono da Paesi islamici come la Cecenia, l'Arabia saudita o il Qatar.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/10/2012 SIRIA - VATICANO
    Commissione Onu: Centinaia di jihadisti in territorio siriano
    Gruppi legati ad Al Qaeda ricevono armi da Arabia saudita e Qatar e rischiano di "radicalizzare" il conflitto. Per l'Onu la loro presenza è "pericolosa" perché "non combattono per la democrazia e la libertà, ma per una loro agenda". I tentativi di Brahimi per una tregua durante la festa di Eid al-Adha. A Damasco si attende la delegazione vaticana, voluta dal papa per esprimere la vicinanza della Chiesa ai cristiani siriani e alla popolazione. L'unica via è "una soluzione politica".

    13/03/2015 SIRIA
    Nunzio a Damasco: nessuna novità sui cristiani rapiti, ma “fiducioso” per un esito positivo
    Interpellato da AsiaNews mons. Zenari riferisce che circa 200 fedeli restano nelle mani dello Stato islamico. Il rammarico per una liberazione sfumata all’ultimo, a causa di una imboscata che ha costretto i jihadisti alla ritirata. Per il prelato vi è ancora la “buona volontà per trovare una soluzione”.

    09/03/2015 SIRIA
    Nunzio a Damasco: liberate senza riscatto le 52 famiglie cristiane rapite dallo Stato islamico
    Gli ostaggi, parte del gruppo di 250 persone sequestrate dai jihadisti, sono stati rilasciati e non risultano pagamenti in denaro. Nelle mani dei miliziani vi sarebbero ancora 16 persone, otto cristiani e otto curdi. Mons. Zenari: “Usati come scudi umani”. Ieri giornata di combattimenti a Damasco e Aleppo.

    13/03/2014 SIRIA-LIBANO
    Vescovi greco-cattolici: Una Siria unificata, libera, democratica e pluralista
    Il raduno della conferenza dei vescovi di Siria ha dovuto tenersi in Libano, a causa della situazione. Vicinanza e solidarietà alle vittime. Il ricordo dei vescovi, sacerdoti e fedeli rapiti. Almeno 100 chiese sono state danneggiate o distrutte. Gli auguri a papa Francesco e la promessa di "non spegnere" la speranza.

    27/12/2012 SIRIA
    Diserta e fugge in Turchia il capo della polizia militare siriana
    Sempre più ufficiali e soldati disertano e vanno a rafforzare l'opposizione armata. L'esercito regolare si è trasformato in "una banda di assassini e distruttori". Dopo il massacro di Halfaya, oltre 1000 siriani sono fuggiti in Turchia. L'appello di Benedetto XVI per una soluzione politica alla crisi.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Nei dialoghi Cina-Santa Sede c’è silenzio sul destino dei preti sotterranei

    Zhao Nanxiong

    Entro la fine dell’anno, tutti i sacerdoti devono registrarsi per ricevere un certificato che permetta loro di esercitare il ministero. Ma la richiesta deve passare attraverso l’Associazione patriottica, i cui statuti sono “incompatibili” con la dottrina cattolica. Molti sacerdoti, ufficiali e non ufficiali, sono in un grande dilemma.


    IRAQ
    Alqosh, nonostante l'Isis la Chiesa festeggia la prima comunione di cento bambini



    Nella festa dell’Assunta l’intera comunità ha partecipato alla funzione, celebrata da Mar Sako. Vicario patriarcale: momento storico per una cittadina di frontiera a lungo minacciata dai jihadisti. Il primate caldeo invita i bambini a “contribuire alla vita della comunità”. A Kirkuk sua beatitudine ha inaugurato una grotta dedicata alla Madonna. 


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    SIMPOSIO ASIANEWS 2016

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®