30 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 28/01/2016, 11.51

    ISLAM

    Una Carta per i diritti delle minoranze nei Paesi musulmani. Firmata da leader islamici



    In una Dichiarazione comune centinaia di personalità del mondo musulmano chiedono pari diritti a tutti. Alla base della convivenza comune vi è il concetto di cittadinanza. Condanna per quanti usano la religione per “aggredire le minoranze” e la lotta armata “come mezzo per dirimere i conflitti e imporre il proprio punto di vista”. E dagli istituti educativi una revisione coraggiosa dei curriculum. Il testo integrale del documento.

    Marrakesh (AsiaNews) - Sviluppare una giurisprudenza "fondata sul concetto di ‘cittadinanza’, che sia inclusivo dei diversi gruppi [… che sia] radicata nella tradizione islamica e nei principi e negli elementi frutto dei cambiamenti globali”. E ancora, contrastare quanti usano “la religione allo scopo di aggredire i diritti delle minoranze religiose nelle nazioni musulmane”. È quanto afferma un gruppo di leader religiosi, intellettuali ed esperti di fede islamica in una Dichiarazione comune volta a rilanciare il dialogo e la pari dignità fra fedi religione. 

    Su invito del re Mohammad VI del Marocco, 250 leader musulmani - fra studiosi ed esperti di legge - si sono riuniti dal 25 al 27 gennaio a Marrakesh per discutere dei diritti delle minoranze religiose nel mondo musulmano, la convivenza, la loro protezione. Alla base dell’iniziativa, la considerazione che “in molte parti del mondo musulmano si sono deteriorate in modo pericoloso negli ultimi tempi a causa dell’uso della violenza e della lotta armata come mezzo per dirimere i conflitti e imporre il proprio punto di vista”. 

    Fra i promotori dell’iniziativa vi è anche l’associazione Religions for Peace, la principale organizzazione attiva dal 1970 per la promozione della pace e del dialogo fra le più importanti religioni al mondo. Essa è sostenuta da fondazioni governi, ong comunità religiose e agenzie pro diritti.
    Ecco, di seguito, il testo della dichiarazione. 

    In nome di Dio, il Misericordioso, il Compassionevole, 

    Sintesi della Dichiarazione di Marrakesh sui diritti delle minoranze religiose nei Paesi a maggioranza musulmana. 

    25-27 gennaio 2016

    Considerato che le condizioni in molte parti del mondo musulmano si sono deteriorate in modo pericoloso negli ultimi tempi a causa dell’uso della violenza e della lotta armata come mezzo per dirimere i conflitti e imporre il proprio punto di vista;

    Considerato che questa situazione ha inoltre indebolito l’autorità dei governi legittimi e permesso a gruppi criminali di emanare editti attribuiti all’islam ma che, nei fatti, distorcono in modo allarmante i suoi principi fondamentali e gli obiettivi, in modo tale da mettere in pericolo l’intera popolazione; 

    Considerato che quest’anno si celebrano i 1400 anni della Carta di Medina, un contratto di natura costituzionale fra il Profeta Maometto (“la pace sia su di lui”) e la popolazione di Medina, che garantiva libertà religiosa per tutti, a dispetto della fede professata;

    Considerato che centinaia di studiosi e intellettuali musulmani provenienti da oltre 120 nazioni, assieme a rappresentanti delle organizzazioni islamiche e internazionali, così come i leader di diversi gruppi religiosi e nazionalità, si sono dati appuntamento a Marrakesh in questi giorni per riaffermare i principi della Carta di Medina nel corso di un’importante conferenza; 

    Considerato che questa conferenza si è tenuta sotto gli auspici benevoli di sua Maestà, il re Mohammed VI del Marocco, e organizzata in collaborazione fra il Ministero degli Affari islamici e della dote nel regno del Marocco e il Forum per la Promozione della pace nelle società musulmane negli Emirati Arabi Uniti; 

    Ed evidenziando la gravità di questa situazione che colpisce i musulmani, così come le persone di altre fedi religiose in tutto il mondo, e al termine di discussioni e delibere, gli intellettuali e gli studiosi musulmani qui riuniti;

    Dichiariamo di comune accordo il nostro fermo impegno nel rispetto dei principi articolati nella Carta di Medina, le cui direttive contengono una serie di direttive che regolano il contratto di cittadinanza sul piano costituzionale. Fra queste vi sono la libertà di movimento, il diritto alla proprietà, la solidarietà reciproca e la difesa, così come i principi di giustizia ed eguaglianza davanti alla legge; e, per questo, 

    Gli obiettivi della Carta di Medina forniscono un quadro adeguato per le costituzioni nazionali nei Paesi a maggioranza musulmana; la Carta delle Nazioni Unite e i relativi documenti, fra i quali la Dichiarazione universale dei diritti umani, sono in armonia con la Carta di Medina, ivi compreso il punto in cui si prende in considerazione il problema dell’ordine pubblico. 

    Osservando inoltre che la riflessione profonda sulle varie crisi che affliggono l’umanità sottolineano il bisogno urgente e inevitabile di cooperazione fra gruppi religiosi, noi 

    Affermiamo dunque che questa collaborazione deve essere fondata su una “parola comune”, e che questa collaborazione vada oltre la tolleranza e il rispetto reciproco, affinché garantisca piena protezione ai diritti e alle libertà di tutti i gruppi religiosi, in un’ottica civile che rifugga la coercizione, il biasimo e l’arroganza. 

    Basandoci su quanto detto sinora, con la presente:

    Invitiamo gli studiosi e intellettuali musulmani di tutto il mondo a sviluppare una giurisprudenza fondata sul concetto di “cittadinanza”, che sia inclusivo dei diversi gruppi. Questa giurisprudenza deve essere radicata nella tradizione islamica e nei principi e negli elementi frutto dei cambiamenti globali. 

    Invitiamo gli istituti educativi musulmani e le autorità preposte a condurre una revisione coraggiosa dei curriculum educativi, che affrontino in modo onesto ed efficace ogni argomento che fomenti l’aggressione e l’estremismo, che conduca alla guerra e al caos, e comporti la distruzione delle nostre società condivise;

    Esortiamo i politici e decision maker a intraprendere passi politici e giuridici volti a stabilire un contratto di cittadinanza fra le persone, sostenendo tutte le formule e le iniziative che rafforzino le relazioni e la comprensione fra i vari gruppi religiosi nel mondo musulmano; 

    Ci rivolgiamo agli artisti, agli educatori, ai creativi delle nostre società, così come alle organizzazioni della società civile, per la nascita di un più ampio movimento che regoli il trattamento delle minoranze religiose nelle nazioni musulmane, affinché contribuisca ad aumentare la consapevolezza dei loro diritti, e lavori insieme a loro per assicurare il successo di questi sforzi. 

    Invitiamo anche i vari gruppi religiosi, uniti dal medesimo tessuto nazionale, ad affrontare il loro stato reciproco di amnesia selettiva che blocca il ricordo di secoli di unione e di vita comune sulla stessa terra; ci rivolgiamo a loro per ricostruire il passato, rilanciando questa tradizione di convivialità, ripristinando la nostra fiducia reciproca erosa da estremisti che hanno compiuto atti di aggressione e di terrore; 

    Invitiamo i rappresentanti delle varie religioni, sette e denominazioni a contrastare tutte le forme di fanatismo religioso, diffamazione e denigrazione di ciò che le persone ritengono sacro, così come tutti i discorsi che promuovono odio e fanatismo. E, infine, 

    Affermiamo che è inconcepibile usare la religione allo scopo di aggredire i diritti delle minoranze religiose nelle nazioni musulmane. 

    Marrakesh

    27 gennaio 2016 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/07/2015 EUROPA - ISLAM
    Imam di Nîmes: Lo Stato islamico uccide i cristiani, e rischia di eliminare anche l’islam dall’Europa
    L’islam politico sta diventando un “islam delinquente” che valorizza la menzogna, l’odio, l’inimicizia. I nemici sono i “cristiani” e tutto l’occidente. Ma l’islam ha avuto epoche in cui dialogo, ragione, incontro, assimilazione erano tenuti in grande stima. L’islam guerriero che tanto affascina molti giovani, è frutto di miti e manipolazioni e spinge all’islamofobia. E’ tempo di far nascere e crescere un islam europeo, garante della libertà di coscienza e capace di convivere con cristiani ed ebrei. Risolvere col dialogo il problema palestinese.

    11/04/2016 15:29:00 SIRIA
    Al-Qaryatayn: 21 cristiani uccisi dallo Stato islamico, altri ancora nelle mani dei jihadisti

    È quanto denuncia il patriarca siro-ortodosso Ignazio Aphrem II. Le uccisioni risalgono al tempo dell’assedio alla città e nelle settimane successive. P. Michel: "In corso trattative per liberare gli ostaggi, ma la situazione è confusa". Incertezze sulla loro sorte. I miliziani avrebbero cercato di vendere le donne cristiane come schiave. 



    07/08/2015 IRAQ
    Mar Sako: ad un anno dalla tragedia di Mosul, solo unità e riconciliazione salveranno l’Iraq
    Nel primo anniversario del grande esodo dalla piana di Ninive, il patriarca caldeo invia una lettera appello al governo e al Parlamento. Egli denuncia le difficili condizioni in cui vivono ancora oggi cristiani e yazidi, e le migliaia di morti fra i musulmani. La pace unica risposta alla violenza dei gruppi estremisti che “sfruttano la religione”.

    05/08/2015 IRAQ
    Vescovo curdo: raid aerei turchi nuova minaccia per i cristiani fuggiti dallo Stato islamico
    Mons. Rabban al Qas, vescovo di Duhok, afferma che gli attacchi dei caccia di Ankara “cominciano a fare paura”. Le bombe provocano danni e vittime, i timori alimentano “il desiderio di fuga”. Intanto i profughi della piana di Ninive cercano di ricostruirsi una vita, con una casa e un lavoro. Nel fine settimana 50 bambini della diocesi riceveranno la prima comunione.

    03/08/2015 IRAQ
    Arcivescovo di Erbil: scuola, istruzione per salvare i cristiani dalla barbarie dello Stato islamico
    Ad un anno dall’invasione della piana di Ninive. mons. Bashar Warda racconta la situazione dei profughi cristiani. La regione curda è “sicura” ma “aspettiamo la liberazione” delle nostre terre. Alloggi, strutture sanitarie, scuole le priorità. L’istruzione e l’alfabetizzazione dei ragazzi la risposta alle violenze jihadiste, per il futuro dei cristiani in Iraq.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®